mini guardia_di_finanzaLa Guardia di Finanza di Vibo Valentia ha sequestrato beni per un milione di euro ad un'azienda operante nel settore del trasporto merci su strada. In particolar modo, le Fiamme Gialle avrebbero fatto luce su un presunto caso di bancarotta fraudolenta. Nel corso delle attività investigative, infatti, è emerso che cinque imprenditori, attraverso la creazione di una società alter-ego della fallita, avrebbero distratto dal patrimonio aziendale beni societari e risorse finanziarie per centinaia di migliaia di euro, nonché avevano distrutto e occultato parte della documentazione contabile necessaria alla ricostruzione del volume d’affari. Le persone coinvolte nell'operazione, in sostanza, hanno costituito un'altra azienda che consentiva loro di operare sempre nel medesimo settore ma con un'altra ragione sociale. Il Tribunale di Vibo, quindi, ha provveduto al sequestro dell'azienda, il cui valore supera il milione di euro. 
 
 
 
Pubblicato in CRONACA

linguablueDopo i casi riscontrati a Mileto e Filogaso, un altro allevamento è stato posto sotto sequestro per il rinvenimento di capi di bestiame affetti da Blue tongue (Lingua blu), malattia contagiosa dei ruminanti.

Il provvedimento di sequestro ha interessato un allevamento ubicato a Simbario, conseguentemente al quale al proprietario è stato vietato di introdurre altri esemplari e di trasportare fuori dall'azienda foraggi, attrezzi ed oggetti che potrebbero favorire la diffusione della malattia. Il bovino malato e tutti quelli sospetti dovranno essere separati da quelli sani. Il personale del servizio veterinario dell'Asp è stato incaricato di dare esecuzione all'ordinanza.

Pubblicato in CRONACA

mini mirabelloIl pubblico ministero della Procura della Repubblica di Vibo Valentia, Alessandro Pesce, ha chiesto il rinvio a giudizio per undici persone, coinvolte nell'operazione "Persefone", scattata nell'ottobre dello scorso anno, con la quale si è cercato di fare luce su un presunto caso di bancarotta fraudolenta, riguardante la Proserpina Spa, società impegnata nella raccolta dei rifiuti. 

Tra questi rientra anche il censoriano doc e attuale segretario provinciale del Pd, Michele Mirabello, già componente del Consiglio di amministrazione della società. Nei suoi confronti pesa l'accusa di concorso in bancarotta fraudolenta. 

Chiesto il rinvio a giudizio anche per Francesco Pantano e Ciro Orsi, ex amministratori della società; Domenico Naso, Giuseppe Betrò, Giandomenico Pata, Giuseppe Ceravolo, Michelangelo Petrolo, Domenico Scuglia, Gino Citton e Marcella De Vita.

Archiviati, invece, i casi di Natalina Cricelli, socia privata di maggioranza della “Proserpina” e quello dell'avvocato Giovanni Vecchio, liquidatore dell'azienda.

Secondo gli inquirenti, le persone coinvolte nell'inchiesta avrebbero manomesso i bilanci della società, con un passivo di quasi dieci milioni di euro, al fine di evitare la liquidazione. Inoltre l'azienda, tramite la falsificazione dei registri contabili, avrebbe ottenuto finanziamenti pubblici dal Commissario per l'emergenza rifiuti in Calabria. Perte dei quali sarebbero stati trasferiti in altre società costituite dagli stessi soci privati della Proserpina. 

 

Pubblicato in CRONACA

telefonistiQuello che fino a qualche anno addietro era il più ambito fra i call center – parrebbe per fisso orario e serietà nei pagamenti – starebbe costringendo i dipendenti a scelte poco ortodosse in ambito aziendale. Come ha fatto notare il collettivo AltraLamezia, schieratosi dalla parte dei lavoratori, l'Infocontact – con sede centrale per la Calabria a Lamezia Terme – starebbe conducendo una cattiva gestione fatta passare sotto il falso nome della crisi economica, che negli ultimi anni, molto spesso, viene adottata come giustificazione ai tagli. Migliaia i lavoratori a rischio, se si considerano oltre alle grandi sedi di Lamezia Terme e Rende quelle dislocate un po' in tutta la regione, ossia nei comuni di Marzi, Filadelfia, Maida, Marano Principato, Mileto, San Pietro a Maida, Soriano Calabro, Stefanaconi e Serra San Bruno.

«Forti di un potere conquistato con il ricatto occupazionale – si legge nella nota stampa – nascondendosi dietro una diminuzione delle commesse di cui i dirigenti e il debito da loro creato sono gli unici responsabili, hanno offerto ai lavoratori due sole alternative: l’esodo volontario con il conseguente assegno di disoccupazione o il contratto di solidarietà che prevede una diminuzione dell’orario lavorativo e la conseguente diminuzione salariale». Chi ha accettato di lasciare, stando alle improrogabili decisioni dell'azienda, non avrebbe ancora usufruito del Tfr maturato né dell'assegno di disoccupazione per la presenza di vizi inaspettati nel licenziamento. Infatti, se l'azienda avesse costretto un ignaro dipendente a licenziarsi, piuttosto che licenziarlo, lo stesso avrebbe di conseguenza perso la possibilità di usufruire dell'indennità di disoccupazione ordinaria. «Questa preoccupante situazione – fanno ancora sapere i membri del collettivo – è occasione ghiotta di sciacallaggio per politici e rappresentanti istituzionali che, per l’ennesima volta, fingono un interessamento sterile incapace di produrre, per mancanza di volontà, risultati concreti».


Pubblicato in CRONACA

mini logo_a3Nella mattinata odierna, tre persone sono decedute sul tratto di Autostrada A3 tra gli svincoli di Sant'Onofrio e Serre in direzione nord (al km 349). Coinvolto nel tragico incidente un solo mezzo, un furgone 'Fiat Doblò'. L'autista, molto probabilmente, ha perso il controllo del veicolo per cause ancora da accertare. Il furgone è finito fuori strada causando il conseguente decesso di tre donne: le straniere Marsa Pedrica, 27 anni ed Elena Romila, 40 anni e Rosa Sgrò, 42 anni, italiana, conducente del mezzo.

A bordo del veicolo vi erano anche altre due donne straniere ed un uomo residente nella Piano di Gioia Tauro, tutti rimasti feriti in conseguenza all'impatto. Gli stessi sono ora ricoverati presso lo Jazzolino di Vibo, una in condizioni gravi.

Il gruppo era diretto verso il podere di un'azienda agricola a Pizzo Calabro dove i passeggeri del mezzo erano impiegati come braccianti.

Il traffico in direzione nord è stato pertanto deviato su una sola corsia per facilitare gli interventi di primo soccorso del 118 e dell'ANAS. Sul posto sono intervenuti anche gli agenti della Polizia stradale, coordinata dal dirigente Pasquale Ciocca, per i primi accertamenti della dinamica e per la gestione della viabilità.

 

 

 

Pubblicato in CRONACA

pecoreLo scorso gennaio, a seguito di una denuncia di malattia infettiva trasmessa dal Servizio Veterinario dell’Asp di Vibo Valentia, era stata posto sotto sequestro l’azienda ovi-caprina di proprietà dell'allevatore 22enne S.C., sita in località "Croce ferrata" a Serra San Bruno. Il provvedimento all'epoca si era reso necessario in quanto furono riscontrati alcuni casi di brucellosi. Fattore, questo, che aveva determinato l’isolamento degli animali infetti, il sequestro di tutti i capi ed il divieto di qualsiasi movimento di ovini e bovini da e per altri allevamenti. 

 Ebbene, a due mesi di distanza il dipartimento prevenzione dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Vibo Valentia ha disposto la revoca dell'ordinanza di sequestro, in quanto l'ultimo prelievo eseguito presso l'azienda ovi-caprina in questione ha dato esito negativo. Nonostante il provvedimento di dissequestro, però, vige ancora nei confronti di S.C. il divieto di vendita ed estrazione del latte e derivati.

 

Pubblicato in CRONACA

 

mini homeVIBO VALENTIA - L'hanno chiamata “Trasparenza acqua”. Un'operazione di chiarezza, mirata a rassicurare i cittadini allertati dai soliti ambientalisti «allarmisti» che erano scesi in piazza, a Vibo Valentia, a manifestare contro il “sistema Alaco” e la gestione delle risorse idriche calabrese. Insomma, doveva essere un modo per mettere definitivamente fine – attraverso lo strumento comunicativo più democratico e accessibile che esiste oggi, il web – a voci e sospetti sulla salubrità del liquido che fuoriesce dai rubinetti di decine di migliaia di cittadini vibonesi.

Pubblicato in CRONACA

WP 20130502_001_2La paura è tanta nella Piana. Ma è anche direttamente proporzionale alla mancata informazione. Dell'impianto a pirolisi in via di realizzazione nella seconda zona industriale di San Ferdinando, infatti, la gente sa poco o nulla, e quel poco che sa basta ad alimentare il sospetto che stia per essere attivato un terzo impianto che potrebbe pregiudicare l'ambiente e la salute degli stessi cittadini. Per alcuni esponenti politici, appartenenti a schieramenti diversi e in qualche caso opposti, si tratterebbe in sostanza di un «terzo inceneritore».

Pubblicato in LO STORTO

mini de_fDaniele De Francesco, ventottenne serrese doc, trasferitosi a Firenze da diversi anni - dove ha studiato Design nella facoltà di Architettura e lavora da freelance industrial designer - ha trionfato nella quarta edizione del concorso “Design your Ciak” promosso dalla Diarpell srl, la nota azienda toscana leader nella produzione di agende, album fotografici, organizer, diari, quaderni, rubriche, classificatori, portabiglietti e personal book. In particolare la Diarpell si è nel tempo imposta ai vertici della distribuzione mondiale grazie all’ormai affermata linea a marchio “Ciak”, diventata uno status symbol nel mondo del block notes tascabile da collezione. E proprio il concorso in cui ha trionfato Daniele De Francesco, prende ogni anno in analisi le migliori “proposte di idee” riguardanti la presentazione di un progetto personalizzato del taccuino.

Il designer serrese è stato incoronato protagonista indiscusso dell’edizione 2013, premiato oltre che dalla giuria ufficiale - che ha definito la sua proposta, il “Ciak Bird”, “un prodotto semplice ma unico, minimale ma originale” - anche dalla giuria popolare. De Francesco infatti ha conquistato anche il primato nella speciale classifica Web, in cui a scegliere il miglior taccuino in gara è stato il popolo di internet.

La proposta di Daniele, rivelatasi quindi vincente sia per la giuria popolare che per quella ufficiale, è caratterizzata dalla chiusura ad elastico orizzontale a forma tubolare in costa di copertina, da un rivestimento morbido in simil pelle nero o grigio, disponibile in tre diverse versioni. Ora il suo progetto verrà realizzato e commercializzato in serie limata dalla stessa azienda promotrice del concorso e come riconoscimento al merito il nome e una biografia dell’autore verranno riportate all’interno del taccuino.

Una vittoria che quindi porta maggiore lustro alla carriera professionale di Daniele De Francesco, già ricca di molte soddisfazioni. Infatti, il giovane designer serrese, nonostante la giovane età vanta un ricco curriculum: laureato a pieni voti in Design presso l’Università degli Studi di Firenze, si è specializzato nella progettazione di oggetti e di interni. Si è già reso autore di collaborazioni di livello, in particolare con le “Officine di architettura” di Marco Paolieri ed è stato impegnato nella ristrutturazione del Cinema comunale “Alfieri”, teatro minore fiorentino riaperto di recente, e di altre importanti opere. Alle fine del 2012 De Francesco aveva già conquistato un altro riconoscimento: una menzione d’onore nel concorso di design a “Ferri Corti” patrocinato dalla Confartigianato e dalla Camera di Commercio di Vibo Valentia.

 

Pubblicato in CULTURA

mini asp-viboIn concomitanza con la scadenza del mandato della commissione ministeriale che ha gestito l'Asp vibonese per due anni, dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiose, ieri, con Decreto n.212 del Presidente della Giunta Regionale Giuseppe Scopelliti (nella qualità di Commissario ad acta per l’attuazione del piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario), ai sensi degli artt. 143 e 146 del D.L.vo. 267/2000, è stato nominato Commissario straordinario dell'Azienda sanitaria vibonese, per un periodo di trenta giorni, prorogabili una sola volta, salvo anticipata nomina del Direttore Generale, il Dott. Bruno Zito, dirigente della Regione Calabria. Smentite, almeno per il momento, le voci che vedevano favorito, per la nomina, l'attuale direttore sanitario Francesco Miceli

Pubblicato in POLITICA
Pagina 1 di 2

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno