Sabato, 23 Giugno 2012 15:20

Tarabbo contro tutti: 'La sanità vibonese è un terreno di scontro politico. Mancano strutture, risorse e personale'

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 2127 volte

mini asp-viboÈ un fiume in piena l’ammiraglio Mario Tarabbo, ormai  ex direttore sanitario dell’Asp di Vibo, che nella conferenza stampa d’addio non risparmia nessuno: “La buona sanità è come un tavolo che si regge su 3 gambe: risorse economiche, strutture e personale. Se una sola di queste viene meno il tavolo cade. Nell’Asp di Vibo le risorse latitano, il personale è ridotto al lumicino, pericolosamente vicino al punto di rottura, oltre il quale si deve chiudere. Gli ospedali sono obsoleti e costosi, inadeguati anche sotto il profilo della sicurezza e la loro ristrutturazione è impossibile oltre che antieconomica, si possono mettere solo toppe. Lo Jazzolino è diventato ‘spoke’ ma ha cambiato solo la denominazione

, la struttura infatti è sempre quella, inadeguata ad ospitare le specializzazioni previste. Bisogna al più presto costruire un vero ospedale. Tropea non può assicurare i servizi indicati dal piano di rientro (ospedale generale con medicina e chirurgia h24) per forti carenze di personale ma anche strutturali, con una sala operatoria non a norma ed in cui non esiste una vera terapia intensiva post operatoria. La quantità e qualità degli interventi è nettamente inferiore a quanto previsto in un ospedale generale. Mentre il ‘San Bruno’ di Serra, indicato dal piano di rientro come ospedale di montagna, con medicina, day surgery, un posto di primo soccorso, nessun laboratorio e telemedicina radiologica – secondo Tarabbo –  ha beneficiato di una forzatura che ci ha permesso di lasciare un laboratorio, la radiologia e la fisioterapia”. Dichiarazioni lapidarie quindi sulle condizioni della sanità vibonese, che cozzano palesemente con quanto asserito dal Commissario Straordinario Scopelliti che ha recentemente dipinto un quadro in crescita ovunque per l’intera sanità regionale. Poi l’ammiraglio specifica: “La questione del personale è tragica, siamo quotidianamente costretti a rimodulare le presenze nei reparti per evitarne la chiusura, che però di questo passo si fa sempre più vicina”. Il Piano di Rientro ha bloccato assunzioni e turn over. Molte professionalità nel 2011 sono andate in pensione o sono emigrate in altre regioni o province senza che nessuno le abbia mai sostituite. “Il blocco del turn over dovrebbe durare fino al 31 dicembre prossimo, ma io ho qualche dubbio - asserisce l’ammiraglio - per il momento il personale è molto carente ed un quarto di quello in servizio ha delle limitazioni o gode dei benefici della 104, per cui non può lavorare di notte, in reperibilità o sollevare pesi. Quindi ben il 25% dice di avere il genitore ammalato, la zia che non sta bene o il bambino disabile da assistere, capisce? In Emilia è appena il 3%. Forse è l’aria”. Ciò determina una gestione quasi impossibile del personale, molti da tempo non vanno in ferie. “Quelli che lavorano sono, nel loro piccolo degli ‘eroi’. Ho trovato diversi medici valenti, alcuni stimati nel resto d’Italia e all’estero. Li ho trovati frustrati e depressi: meriterebbero ben altra situazione.”

Già da domani Tarabbo abbraccerà il suo nuovo incarico a Roma dove farà parte della commissione d’inchiesta sugli effetti dell’uranio impoverito, e potrà quindi, finalmente per lui, lasciarsi alle spalle le annose vicende dell’Asp vibonese di cui per circa 2 anni è stato direttore sanitario. Ma prima di andare via, l’ammiraglio vuole togliersi qualche sassolino dalla scarpa con la politica vibonese e lo fa senza mezzi termini, riferendosi in particolare al presidente della commissione sanità Nazzareno Salerno ed al senatore Bevilacqua che per tutto il corso della gestione hanno accusato Tarabbo di non aver agito per la discontinuità con il passato: “Sanno bene che non si può licenziare. Non è discontinuità spostare qualche dirigente. O si chiede discontinuità solo per giubilare un dirigente che non piace? Noi abbiamo piuttosto messo fine a quel via vai di politici. L’Asp è la maggiore azienda del Vibonese è perciò è per loro terreno di scontro, un gioco al massacro deleterio”. Poi conclude: “Andando via mi sento di augurare buona fortuna non solo ai vostri politici, ma soprattutto ai vibonesi”. Ne hanno davvero bisogno.

Articoli correlati (da tag)

  • Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri

    Un’arma a doppio taglio quella della sempre più diffusa tendenza ad affidarsi all’e-Commerce per l’acquisto di prodotti di ogni genere. Una pratica che da una parte permette al cliente di avere il prodotto desiderato recapitato direttamente a casa propria in un breve lasso di tempo, ma che da un altro punto di vista sta concorrendo a affossare ulteriormente il mercato locale e le attività commerciali presenti sul territorio.

    Una questione aperta anche per i paesi della provincia di Vibo Valentia che sta via via scalando posizioni nella classifica dei territorio dove si ricorre con maggiore frequenza allo shopping online. A diffondere i dati del fenomeno è stato il gruppo Poste Italiane che ha proprio sottolineato come nella nostra provincia stia letteralmente volando l’e-Commerce nella fascia centrale della Calabria che comprende proprio le province di Vibo e Catanzaro, dove «nei primi nove mesi del 2018 Poste Italiane ha consegnato oltre 365mila pacchi. In pratica, quasi due pacchi a testa per ogni abitante, a dimostrazione dell’abitudine sempre più diffusa allo shopping online in ogni parte d’Italia, anche grazie alla capillarità e alla flessibilità del servizio di Poste Italiane che prevede consegne anche di sera e nel week end».

    Le principali categorie di acquisto riguardano l’abbigliamento (52%), libri e riviste (45%), ma anche cellulari, smartphone e tablet (37%), piccoli elettrodomestici (30%), prodotti per la cura del corpo (30%) o audio /video (30%). Il settore sarebbe dunque in crescita esponenziale, tanto che secondo le stime elaborate dal Politecnico di Milano in collaborazione con il consorzio Netcomm, il giro d’affari complessivo dell’e-commerce italiano raggiungerà a fine 2018 i 27 miliardi di euro, con un aumento del 15% rispetto all’anno precedente. Un trend di crescita che proseguirà nei prossimi anni, visto che il ritardo del nostro Paese nei confronti dei mercati più avanzati non è ancora colmato.

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Playoff serie D | Rammarico Vibonese, rossoblu sconfitti in pieno recupero a Frattamaggiore Playoff serie D | Rammarico Vibonese, rossoblu sconfitti in pieno recupero a Frattamaggiore

    Si è conclusa in semifinale l'avventura della Vibonese negli spareggi promozione di serie D, girone “I”.

  • Serie D | Vibonese raggiunta al 90° dalla Cavese. Risultati e classifica Serie D | Vibonese raggiunta al 90° dalla Cavese. Risultati e classifica

    È un pareggio che sa di beffa quello rimediato dalla Vibonese nella sfida interna contro la Cavese, terza forza del campionato, valevole per la 37^ giornata del campionato nazionale di serie D, girone “I”.

  • Dinami, arriva Alfano e si riparano le strade. Mangialavori: «Meglio mostrare la realtà» Dinami, arriva Alfano e si riparano le strade. Mangialavori: «Meglio mostrare la realtà»

    Riceviamo e pubblichiamo

    Il ministro Angelino Alfano farà visita a Melicuccà di Dinami il prossimo 4 maggio, al fine di inaugurare un Centro di aggregazione sociale, finanziato con fondi del Pon Sicurezza dello stesso dicastero. Con l’occasione si è messa in moto la macchina organizzativa che fra i vari rituali prevede anche la pulizia dei cigli stradali, la copertura delle varie buche e la sistemazione di qualche avvallamento.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno