de paola seraCon un breve e conciso comunicato - diramato pochi minuti fa - il titolare dell'agriturismo 'Fondo dei Baroni', Domenico De Paola, in protesta assieme a due dei suoi dipendenti - Immacolata Timpano e Domenico Randò - ha reso esplicità la ferma intenzione di continuare nell'azione di contestazione che vede i tre incatenati nel corridoio del Municipio di Serra San Bruno dalle 9.30 di questa mattina, per reclamare il pagamento dei servizi prestati dall'azienda ricettiva nell'ambito del Progetto 'Pitagora Mundus'.

La struttura aveva ospitato, per diversi mesi, 26 dei 53 ragazzi egiziani arrivati in città per effettuare un percorso didattico-formativo di 5 anni, presso l'Istituto Superiore di Serra. Ma il pagamento dei servizi prestati - se non per una minima parte - non  è mai di fatto stato effettuato dal Comune. Si legge nella nota: «Nonostante i vari disagi, il freddo e la stanchezza la nostra protesta continua. Le proposte che ci sono state fatte vanno bene e le abbiamo accettate, ma noi - continuano i dipendenti del 'Fondo dei Baroni' - non andiamo via dal comune e faremo lo sciopero della fame fino a quando l'amministrazione comunale non avrà svolto tutte le pratiche necessarie per l'erogazione delle somme dovute. Solo dopo che tutto l'iter burocratico sarà completato potremo andare via e tornare a casa dalle nostre famiglie e al nostro lavoro. Non bastano più le parole. E' da un anno che fanno parole. Un grazie a tutti per la solidarietà dimostrata».

La vincenda - che sta guadagnandosi l'attenzione mediatica regionale - sembrava potersi risolvere entro la giornata di oggi, soprattutto in seguito ai contatti avuti tra il legale di De Paola e gli esponenti dell'amministrazione locale, pronti - si diceva - a sottoscrivere immediatamente un accordo per giungere ad una risoluzione positiva dei fatti. Secondo quando trapelato, il sindaco avrebbe espresso la volontà di coprire il debito con le disponibilità del bilancio comunale, riconoscendo quindi esplicitamente le responsabilità dell'ente, ma - inspiegabilmente - nel pomeriggio si è registrata l'ennesima fase di stallo,  tanto che la Giunta comunale non si è riunita per deliberare alcuna decisioni in merito. Domani dovrebbe giungere a Serra un referente dell'agenzia regionale Iscapi, soggetto attuatore del progetto. Intanto i tre passeranno la notte all'interno del comune, ancora in sciopero della fame.



Pubblicato in CRONACA
mini foto_di_gruppo_loghiImportanti riconoscimenti a livello nazionale premiano l’attività svolta da Adrenalina Verde e dal Fondo dei Baroni. Le due più importanti associazioni Nazionali di categoria attente all’ambiente, alla legalità ed allo sviluppo sostenibile, Legambiente e Coldiretti, hanno voluto premiare la sinergia tra le due strutture quale esempio per un turismo sostenibile e di qualità.
Nel dettaglio, Martedì 22 luglio 2013 il Parco Avventura Adrenalina Verde e l’Agriturismo Fondo dei Baroni nell’ambito della manifestazione nazionale “Goletta Verde” di Legambiente, hanno ricevuto un significativo premio per “il bellissimo Parco Avventura nelle Serre, pensato e realizzato nel massimo rispetto dell’ambiente, invito ad un nuovo rapporto di turismo mare monti”.
Mercoledì 23 luglio 2013 l’Agriturismo Fondo dei Baroni e il Parco Avventura Adrenalina Verde, sono stati premiati come vincitori della selezione regionale della Calabria, nella categoria “non solo agricoltura”, per gli Oscar Green 2013” accedendo così, alla finale Nazionale del concorso.
Il premio assegnato è l’ Oscar regionale del concorso promosso da Coldiretti Giovani Impresa, per dare un giusto riconoscimento alle giovani imprese agricole italiane e a tutti i soggetti che si siano distinti per aver iniziato un percorso di innovazione, ricerca e diversificazione
“Lavoro insieme ad un gruppo fantastico di ragazzi – ha commentato Domenico De Paola dell’Agriturismo Fondo dei Baroni, che ha ritirato i premi. Questo gruppo ha fatto della scoperta, della fruizione e della valorizzazione dell’ambiente naturale delle Serre il proprio progetto di vita. Insieme abbiamo scoperto che il rispetto della natura può diventare anche una risorsa economica . Ci auguriamo che, parallelamente alla nostra, possano avviarsi altre iniziative nel solco che abbiamo tracciato”.
Siamo Veramente orgogliosi e soddisfatti – aggiungono i soci del Parco Avventura Adrenalina Verde- di aver ottenuto questi riconoscimenti. Il nostro impegno per il rispetto della natura e l’offerta di servizi turistici di qualità hanno dato ottimi risultati. Siamo coscienti, dopo questi riconoscimenti, di essere al centro dell’attenzione e per questo vogliamo andare fino in fondo al concorso nazionale, per dimostrare che esiste una Calabria diversa dallo stereotipo nazionale.
Pubblicato in CRONACA

mini cgil_filcamsRiceviamo e pubblichiamo:

La costanza, l’impegno e l’amore per il proprio lavoro, accompagnato dalla disponibilità dei lavoratori, che non ricevono il salario da alcuni mesi per mantenere in vita una struttura recettiva importante e ben inserita nel circuito turistico regionale e Nazionale, merita tutta la nostra comprensione e sostegno.

La FILCAMS CGIL ha avviato un confronto di merito con il titolare dell’agriturismo Fondo dei Baroni situato a Serra San Bruno che ha causa del mancato pagamento d’alcune fatture da parte del Comune di Serra San Bruno, ha portato il titolare a subire una crisi finanziaria rilevante che a messo a dura prova la tenuta occupazionale e il mantenimento della struttura stessa.
La responsabilità della crisi finanziaria in cui e caduto l’agriturismo è dovuta alle inadempienze dell’Amministrazione comunale di Serra San Bruno e d’Iscapi ( Istituto Calabrese di Politiche Internazionali, soggetto attuatore e coordinatore del Progetto Pitagora Mundus per conto della Regione Calabria) per via di un progetto d’integrazione scolastica tra la nostra regione e l’Egitto che ha “scaricato” i costi del soggiorno di un gruppo di studenti Egiziani a Serra San Bruno sulla struttura ricettiva, senza pagare, se non in minima parte i servizi prestati.
Certamente è da valutare positivamente il progetto che ha visto a Serra San Bruno oltre trenta studenti Egiziani che hanno trovato accoglienza e sostegno da parte degli operatori dell’agriturismo, ma da una vicenda che doveva dare maggiore slancio e attività produttiva si è trasformata in una mera storia di cattiva gestione e soprattutto ha scaricato i costi sull’impresa e sui lavoratori. L’impresa ha dovuto fare fronte alle spese economiche correnti e che con il passare dei mesi l’hanno messa in ginocchio costringendola a procedere all’invio delle lettere di licenziamento dei dipendenti.
A nulla sono serviti gli impegni sottoscritti  dal Sindaco e da Iscapi in sede Comunale, gli impegni assunti si sono rilevati inconsistenti e privi di copertura finanziaria, intanto i lavoratori e l’impresa vivono momenti drammatici con il rischio di mettere in serio pericolo la struttura e con la drammatica conseguenza di  procedere ai licenziamenti dei lavoratori e la chiusura dell’attività.
Su invito di Fortunato Petrolo della Segreteria regionale FILCAMS Calabria, si è tenuto venerdì, nella sede della CGIL di Vibo Valentia un primo incontro con la Dirigenza dell’agriturismo Fondo dei Baroni di Serra San Bruno tra Domenico De Paola, i lavoratori e il segretario Fortunato Petrolo. Le parti dopo un confronto serrato hanno condiviso preliminarmente la possibilità di ritirare le lettere di licenziamento dei lavoratori, di predisporre un articolato piano di rientro delle spettanze economiche vantate dai lavoratori, il tutto per evitare i licenziamenti di tutti i dipendenti e la chiusura della struttura. Nei prossimi giorni c’incontreremo per sottoscrivere un possibile accordo. Confidiamo anche nella responsabilità degli Enti interessati Comune di Serra San Bruno, Iscapi che nel breve periodo possono onorare il proprio debito nei nostri confronti.

Fortunato Petrolo

Segreteria Regionale CGIL FILCAMS Calabria

Pubblicato in POLITICA
Lunedì, 15 Aprile 2013 10:50

Prima categoria: Soriano, è qui la festa!

mini festa_sorianoSORIANO CALABRO –  Romeo, Camillò e Baroni. Sono loro che ieri hanno messo il sigillo nel successo per 3 a 0 sul Campora. Una vittoria che ha consentito al Soriano del presidente Mangiardi di coronare un sogno: la Promozione. Il giusto riconoscimento per un successo ampiamente meritato. Il Soriano, infatti, non ha conosciuto ostacoli. Una vera e propria macchina da gol, trascinata dai centri di Nesci e Macrillò, dai calci di punizione di Marturano e da una coppia difensiva solida, composta da Romeo e Frijia. Senza nulla togliere agli altri giocatori ovviamente, anche perché questo successo – l’ennesimo per i vibonesi – è arrivato anche grazie alla costanza e all’impegno che tutti, indistintamente, hanno dimostrato nel corso della stagione calcistica. Al termine dell’incontro di ieri, vinto ampiamente sul Campora, il presidente Mangiardi, intervistato da 'Il Quotidiano della Calabria’ non ha nascosto l’emozione: ‘Un campionato vinto meritatamente. E questo lo dobbiamo ai calciatori, al mister, agli altri componenti della dirigenza e soprattutto ai nostri tifosi. La vittoria è meritata, ma un plauso va anche al Filogaso che è stato dietro di noi per tanto tempo. Per il prossimo anno – ha affermato Mangiardi – cercheremo di rinforzare la rosa con qualche innesto, in modo tale da disputare un campionato di alta classifica’.  Anche mister Lorenzo Baroni, tra gli artefici del successo rossoblu, ha elogiato la dirigenza ‘per aver allestito una squadra solida e competitiva. Siamo andati al di là delle aspettative. C’è stata continuità nei risultati e soprattutto l’impegno da parte di tutti’. Su una sua permanenza a Soriano, però, Baroni ha rassicurato i tifosi: ‘Al 99% rimarrò qui’. Restano da giocare ancora altre partite, prima del consueto “rompete le righe”. Ed il Soriano, certamente, non farà sconti a nessuno, anche perché bisogna difendere un’ imbattibilità che dura ormai dall’inizio della stagione. 
 
I protagonisti - Questi gli artefici di un’ annata trionfale: Francesco Boragina, Angelo Carrera, Armando Baroni, Armando Calvetta, Giuseppe Gambino, Domenico Camillò, Onofrio Cascas, Bruno Di Renzo, Salvatore Frijia, Nicolò Galeano, Cristian Macrillò, Domenico Giurlanda, Francesco Moscato, Michele Marturano, Domenico Muller, Giuseppe Orecchio, Antonino Orecchio, Filippo Pagano, Antonio Romeo, Francesco Simonetti. 
 

Una dedica speciale – Sulle note di “We are the champions” il Soriano del patron Mangiardi festeggia il salto di categoria. Un successo atteso da tempo. Frutto del sacrificio di chi ha inteso investire su questa bellissima realtà, come appunto il numero uno della squadra vibonese, ma anche tutto il resto della dirigenza. Frutto, però, anche di chi, come i gli ultras Tonino Ferrari, Francesco Serravite e Francesco Giurlanda, hanno seguito la squadra sia nelle partite casalinghe che in quelle disputate lontano dalle mura amiche. Un plauso anche a chi, in questo anno calcistico, ha avuto meno spazio. Perché il successo, come è giusto che sia, è anche merito loro. Al termine dell’incontro di ieri, la squadra ha dato il via ai festeggiamenti. Anche se, già durante l’incontro, si sapeva che alla fine la squadra di mister Baroni avrebbe ottenuto i tre punti. Il successo, però, la squadra lo dedica a chi non c’è più. A Filippo Ceravolo, che anche se non è più con noi, da lassù sicuramente ha dato il suo contributo.
 

Michele Marturano: ‘Un’ esperienza fantastica’ - E’ stato uno degli artefici di questa marcia trionfale. Un vero e proprio perno per il centrocampo rossoblu. Unica nota negativa, la sua assenza negli ultimi incontri a causa di una squalifica che non gli ha consentito di essere vicino concretamente alla squadra. La sua assenza in avanti si è sentita. È inutile negarlo. I commenti, però, potrebbero anche non essere sufficienti per uno come lui. Nonostante tutto, il regista Michele Marturano ha fornito un contributo notevole per la vittoria del torneo. Un’ annata, questa che, come del resto ha affermato il numero 10 rossoblu, ‘è terminata nel migliore dei modi. Abbiamo ampiamente meritato il salto di categoria, frutto senza dubbio di chi, come il presidente, la dirigenza ed i tifosi ci sono stati vicini sin dal primo giorno’. Un accenno anche al futuro: ‘A prescindere dal fatto se ci sarò o meno il prossimo anno, non smetterò mai di ringraziare questa bellissima realtà calcistica rappresentata dall’ Ags. Poi, ovviamente, c’è tutto il tempo per discutere e valutare la mia possibile permanenza a Soriano. Personalmente, però, posso dire soltanto che è stata un’ esperienza fantastica che difficilmente si potrà dimenticare’. È chiaro: i tifosi sperano fino all’ultimo che Marturano possa vestire anche per il prossimo anno la casacca rossoblu. Le certezze, però, al momento non ci sono. Oggi, infatti, è prematuro fare delle considerazioni che alla fine potrebbero rivelarsi anche prime di qualsiasi fondamento. ‘Per adesso godiamoci questa vittoria – la sua conclusione -. Nelle prossime settimane ne riparleremo’.
 
foto di Nicola Ciurlia
Pubblicato in SPORT
mini ags_sorianoA cinque giornate dal termine, i giochi per quanto riguarda la vittoria del campionato sono quasi fatti. Il Soriano è la squadra destinata ad effettuare il salto di categoria. Più complicata, invece, la questione relativa agli spareggi salvezza. Una marcia sorprendente quella dei rossoblu, culminata da ventitre successi, due pareggi e zero sconfitte. Media impressionate, se si considerano le sessantadue reti realizzate in ventincinque partite e soltanto dodici subite. Il Soriano di mister Baroni sorprende tutti. I pronostici di inizio campionato, dunque, sono stati ampiamente rispettati. La squadra del presidente Mangiardi, infatti, era considerata tra le favorite per la vittoria finale del campionato. Detto, fatto. I rossoblu hanno macinato successi su successi, mostrando anche di saper offrire un buon calcio, nonostante la categoria. Merito di Baroni, certo. Ma anche della dirigenza, che ha saputo costruire un organico composto da giovani promettenti e da giocatori che hanno già accumulato una certa esperienza alle spalle (da Baroni a Pagano, passando per i vari Romeo, Nesci, Giurlanda, Macrillò, Marturano e Calvetta). Il merito, però, va anche alla tifoseria, che ha sempre dimostrato di essere vicina alla squadra, sia in casa che in trasferta. Un sogno che si realizza, dunque, quello di disputare un campionato di Promozione. Un sogno che aspettavano da tempo a Soriano e che, finalmente, tra qualche giorno potrà avverarsi. Nell'ultimo incontro disputato,  Giurlanda e compagni hanno superato facilmente il fanalino di coda Galatro per 3 a 0. Il match di domenica scorsa è stato praticamente un monologo per la squadra del presidente Mangiardi, che non ha mai avuto problemi nel portare a casa i tre punti. Basti pensare che il vantaggio arriva dopo appena trenta secondi di gioco con Camillò. Poco prima della mezzora Romeo firma il momentaneo 2 a 0. Nella ripresa, mister Baroni fa esordire anche il secondo portiere, Carrera e decide di effettuare subito i cambi a sua disposizione. Al 13‘, i rossoblu chiudono l’incontro grazie a Macrillò, bravo a mettere fuori gioco un avversario e ad insaccare sul secondo palo. 
 
 
Di fronte a questa macchina da gol, nulla ha potuto, invece, il Filogaso. Imineo e compagni hanno si cercato di mantenere il passo della capolista, non riuscendoci però. Non tanto per demeriti propri. Quanto piuttosto per la straordinaria cavalcata della squadra di mister Baroni. A Pianopoli, la vice capolista soffre più del previsto, riuscendo comunque a conquistare l’intera posta in palio, grazie al solito Imineo.
 
 
Diverso, invece, il discorso per la Serrese. Dopo un girone d'andata tra alti e bassi, i biancoblu hanno assaporato il gusto dei risultati utili per gran parte del girone di ritorno. Unica nota negativa, la sconfitta per 3 a 1 sul campo del Filogaso. Domenica l’undici di mister Megna avrebbe dovuto affrontare il Campora. Il forte vento, però, ha costretto il direttore di gara a rinviare l’incontro. 
 
 
 Lotterà per evitare i playout, infine, il Marina di Nicotera. Salvo miracoli dell'ultim'ora, infatti, i vibonesi dovranno giocarsi la permanenza in Prima categoria negli spareggi salvezza. A dimostrazione di ciò, lo scialbo 0 a 0 maturato in casa contro il Real Pianopoli.
 
 
(foto di Nicola Ciurlia)
Pubblicato in SPORT

 

mini squadra_sorianoGrazie ad una rete di Macrillò al 9' e di Nesci nei minuti finali del match (gol della bandiera ospite ad opera di Inzillo), il Soriano fa suo il derby contro la Serrese e chiude il 2012 in vetta alla classifica, con quarantadue punti all'attivo, grazie alle quattordici vittorie su altrettante partite disputate finora. I biancoblu di mister Rolando Megna, invece, sono al secondo ko consecutivo, dopo quello di una settimana fa a Badolato. Incontro dominato dal Soriano per quasi tutti i novanta minuti. Serrese quasi mai pericolosa. Mister Baroni decide di affidarsi al solito undici: Boragina, Simonetti, Romeo, Baroni, Orecchio, Frijia, Gambino, Nesci, Giurlanda, Marturano e Macrillò. Risponde la Serrese con Piccolo, Vellone, Idà, Albano, Raffa, Carchedi, Greco, Zaffino, Iorfida, Megna, Crudo. Passano poco meno di dieci minuti ed i rossoblu si portano già sull' uno a zero. Macrillò approfitta di una disattenzione difensiva e porta il vantaggio i suoi. Al 18' punizione di Marturano, con Piccolo che si fa trovare pronto e respinge con i pugni. Subito dopo, è sempre la squadra del presidente Mangiardi a rendersi pericolosa con i vari Baroni e Orecchio. Per vedere un' occasione degna di nota della Serrese bisogna attendere il 34'. Crudo colpisce di testa ma Boragina si supera e respinge. Al 39' nuova occasione per Macrillò che riceve palla da Nesci, ma il pallone esce di poco a lato. Nei minuti finali della prima frazione, c'è ancora il tempo per assistere all' ennesima occasione capitata sui piedi di Baroni. Diagonale sul secondo palo e palla di poco a lato. Primi minuti della ripresa di sostanziale equilibrio. Dopo appena diciassette minuti, però, la Serrese resta in dieci: fallo da ultimo uomo su Nesci per una trattenuta evidente di Raffa. Il direttore di gara non ha dubbi: rosso diretto. Da qui in avanti è solo Soriano, pericoloso in 4-5 occasioni con i vari Nesci e Macrillò. Piccolo, però, dimostra ancora una volta di meritare categorie ben superiori. Dopo vari tentativi, però, l' Ags chiude i conti con il solito Nesci. Al 37' la Serrese perde anche Carchedi, che riceve un altro giallo e viene spedito anzitempo negli spogliatoi. A tempo praticamente scaduto, Inzillo sigla il gol della bandiera.

Pubblicato in SPORT
          PRENOTA E RISPARMIA CON GULLI' BUS                         

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno