mini carabieniri_notteSarebbero tutti ragazzi poco più che maggiorenni di età compresa tra i 20 ed i 25 anni i quattro rapinatori che hanno tentanto di rapinare una gioelleria a Dasà, piccolo centro del Vibonese. In base ad una prima ricostruzione, pare che i malviventi - residenti nella zona della Piana di Gioia Tauro - sarebbero giunti davanti all'esercizio commerciale a bordo di una Toyota di colore grigio e indossavano dei cappellini e degli occhiali da sole. Tre di loro sarebbero entrati nella gioielleria, cercando di mettere a segno il colpo - cosa che, però, poi non è avvenuta - mentre il quarto attendeva gli altri in auto. I carabinieri, alla fine, sono riusciti a rintracciare e ad arrestare gli autori del gesto.

 

Pubblicato in CRONACA

mini santonofrioVIBO VALENTIA - Un gesto che, per la sua carica simbolica oltre che per le conseguenze, aveva suscitato l'indignazione della comunità di Sant'Onofrio. In una notte di novembre del 2011, mille piante di ulivo di proprietà della cooperativa Talita kum - che su un terreno confiscato al clan Bonavota aveva avviato da anni un progetto di produzione di olio biologico - furono barbaramente recise. L'episodio ebbe forte impatto sociale, tanto che il vescovo Luigi Renzo intervenne pubblicamente definendolo “un'offesa a Dio e agli uomini”. Ma ancor prima di un oltraggio,  quel gesto costituiva reato. I carabinieri delle compagnie di Vibo Valentia e Tropea, dopo due anni di indagini, sono riusciti a risalire all'identità degli autori del grave atto intimidatorio e hanno preceduto, su provvedimento emesso dalla Dda di Catanzaro, al fermo di quattro persone. Tutte già note sia alle cronache che alle forze dell'ordine. Si tratta di Domenico Bonavota (35anni), Domenico Cugliari (55), Gregorio Giofrè (41) e Giuseppe Barbieri (41). Dovranno rispondere di estorsione e tentatata estorsione con l'aggravante delle modalità mafiose. 

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, gli autori del taglio degli ulivi avrebbero agito in seguito al rifiuto dei membri della cooperativa Talita Kum di consegnare l'olio prodotto sul terreno confiscato ai componenti del gruppo criminale egemone sul territorio di Sant'Onofrio.

Altri due fermi sono stati eseguiti oggi nei confronti di due soggetti ritenuti vicini alla cosca Mancuso di Limbadi, il 23enne Antonio Campisi e il 25enne Nicola Vittorio Drommi. Per loro l'accusa è di tentata estorsione ai danni di un imprenditore attivo nella lavorazione del ferro. 

Pubblicato in CRONACA

 

mini Carabinieri-sorianelloBrutta avventura per un commerciante serrese, B.S., 60enne, che opera nel campo dei mangimi, il quale nel pomeriggio di oggi, è rimasto vittima di una rapina, avvenuta ad Ariola, frazione di Gerocarne. Mentre stava effettuando il giro con il suo furgone, il commerciante sarebbe stato fermato da due persone con il volto coperto e armati di fucile e pistola i quali, a loro volta, hanno fatto prima scendere il 60enne dal furgone, per poi sottrargli circa mille euro in contanti. I carabinieri della stazione di Soriano Calabro, guidati dal maresciallo Barbaro Sciacca, si sono subito messi a lavoro per cercare di risalire agli autori del gesto.

Pubblicato in CRONACA

mini Carabinieri-sorianelloI Carabinieri del Nucleo investigativo del Comando Provinciale di Vibo Valentia hanno tratto in arresto nella mattinata odierna tre persone per il tentato ed il successivo omicidio di Francesco Scrugli, capo della ‘società’ di Piscopio, coinvolta nella faida con i Patania, sostenuti dalla cosca Mancuso di Limbadi. Tra coloro i quali sono finiti in manette, ci sono anche il capo dell’ala militare dei Mancuso e due incensurati che avrebbero fornito supporto logistico agli autori materiali dell’omicidio. Quello tra i Patania ed i Piscopisani è ormai una guerra che, da circa 30 anni, insanguina i due paesi alle porte di Vibo. La faida, iniziata alla fine degli anni Ottanta, è riesplosa crudelmente lo scorso anno.

Pubblicato in CRONACA

mini TASSONE_FRANCESCO_ANTONIOSERRA SAN BRUNO - Il furto di cui sono ritenuti responsabili è avvenuto nella notte tra il 15 e il 16 dicembre 2011, in pieno centro storico. Fu uno dei primi episodi di micro-criminalità che, nei mesi successivi, si sarebbero ripetuti con preoccupante costanza. Quella notte, intorno all'una, tre persone si introdussero a volto coperto in casa di un'anziana signora. I ladri, forzando una porta secondaria, riuscirono ad entrare nell'abitazione dell'ottantenne, che fu sorpresa nel sonno, imbavagliata, legata ad una sedia e derubata di 2000 euro in contanti e di gioielli per un valore di altri 2500 euro.

Pubblicato in CRONACA

mini locandina_nicotera_1_dicembreOggi (sabato 1 dicembre), presso la Biblioteca del Liceo Classico “Bruno Vinci” di Nicotera, si svolgerà un'intera giornata di studio e informazione sulla sicurezza alimentare. Alle 11 verrà proiettato il documentario “Acquaraggia”, mandato in onda da RaiTre e RaiStoria nella trasmissione “Crash”, sulla storia controversa del bacino dell’Alaco, che da 6 anni eroga acqua “potabile” a quasi un terzo della Calabria e che il 17 maggio scorso è stato posto sotto sequestro dalla Procura della Repubblica di Vibo, nell’ambito dell’indagine “Acqua sporca”. Dopo la proiezione, è previsto un dibattito tra gli studenti, gli autori dell'inchiesta ed i rappresentanti delle associazioni “Alma Tellus ” , “Il Brigante” e “Libera”.

 

Nel pomeriggio, a partire dalle 16, ci sarà la presentazione del libro “Avvelenati”, di Giuseppe Baldessarro e Manuela Iatì.

Pubblicato in CRONACA

mini geometra_serraSERRA SAN BRUNO - Potrebbe essere una bravata, un'azione sconsiderata compiuta da qualche studente che, evidentemente, è molto più avvezzo ai gesti criminali che ai libri scolastici. Questa, per il momento, pare essere l'unica possibile chiave di lettura del gesto compiuto stanotte, quando ignoti hanno lasciato dei proiettili di pistola di fronte al cancello dell'Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri. Il cancello è stato sigillato con della colla, mentre sul posto sono state lasciate alcune scritte con la bomboletta spray ("S.M", "muschi") che a prima vista sembrano dire poco sia sugli autori che sui destinatari dell'intimidazione.

Pubblicato in CRONACA

mini Serra San Bruno centro storicoSERRA SAN BRUNO - Ancora ladri in azione nel centro storico serrese. Ieri sera intorno alle 18,30 M.T.I., una 50enne residente nel rione "Zaccanu", tornando a casa con le buste della spesa in mano si è trovata davanti ad una scena certamente poco piacevole: la sua abitazione, in cui vive con l'anziana madre, era stata messa completamente a soqquadro dai topi d'appartamento che agiscono da tempo indisturbati nei vicoli di Terravecchia. Questa volta, però, il bottino è stato molto più magro che in altre occasioni: i malviventi non hanno portato via praticamente nulla, perchè la donna non tiene in casa ingenti somme di denaro nè oggetti di grande valore, ma probabilmente anche perchè il suo ritorno a casa potrebbe aver colto di sorpresa i ladri mettendoli in fuga. Gli autori del tentato furto, che hanno agito anche stavolta in pieno giorno, hanno forzato il cancello di legno del giardino e poi, attraverso una finestra di un edificio adiacente, si sono introdotti nell'abitazione della donna e hanno rovistato dappertutto in cerca di qualcosa che avrebbe potuto far fruttare la loro azione criminosa. Invece stavolta sono stati costretti a scappare a mani vuote.

Pubblicato in CRONACA
Sabato, 21 Gennaio 2012 10:17

Vibo, furto e rapina: 4 arresti

 

mini furto_casa_1I carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia hanno arrestato 4 persone per rapina, furto aggravato, danneggiamento e violazione di domicilio.Si tratta di Stefano Farfaglia, 29 anni, Francesco Daniele (26), Angelo David (29) e Maurizio Ruffa (31), che, secondo l'accusa, sarebbero gli autori di una rapina compiuta, nel giugno scorso, in una casa di San Gregorio d'Ippona ai danni di due romeni e di un furto in una casa vicina. Sono stati identificati grazie ad un sistema di video sorveglianza

Pubblicato in CRONACA
          PRENOTA E RISPARMIA CON GULLI' BUS                         

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno