Mercoledì, 28 Novembre 2012 17:39

Acquaraggia e Acquaforte

mini manifestazione_alaco_20_ottobre_2012Riceviamo e pubblichiamo:

Bravi, ragazzi. Continuate così. Vi ho visto all’opera il 20 ottobre alla Lacina. Ho ascoltato le vostre parole con attenzione.

Non è stata una semplice manifestazione di protesta. C’era molta concretezza: capire che cosa è successo veramente, qual è la situazione e cercare la soluzione giusta.

Nel mio breve intervento volevo dire proprio questo: essere concreti. Il problema dell’acqua è planetario. Viene al secondo posto dopo quello dell’aria. Senza l’aria e senza l’acqua si muore. Poi viene tutto il resto. Le prossime guerre saranno per l’acqua, non più per il petrolio. Del petrolio si può fare a meno, dell’acqua no. E’ questo che scatena gli appetiti degli speculatori.

Pubblicato in LO STORTO
Sabato, 24 Novembre 2012 22:31

Il Prisma/36. Inferno

mini IMG_0136_800Il Prisma (rubrica fotografica settimanale a cura di Filippo Rachiele).

La copertina della rubrica si intitola "Pianoforte".

"C'è a chi piace suonare, a chi cantare e a chi scrivere libri a me piace scattare foto..." 


Pubblicato in CULTURA

mini reggio_lungomareCome abbondantemente annunciato, l’amministrazione comunale di Reggio Calabria è stata sciolta. Nel tardo pomeriggio di martedì, a Consiglio dei Ministri ancora in corso, la ‘novità’ è rimbalzata tempestiva da Roma allo Stretto, inondando il web, i giornali e le strade. Qualcuno ha incitato ai caroselli, come se si trattasse della promozione in A della Reggina. Altri semplicemente hanno provato vergogna.

Ma adesso che la sbornia è passata la cruda realtà dei fatti ci riporta al quotidiano. Ci racconta che Reggio è malata. Schiava di un sistema che la uccide lentamente e che lei stessa paradossalmente alimenta.

Pubblicato in LO STORTO
Domenica, 26 Agosto 2012 20:38

Il Prisma/25. sCultura

mini IMG_0136_800Il Prisma (rubrica fotografica settimanale a cura di Filippo Rachiele).

La copertina della rubrica si intitola "Pianoforte".

"C'è a chi piace suonare, a chi cantare e a chi scrivere libri a me piace scattare foto..." 

Pubblicato in CULTURA

mini pino-masciari''Il testimone di giustizia Pino Masciari e' in grave pericolo di vita. Alle ore 8 di oggi e' stato lasciato senza scorta a Cosenza''. E' quanto afferma, in una nota, il comitato costituito dagli amici di Pino Masciari, noto testimone di giustizia antindrangheta originario di Serra San Bruno, dove aveva sede la sua attività imprenditoriale che, negli anni '80 e '90, è stata oggetto delle "attenzioni" della malavita, che Masciari ha denunciato. ''Siamo stati testimoni oculari - aggiungono gli amici di Pino Masciari - di un atto gravissimo. Adesso non sappiamo dov'e' Pino e temiamo per la sua vita''.

Pubblicato in CRONACA

mini enzo ciconteTerremoto politico a Catanzaro, dove il rebus della candidatura a sindaco del neo costituito Terzo Polo, o Polo di Centro, continua a non sciogliersi. Martedì Enzo Ciconte, consigliere regionale, aveva ricevuto l'investitura ufficiale dall'Udc romano, direttamente da Casini e Cesa. Sembrava ormai tutto deciso, e invece oggi è arrivato il ritiro di Ciconte, che ha annunciato di rinunciare alla candidatura. I partiti del Terzo Polo catanzarese, Udc compreso, avevano già ufficializzato la decisione di correre in autonomia con un proprio candidato, ma adesso la rinuncia di Ciconte getta nell'insicurezza la coalizione centrista. ''Ad un cartello elettorale vincente - ha detto Ciconte - deve corrispondere una visione unitaria. Poiche' conosco la mia determinazione ritengo che non vi siano le condizioni necessarie perche' cio' possa realizzarsi''.

Pubblicato in POLITICA

mini sparatoriaUn trentenne incensurato, Andrea Araldi, e' stato ferito a colpi di pistola a Catanzaro. Il fatto pare sia avvenuto nella zona di viale Isonzo. Portato in ospedale, il 30enne ferito non sarebbe in pericolo di vita. I carabinieri hanno fermato un uomo la cui posizione e' al vaglio degli inquirenti. Il fatto e' successo stasera davanti all'abitazione di Araldi. Secondo una prima ricostruzione, tra la vittima ed il suo feritore c'e' stata una lite alla quale avrebbero assistito altre persone la cui posizione viene adesso valutata dagli investigatori.

Pubblicato in CRONACA

mini trematerra"Abbiamo confermato la volonta' di mettere in pista il Terzo Polo in Calabria. Abbiamo dato mandato ai segretari provinciali di avviare da subito dei tavoli per fare una prima scrematura in vista delle amministrative di primavera. Poi riferiranno alle segreterie regionali e vedremo come armonizzare la prossima campagna elettorale''. E' quanto ha dichiarato il coordinatore regionale dell'Udc, Gino Trematerra (foto), al termine dell'incontro con i responsabili delle altre forze del Terzo Polo. All'incontro, convocato dalla coordinatrice di Fli Angela Napoli, hanno partecipato anche Bianca Rende, per l'Mpa, e Sarino Conforti, per l'Api, oltre ai rappresentanti provinciali delle quattro forze politiche. Trematerra ha confermato che per il suo partito le ''alleanze con il Pdl alla Regione ed in altre Amministrazioni restano, comunque, forti e salde", ma ha anche aggiunto: "Fin quando amministriamo bene le cose vanno bene così, se domani succede il '48 è una cosa diversa".

Sulle scelte del Terzo Polo in vista delle ormai prossime elezioni amministrative di Catanzaro, Trematerra ha spiegato che ''per il momento non si e' parlato di candidature, ma di armonizzare il Terzo Polo che poi puo' andare da solo come puo' trovare alleati. Anche su scala nazionale il quadro politico non e' quello di ieri. Il governo tecnico un po' scombussola tutti gli orientamenti che c'erano. Nel frattempo facciamo questa ricognizione per vedere come si puo' armonizzare un discorso unitario ed allo stesso tempo aspettiamo il mese di gennaio per vedere anche a livello nazionale come ci si muove. L'indicazione del partito nazionale e' di armonizzare un Terzo Polo che possa scendere in campo insieme nell'interesse dei nostri amministrati''.

"Quello di oggi - ha aggiunto il coordinatore regionale dell'Udc - e' stato un incontro proficuo perche' intanto abbiamo cominciato a parlare tra noi ed a schiarirci le idee sul tipo di programma che vogliamo fare. Molto spesso si parla di sottogoverno, di assessori ma e' un metodo ormai sorpassato. Dobbiamo vedere cosa ci puo' unire sulla base di un programma e delle esigenze di una comunita', specialmente adesso che i Comuni vivono un momento tragico per cui se non c'e' la massima convergenza, se non ci sforziamo tutti insieme a dare una mano, i Comuni possono fare poco. Rispetto a prima, adesso ci sono le segreterie provinciali di Api e Fli e quindi c'e' un interlocutore con cui possiamo interfacciarsi. I nostri rappresentanti provinciali cominceranno a discutere sul territorio sulle prospettive e poi, come regionali, noi daremo il nostro contributo. Di candidature parleremo piu' avanti. Adesso dobbiamo parlare di cosa vogliamo fare. Su Catanzaro, per esempio, dobbiamo vedere cosa vogliamo fare per la citta' e sulla base di questo cercare anche un candidato che possa realizzare il progetto politico''. Sulle alleanze con il Pdl, Trematerra ha sostenuto che ''fin quando le cose vanno bene, amministriamo bene e diamo risposte ai cittadini va bene cosi'. Se domani succede il 48 e' una cosa diversa, ma per il momento l'alleanza e' salda, sia a livello regionale che nelle Province e nei Comuni dove abbiamo raggiunto l'intesa".

Pubblicato in POLITICA

mini py9ufx1u-news_5_aulaSOVERATO - Un'ottantina di alunni di una scuola elementare sono stati costretti a fare lezione in aule che stamane facevano registrare un temperatura di poco superiore allo zero, appena 4 gradi. Il motivo dell'interruzione della fornitura di gas sarebbe il mancato pagamento della bolletta da parte dell'amministrazione comunale soveratese. A denunciarlo sono stati i genitori degli stessi bambini che, preso atto dell'immobilismo delle autorità competenti, hanno deciso di occupare i locali della scuola dichiarando: ''Abbiamo cercato la direttrice, il sindaco, i vigili urbani ed anche i carabinieri - ha spiegato Massimo Ranieri, uno dei genitori - ma al momento non si e' visto o sentito nessuno.  Non intendiamo andare avanti così. Per tutto l'inverno i riscaldamenti non sono mai stati accesi. Adesso basta. O si trova una soluzione o ritiriamo i nostri figli dalla scuola''.

La protesta ha indotto il sindaco di Soverato, Leonardo Taverniti, ad emanere un'ordinanza di chiusura dell'edificio, anticipando di fatto le ferie natalizie, con la speranza di riuscire a trovare una soluzione al problema nel più breve tempo possibile.

Pubblicato in CRONACA
Pagina 2 di 2

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno