mini chiesa_assunta_terravecchiaSERRA SAN BRUNO - Dopo un lungo periodo di stallo, finalmente, è stato eletto il nuovo seggio priorale dell'Arciconfraternita di Maria SS. Assunta in Cielo di Terravecchia. La “terna” dei candidati presentata per scegliere il successore dell'ormai ex priore Tonino Errigo era composta da Amato Rosina, Pupo Bruno e Tassone Raffaele. A spuntarla è stato proprio quest’ultimo, eletto con ben 108 voti su un totale di 158 confratelli votanti. Dunque, a differenza delle ultime tornate, dalle quali non si era riuscito a ricavare un candidato che superasse il quorum di consensi necessari, oggi Raffaele Tassone ha messo d’accordo quasi tutti i presenti alle operazioni di voto.

"Fumata bianca", quindi, per i confratelli dell’Assunta che hanno finalmente il loro nuovo priore. Prima dell’elezione odierna, un analogo e recente tentativo era già stato effettuato lo scorso 18 maggio. Tentativo che però non aveva sortito ad un accordo concreto.

Con l'elezioni di Tassone finisce ufficialmente quindi il mandato di Tonino Errigo, priore uscente, eletto nell’aprile del 2012, nominato – dopo tante vicissitudini – in via straordinaria, direttamente dal padre spirituale don Gerardo Letizia. Avversità e disaccordi che evidentemente, a due anni di distanza, hanno trovato ora la loro giusta risoluzione.

Gli altri componenti eletti del seggio sono: Pupo Lorenzo (I consultore con 86 voti) e Zaffino Raffaele (II consultore con 104 voti). Il nuovo seggio resterà in carica per i prossimi tre anni.

 Ti potrebbe interessare:

- Serra, elezione Priore Assunta di Terravecchia: fumata nera. Si va verso un nuovo commissariamento

Pubblicato in CRONACA

chiesa assunta terravecchiaSERRA SAN BRUNO - Si sono tenute nel pomeriggio di oggi le elezioni per l’ultimo seggio priorale ancora rimasto da rinnovare dei tre storici sodalizi serresi: quello dell’Arciconfraternita Maria SS. Assunta in Cielo di Terravecchia. Numerosi gli iscritti, ben 229, a partecipare al voto. Ma alla fine la tornata si è concretizzata in una - a dire il vero prevedibile - “fumata nera”. Nessuna delle tre terne proposte ha infatti raggiunto la maggioranza dei voti e, di conseguenza, non è stato possibile nominare il successore del Priore al momento in carica, Tonino Errigo.

Proprio Errigo era stato, nell’aprile del 2012, nominato - dopo tante vicissitudini - in via straordinaria, direttamente dal padre spirituale don Gerardo Letizia. Avversità e disaccordi che evidentemente, a due anni di distanza, permangono, tanto che anche stavolta sarà probabilmente necessaria una nomina esterna, effettuata direttamente dal Vescovo S.E. Mons. Vincenzo Bertolone o da un vicario appositamente designato.

Lo scorso 2 marzo Enzo Vavalà era stato nominato alla guida dell'Arciconfraternita di Maria SS. dei Sette Dolori, mentre il 30 marzo successivo era stata invece la volta dell’investitura di Dante Vallelunga a priore dell’Arciconfraternita di Maria SS. Assunta in Cielo di Spinetto. Dunque, l'unico seggio vacante resta quello dell’Arciconfraternita Maria SS. Assunta in Cielo di Terravecchia.

 

Pubblicato in CRONACA

 

mini polizia-1A sei anni dal duplice tentato omicidio di Romana Mancuso, 69 anni, e del figlio Giovanni Rizzo, 42, avvenuto il 26 maggio 2008 a Nicotera, gli agenti della squadra mobile di Catanzaro, guidati dal dirigente Rodolfo Ruperti, hanno tratto in arresto un esponente della famigerata consorteria mafiosa di Libadi: si tratta di Giuseppe Antonio Mancuso, 25enne, accusato appunto del tentato omicidio della prozia e del figlio. 

Pubblicato in CRONACA

priore danteSERRA SAN BRUNO - Si sono tenute nel pomeriggio di oggi le elezioni per il rinnovo del seggio priorale dell’Arciconfraternita Maria SS. Assunta in Cielo di Spinetto. Numerosi gli iscritti, ben 135, a partecipare al voto. A spuntarla, nella seconda terna proposta, per il ruolo di Priore, è stato Dante Vallelunga, eletto con 72 voti favorevoli, mentre a meritarsi il ruolo di primo e secondo Consultore sono stati rispettivamente Mario Dominelli (90 voti favorevoli) e Francesco Zaffino (123 voti).

La nuova terna succede quindi a quella in carica dal 26 dicembre 2011, guidata dall’ormai ex Priore Rosa Vellone, che chiude in bellezza con l’inaugurazione del nuovo museo, allestito proprio nei locali della Chiesa di Maria SS. Assunta in Cielo di Spinetto, presentato al pubblico di recente.

Lo scorso 2 marzo Enzo Vavalà era stato invece nominato alla guida dell'Arciconfraternita di Maria SS dei Sette Dolori. Unica Confraternita, quindi, che rimane in attesa del rinnovo dei vertici del seggio priorale, quella di Maria SS. Assunta in Cielo di Spinetto di Terravecchia, dove per il momento resta in carica il Priore Tonino Errigo.

 

Pubblicato in CRONACA

 

museo spinettoOn the news di sabato 22 marzo, dalle ore 10 sulle frequenze di Rs 98, è speciale "Il Museo della Congrega di Maria Ss Assunta di Spinetto. Ospiti in studio, il parroco Don Biagio Cutulle, il Priore Rosa Vellone e Raffaele Timpano, incaricato per la grafica promozionale dell'inaugurazione del Museo.

Finalmente fruibili i "tesori" artistici della Congrega, occasione di approfondimento storico, artistico e culturale dell'intera cittadina serrese.

Segui la puntata anche in streaming all'indirizzo: http://tunein.com/radio/Radio-Serra-RS-980-s3103/

 

 

 

Pubblicato in CULTURA

 

museo spinettoFinalmente è pronto, il lavoro di molti mesi si è finalmente concluso, il museo dell’Arciconfraternita di Maria SS. Assunta in Cielo di Spinetto è realtà, con grande soddisfazione del Priore Rosa Vellone, del seggio che ovviamente l’ha coadiuvata in questo impegno e del Padre Spirituale Don Biagio Cutullè.

Anni di storia dell’Arciconfraternita racchiusi nelle stanze attigue alla navata di destra della Chiesa di Maria SS. Assunta in Cielo di Spinetto. L’entrata è già di per se storia, infatti il cancello dal quale si accede al pianterreno del museo è stato realizzato con l’antica balaustra che si trovava anni addietro sull’altare della stessa Chiesa.

Senza entrare in particolari dettagli, il museo si sviluppa su due stanze, una situata al pianterreno ed una al primo piano al quale si accede attraverso una scala in legno, come già detto, sulla parte destra della Chiesa stessa, a fianco della statua di S. Giuseppe. Quasi tutti i pezzi sono racchiusi in splendidi armadi in legno, ben realizzati con ampie vetrate in modo da ammirarne completamente il contenuto.

Molti i pezzi da vedere, dalla ricostruzione dell’abito del confratello, agli antichi abiti usati dai sacerdoti in particolari ricorrenze, ai molteplici paramenti sacri (pianete, piviali, tunicelle, stole, manipoli, fasce, veli). Ancora l’ombrello da processione, i due baldacchini anch’essi da processione, le bellissime tovaglie decorate in oro e pietre preziose.

Di particolare interesse ancora l’antica statua di Cristo Crocefisso portata in processione il Venerdì Santo sostituita nel corso degli anni, i cassetti usati per la raccolta delle offerte, gli stampi originali in legno per la realizzazione delle immaginette, la “macchietta” usata nei funerali. Da ammirare inoltre i molteplici calici, pissidi, patene, ostensori ed i tanti pezzi di oreficeria.

Insomma vale la pena visitare questo museo, per rivivere un po’ di storia della Congregazione di Maria SS. Assunta in Cielo di Spinetto. Con l'occasione si rinnova l'invito per tutti, a domani sabato 15 marzo dalle ore 17,30 per l'inaugurazione.

 

Pubblicato in CRONACA

 

chiesa assunta terravecchia

Riceviamo e pubblichiamo

Dal 1694 l'Arciconfraternita di Maria SS. Assunta in Cielo di Terravecchia  "promuove e zela il culto e la devozione per la Vergine Santa". Da allora, ogni domenica e in ogni festa, ci riuniamo per cantare l'Ufficio e celebrare nel canto le meraviglie che il Signore ha operato per mezzo della sua Santissima Madre. La Messa domenicale (meglio nota come "Curunedha") dell'Assunta, così come per gli altri due sodalizi, rappresenta un intenso momento di aggregazione per i confratelli, i quali
si  riuniscono a volte per discutere con passione delle problematiche riguardanti il sodalizio. Il Seggio Priorale per il biennio 2012/2013 ha tuttavia deciso di dedicare attenzione anche a chi alla "Curunedha" non può prendere parte in quanto anziano o ammalato. Pertanto, i membri del Seggio sono lieti di poter trascorrere il "dopo-messa" domenicale  in compagnia di quei confratelli che in loro sentono vicina a essi tutta la congrega. Visitando gli ammalati, non portiamo solo in dono un ricordino o qualcosa da consumare allegramente: vogliamo far sentire che la congrega è vicina, che il canto del nostro Ufficio si eleva anche per i nostri confratelli anziani e ammalati che tanto vorrebbero prendere parte alle nostre funzioni. Il calore delle persone che ci accolgono ogni domenica è qualcosa di indescrivibile, usciamo da ogni casa ricolmi di gioia, consapevoli che non siamo stati noi a dare qualcosa all'ammalato o all'anziano, ma è stato lui a dare molto di più a noi.
Noi abbiamo cominciato a stilare un "elenco delle visite"; tuttavia, qualche confratello potrebbe sfuggire, ma non vogliamo assolutamente che venga dimenticato: pertanto, saremmo ben lieti se ci venisse indicata dalle famiglie la presenza di iscritti al nostro sodalizio, anziani o ammalati ai quali poter dimostrare il nostro affetto e la nostra vicinanza. Ci si può rivolgere a qualsiasi membro del seggio priorale. Vogliamo dare un segno concreto che la nostra congrega non è solo un'agenzia funebre, o un sodalizio litigioso come è potuto apparire dopo le passate elezioni priorali. Vogliamo far respirare nella nostra chiesa dell'Assunta la stessa aria che si respirava nel XII secolo, quando la chiesa era dedicata a San Giovanni Battista ma soprattutto era adibita alla distribuzione del pane ai poveri da parte dei padre Certosini, tanto da essere chiamata "chiesa di la panedha". E a proposito di
San Giovanni Battista, quest'anno saremo ben lieti di cantare l'Ufficio del Santo, essendo la sua festività di domenica. Questa tradizione era venuta meno da circa 50 anni, ma grazie all’interessamento del dott. Primerano, "l'Ufficiu di San Gianni" è stato ripristinato nel 2007 e recentemente inserito nel nuovo "ufficiolo".
L’Arcicongrega dell’Assunta è dotata di sito web www.assuntaterravecchia.org e di gruppo su Facebook per facilitare le comunicazioni anche con i confratelli più distanti. Presso l'ufficio della arciconfraternita è, inoltre, in vendita il volume "Assumpta est" sull'arte, la storia e le tradizioni del nostro sodalizio. A proposito di sito web, sulla home abbiamo pensato di fare un piccolo omaggio a Mastro Bruno Pelaggi nel I Centenario della sua morte; come ben sai, il poeta scalpellino è stato confratello nell'Assunta, per la quale ha ricoperto i ruoli di Segretario e II Consultore. Sulla home del sito, il visitatore potrà pregare con la poesia "Alla Vergini Maria".
Ringrazio a nome mio e di tutto il Seggio Priorale nelle persone del
Priore Antonio Errigo; I Consultore Vincenzo Cunsolo; II Consultore Assunta Iorfida; Tesoriere Francesco Iennarella; Vice Tesoriere Alessandro Bonazza;Segretario Marco Primerano; Vice Segretario Carmina Tassone.

Marco Primerano

Pubblicato in CULTURA

mini 41838866SERRA SAN BRUNO – Dopo tante fumate nere, è arrivata, finalmente, quella bianca. C’è voluta la domenica delle Palme per riuscire a dare alla confraternita di Maria Assunta in cielo di Terravecchia il nuovo seggio priorale che ne guiderà le sorti per i prossimi due anni. A gestire il nuovo corso, fino al dicembre del 2013, è stata chiamata una personalità di “alto profilo” come quella di Tonino Errigo che, nel suo ruolo di priore, sarà affiancato da Vincenzo Cunsolo ed Assunta Iorfida, rispettivamente consultore e vice. A coadiuvare il nuovo seggio che, succede a quello guidato da Vito Albano, sono stati chiamati, inoltre, Francesco Iennarella e Carmen Tassone che svolgeranno, rispettivamente,

Pubblicato in CRONACA

mini seggio_AddolorataSERRA SAN BRUNO – Lunedì 26 dicembre 2011: si rinnova, ancora una volta, una delle più antiche tradizioni del paese della Certosa, le elezioni interne alle Arciconfraternite serresi. Un momento a cui l’indimenticato Sharo Gambino, in “Fischia il sasso”, dedicò pagine meravigliose narrando come “mastru Biasi” Pelaia, genero di Mastro Bruno Pelaggi, gli spiegava, da bambino, il significato delle elezioni del seggio priorale, unico esempio di democrazia sopravvissuto, a Serra, alla dittatura fascista. Le confraternite, o congreghe per i meridionali, sono associazioni pubbliche di fedeli che hanno come scopo l’esercizio di opere di misericordia e ovviamente  di aggregazione e di incremento del culto. A Serra San Bruno, paese di circa 7000 abitanti, ce ne sono addirittura tre. La confraternita  di Maria SS de’ Sette Dolori, la confraternita Maria SS Assunta in cielo di Terravecchia e la confraternita di Maria SS Assunta in cielo di Spinetto. Per tutte e tre i serresi, con una tradizione vecchia più di 300 anni, il giorno di Santo Stefano, una volta ogni due anni, sono chiamati a rinnovare i Seggi Priorali che nell’organizzazione delle confraternite costituiscono l’organo di guida. I Priori ed i Consultori uscenti decidono a loro piacimento, ma con il benestare del Padre Spirituale e dell’Ordinario Diocesano, i nomi dei loro potenziali successori, formulando tre terne segrete di nomi che poi vengono presentate ad una regolare assemblea alla quale tutti i membri della Congrega stessa saranno chiamati a partecipare e votare. L’assemblea è presieduta da un sacerdote nominato dal vescovo. Il rinnovo di Seggi Priorali, quasi al pari delle competizioni politiche, è un momento molto sentito, e di conseguenza seguito, dalla quasi totalità degli abitanti. I confratelli più attivi si recano nella chiesa d’appartenenza all’ora prefissata, con la consapevolezza di rimanerci chiusi dentro fino a votazione terminata. Nessuno sa per quanto tempo si protrarranno le operazioni di voto e soprattutto nessuno sa se a fine giornata si sarà riusciti ad eleggere il nuovo priore o toccherà rinviare il tutto di quindici giorni, quando il seggio uscente avrà formulato le nuove terne.

Per due delle tre confraternite serresi, oggi tutto è andato liscio. In meno di tre ore la confraternita di Maria SS de’ Sette Dolori ha eletto a ruolo di priore Giorgio Raimondo (foto, al centro) e per i ruoli di I e II Consultore sono stati eletti rispettivamente Luigi Drago (foto, a sinistra) e Luigi Averta (a destra). La confraternita di Maria SS Assunta in cielo di Spinetto, per la prima volta nella storia di Serra, ha eletto a priore una donna. Rosa Vellone, eletta da un’assemblea serena e velocissima, è entrata dunque di diritto nella storia serrese. Artemio Vellone e Salvatore Zaffino saranno i nuovi Consultori che la affiancheranno per i prossimi due anni. Dalla confraternita di Maria SS Assunta in cielo di Terravecchia, invece, è arrivata la fumata nera: sono “cadute” le tre terne presentate e quindi è tutto da rifare, a data ancora da decidere.

Pubblicato in CRONACA

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno