mini zanutoRiceviamo e pubblichiamo

Primi giorni di allenamento per la formazione giallorossa. Visite mediche, sedute pesi in palestra e in piscina e due allenamenti imperniati sulla tecnica. Questo il menu affrontato dal team di Fefè De Giorgi che ieri pomeriggio ha chiuso la prima settimana di preparazione atletica con una seduta di allenamento sulla sabbia di Pizzo, ridente cittadina turistica della “Costa degli Dei”. Zanuto: "Abbiamo iniziato bene, gruppo fantastico"

Due ore di intenso allenamento sulla sabbia. Così si è conclusa la prima settimana di preparazione atletica per la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia. Il gruppo giallorosso si è ritrovato ieri pomeriggio a Pizzo, ridente località turistica della “Costa degli Dei” in provincia di Vibo Valentia, per una seduta di allenamento di beach-volley. Sotto lo sguardo attento di coach Fefè De Giorgi e dello staff tecnico, gli atleti giallorossi si sono divertiti in sfide 3x3 sulla sabbia del litorale napitino. Un allenamento proficuo avvenuto dopo una prima tranche di sedute che hanno visto il gruppo allenarsi prevalentemente in palestra e in piscina oltre a due allenamenti improntati sulla tecnica al Pala Valentia. Già da questo primissimo scorcio di stagione si intravede un buon spirito di coesione da parte del gruppo e la giusta mentalità per presentarsi al meglio ai nastri di partenza del campionato. La conferma arriva da uno dei nuovi arrivati, lo schiacciatore italo brasiliano Bruno Zanuto:

"La società ci ha accolto in maniera stupenda – ha affermato il martello classe 1983 - anche il nostro mister Fefè  De Giorgi dal primo giorno ci ha trasmesso la sua idea di lavoro. Siamo partiti subito con la parte fisica e oggi abbiamo chiuso molto bene la prima settimana di lavoro facendo un po’ di allenamento sulla sabbia. Speriamo di riuscire a crescere ogni giorno, ogni settimana, come accaduto in questi primi giorni di lavoro in modo tale da arrivare all’inizio del campionato al 100%. Il gruppo è fantastico, siamo andati subito d’accordo nello spogliatoio. Forni e Gavotto ci hanno fatto sentire a casa e anche lo staff si è reso molto disponibile fin dall’inizio. Insomma abbiamo iniziato bene questa settimana in tutti i sensi".
Ora la squadra godrà di due giorni di riposo. Poi di nuovo tutti sul campo e in palestra da lunedì con l’inizio della seconda settimana di preparazione atletica

Nella foto, Bruno Zanuto in azione, contrastato a muro da Mauro Gavotto, durante l’allenamento pomeridiano di ieri dedicato al beach-volley

UFFICIO STAMPA TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA

 

Pubblicato in SPORT

giovanni bonazzaSERRA SAN BRUNO - Il sistema Tacfit, sviluppato da Scott Sonnon, si sta diffondendo in Italia solo da pochi anni, ma la sua indiscutibile validità lo ha già reso un punto di riferimento imprescindibile per molti soggetti operanti nel settore, tanto da renderlo il principale metodo d'allenamento adottato. Tra questi c’è Giovanni Bonazza, dottore in Scienze Motorie, giovane trainer serrese che, proprio in questi giorni, in seguito ad un semirio tenuto dalla Tacfit Field Instructor School presso il B-functional di Firenze si è guadagnato la prestigiosa International Certification - Level One.

L’attestato, frutto di una due giorni tenuta direttamente dal top trainer Alberto Gallazzi, permetterà quindi a Bonazza di poter svolgere la funzione di istruttore della sempre più famosa disciplina del Tacfit (Tactical Fitness) ai suoi numerosi assistiti.

Questa specialità si sta lentamente guadagnando un ruolo peculiare nell’ambito atletico, proprio per i notevoli miglioramenti raggiunti dai praticanti sia in relazione all’incremento della forza fisica, che per la coordinazione aerobica e la resistenza. Quello del Tactif rappresenta inoltre un programma mai monotono, che gli addetti ai lavori definiscono “vario”, ossia costituito da una serie innumerevole di micro cicli - oltre 108 da 4 giorni per un totale di 432 giorni - il che sta a significare che ci si può allenare anche per 36 mesi consecutivi senza mai ripetere lo stesso micro ciclo per 2 volte. Se a questo si aggiungono i circuiti Cst con i clubbells e i programmi speciali, la varietà diviene illimitata. Il tutto, inoltre, spendendo poco tempo della propria quotidianità: un allenamento Tacfit - tra mobilità, programma e compensazione finale - impegna da un minimo di 45 ad un massimo di 60 minuti. Ciò non può che agevolare, soprattutto, quelle persone che non hanno molte ore a disposizione da dedicare all'allenamento, ma che allo stesso tempo non vogliono rinunciare a conseguire buoni risultati.

Il sistema, in continua evoluzione, viene arricchito costantemente, ecco perché l’importante certificazione che si è meritata di recente Giovanni Bonazza ha una durata di soli due anni. Proprio l’esigenza di migliorarsi ininterrottamente e di raggiungere traguardi sempre più ambiziosi, rendono dunque il giovane trainer serrese uno dei migliori istruttori presenti nel territorio nel settore dell’allenamento fisico.

 

Pubblicato in SPORT
mini foto_articolo_peppeDomenica 15 aprile si è svolta a Vallelonga, come da calendario, la seconda prova del campionato di Enduro regionale della Calabria. La gara è stata organizzata dal moto club di Vibo Valentia e ha visto la partecipazione di oltre 50 piloti distribuiti nelle varie categorie. Alla gara hanno preso parte anche due cittadini serresi, iscritti al moto club vibonese e grandi appassionati dell'enduro. Si tratta di Bruno e Giuseppe Tassone (foto), padre e figlio innamorati delle due ruote. Bruno ha dimostrato la sua ormai collaudata bravura riuscendo ad ottenere ottimi tempi in alcune speciali, un po' meno in linea test. Un grande successo invece è arrivato per Giuseppe, che ha coronato il duro e costante allenamento paterno salendo sul gradino più alto del podio. Il giovane e talentuoso motociclista, infatti, si è classificato primo anche in questa competizione, come aveva già fatto anche nella gara svoltasi il 25 marzo a Martirano Lombardo. Giuseppe ha trionfato anche a Vallelonga distaccando di gran lunga il secondo classificato Michele Scarpelli, figlio del grande campione Natalino.

 

Pubblicato in SPORT
Lunedì, 02 Gennaio 2012 18:00

Vibonese, il programma settimanale

mini VIBONESE_FOTO_TRATTA_DA_USVIBONESE.COMVIBO VALENTIA – E’ ripresa nel pomeriggio odierno la preparazione in casa Vibonese, che domenica prossima ospiterà il Neapolis nella partita valevole per la prima giornata di ritorno del campionato di Seconda divisione, girone “B”. I ragazzi del duo Ferrante – Viola si sono sottoposti dapprima ad una serie di test della variabilità cardiaca, secondo quanto programmato dal preparatore atletico Massimo Stalteri. A seguire, i rossoblu si sono cimentati nel test di Capanna, vale a dire 20 metri andata e ritorno con recupero di 20 secondi. I portieri De Filippis e Saraò, invece,  hanno svolto un lavoro di carico assieme al preparatore dei portieri Martelli. Quindi, si è passati al lavoro tattico con partitella finale. Non hanno preso parte all’allenamento Vitale e Petrucci, entrambi influenzati, e Caraccio e Doukara, che si aggregheranno al gruppo domani pomeriggio. Si è regolarmente allenato Benincasa, mentre Caridi ha proseguito con un lavoro differenziato. Il programma della settimana, infine, prevede domani pomeriggio una seduta di allenamento al “Luigi Razza” e mercoledì mattina la classica seduta “lunga” a S. Onofrio. Giovedì pomeriggio, invece, ci sarà un’amichevole con il San Calogero, compagine leader del girone B di Promozione calabrese. E’ da valutare se il confronto avverrà al “Luigi Razza” oppure a San Calogero. Molto dipenderà dalle condizioni climatiche dei prossimi giorni, perché si vuol preservare per quanto possibile il manto erboso del “Luigi Razza” in vista del prossimo match interno. Venerdì, invece, allenamento pomeridiano e sabato mattina rifinitura.

Pubblicato in SPORT

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno