Mercoledì, 04 Aprile 2012 16:52

L'imprenditore in camicia rossa

mini Fazzari_AchilleLa storia di Achille Fazzari s’intreccia con quella di un modesto regno del nord, il Regno di Sardegna di Vittorio Emanuele II di Savoia, che irrompe nella vita di un piccolo paese del sud – Mongiana - nel cui ventre giaceva il più importante insediamento siderurgico del Regno delle due Sicilie, le Reali Ferriere Borboniche. Achille Fazzari è un personaggio alquanto controverso: emigrato in America con la qualifica di sarto, dopo essere rientrato in Italia prese parte alla spedizione dei Mille divenendo fraterno amico di Giuseppe Garibaldi; successivamente fu deputato dello Stato unitario per due legislature e fu coinvolto in una colossale truffa ai danni di quest’ultimo. Prima dell’Unità d’Italia Mongiana era un piccolo borgo nel cui territorio esisteva il più importante polo siderurgico del regno borbonico che a sua volta era considerato la terza potenza industriale del ferro su scala europea. I regnanti borbonici, in maniera frettolosa e senza studi di fatto, avevano deciso di costruire le Ferriere in questo posto per tre ragioni: la presenza di importanti corsi d’acqua  quali il torrente Ninfo e il fiume Allaro che fornivano l’energia per il movimento delle macchine delle ferriere, i folti boschi di castagno e faggio necessari per la produzione del carbone con cui venivano nutriti gli altiforni per la fusione, e le vicine miniere di Pazzano che fornivano il minerale da cui si estraeva il ferro.

Pubblicato in CULTURA

mini manoscrittoLo storico inglese Christopher Duggan, nel suo saggio “La forza del destino. Storia d’Italia dal 1796 ad oggi", sostiene che il nucleo emotivo su cui si basa l’unità d’Italia sia debole ed inconsistente. Figlio di ambizioni e frustrazioni, di slanci e di sconfitte, vi è stata l’incapacità da parte dello Stato nazionale di risolvere la cosiddetta Questione Meridionale. Per dirla con Sciascia, si parla di questione meridionale grazie all’impegno degli scrittori meridionali, senza le cui denunce essa sarebbe rimasta una “leggenda nera”. Cantore in presa diretta della nascita dello Stato unitario e della Questione Meridionale, dei problemi ad esso connaturati e dei danni che il nuovo governo arrecò al Mezzogiorno ed in particolare alla Calabria, è stato il poeta Mastro Bruno Pelaggi (Serra San Bruno 15 settembre 1837 – 6 gennaio 1912) che visse quasi tutta la sua parabola umana a Serra San Bruno, patria anche dell’amico, più volte ministro, Bruno Chimirri. Il poeta serrese faceva uno dei mestieri più duri, lo scalpellino; aveva imparato la vita alla severa scuola della crudezza e aveva improntato la sua esistenza ai principi morali della giustizia e dell’uguaglianza, assumendo il concetto del bene e del giusto quale regola inflessibile di condotta, che osservò con estrema coerenza, senza timore di scontrarsi con l’ordine costituito e con la moralità del tempo. Esaminando le liriche di Mastro Bruno è possibile rinvenire, in alcuni componimenti, dei concetti e dei principi omogenei. Pur non potendo parlare di pensiero sistematico, in quando il poeta scalpellino non ebbe una cultura letteraria né tantomeno filosofica, è possibile tuttavia parlare di una concezione etico-politica che caratterizza la maggior parte delle sue poesie e che ne fa un acuto osservatore e denunciatore della nascente Questione Meridionale. Non si può parlare di una “poetica politica” come frutto di una coscienza di classe, essa è figlia piuttosto di un “istinto di classe” che nasce dalla consapevolezza che al mondo esistono due categorie di esseri, gli sfruttatori e gli sfruttati, e dalla percezione del poeta serrese di appartenere a quest’ultima. In Mastro Bruno la Questione Meridionale, come rilevato dallo studioso Biagio Pelaia che ha curato “Li Stuori” (nota raccolta dei versi di Pelaggi) fin dalla prima edizione, si manifesta non soltanto come testimonianza diretta, ma soprattutto come vicenda umana personalmente vissuta e sofferta che lo conduce, partendo dalla propria esperienza, a fare delle considerazioni e delle riflessioni più generali ed universali che saranno poi alla base della coscienza meridionalistica. Mentre vi è una serie di otto componimenti interamente dedicati al periodo monarchico-unitario, vi è un frammento costituito da otto quartine dal titolo “Quand’era giuvinottu” in cui il poeta serrese tenta di cogliere, dal suo punto di vista e a posteriori, le differenze tra il regime borbonico e quello unitario, facendo riferimento anche all’attività cospirativa nei confronti del primo.

Quand’era giuvinottu,                                                                                          Quand’ero giovanotto

jio mi ricuordu appena                                                                                            io mi ricordo appena

ca si dicia ca vena                                                                                                   che si diceva venisse

Cientumasi;                                                                                                                           Cientumasi;

di sira, ‘ntra li casi,                                                                                              di sera, dentro  le case,

cu’ certi carvunari,                                                                                                      con certi carbonai,

pimmu ‘ndi dinnu mali                                                                                                  per parlarci male

dilli Borboni                                                                                                                         dei Borboni.

Ch’era ‘nu lazzaroni                                                                                            Che fosse un lazzarone

‘n sigrietu si dicia;                                                                                               segretamente si diceva;

c’ognunu non vulìa                                                                                        perché ognuno non voleva

mu parra forti,                                                                                                          parlare ad alta voce,

picchì a sicura morti                                                                                               perché a sicura morte

jia ‘ncuntru, o carciratu                                                                               andava incontro, o carcerato

e pue cadia malatu                                                                                                   e poi cadeva malato

e si futtia.                                                                                                                            e si scornava.

Tandu non capiscia;                                                                                         Allora non potevo capire;

però (mancu li cani!),                                                                                         però (cosa malagevole!)

cu chist’atri suvrani                                                                                              con questi altri sovrani

si dijuna.                                                                                                                                  si digiuna.

‘N Calabria ormai la luna                                                                                  In Calabria ormai la luna

Va sempi alla mancanza,                                                                                        va sempre a mancare,

e non c’è cchiù spiranza                                                                                        e non c’è più speranza

ca ‘ndargimu.                                                                                                            che ci risolleviamo.

 C’arriedi sempi jimu,                                                                     Poiché andiamo sempre più indietro,

 li mastri e li fatighj;                                                                                sia le maestranze e sia il lavoro;

chissu lu capiscivi                                                                                                        questo l’ho capito

non di mò;                                                                                                                     da molto tempo;

Ca lu Guviernu vò                                                                                                        perché il governo

sulu pimmu ‘ndi spògghja,                                                                                     vuole solo spogliarci,

mu ‘ndi leva la vòggjia                                                                                  facendoci passare la voglia

mu stacimu…                                                                                                               di rimanere qui…

In questo componimento, nei versi iniziali, Mastro Bruno, ricordando uno dei tanti episodi della sua gioventù, riporta un piccolo squarcio dell’attività cospirativa che verosimilmente dovrebbe datarsi intorno al 1848, quando la propaganda antiborbonica era molto intensa. Cientumasi era il cospiratore, quello che oggi sarebbe identificato col termine “terrorista”, uno dei briganti ribelli che all’epoca erano mal sopportati dall’assolutismo borbonico. Dai primi versi traspare la segretezza e la paura dell’attività cospiratrice pre-risorgimentale di cui anche i piccoli centri come Serra San Bruno erano interessati. Di certo il regime borbonico non sopportava critiche o denunce sociali e gli autori erano puniti con il carcere o addirittura con la morte. Il poeta dopo aver descritto quest’attività pone il confronto col regime unitario ed il dato di fatto emergente è sconvolgente. Se durante la monarchia borbonica la libertà, soprattutto quella di espressione e dissenso, era pressoché negata, se il regime assolutistico faceva di tutto per mantenere la Calabria nell’arretratezza sociale e nella conseguente povertà, col nuovo regime sabaudo le classi che potremmo definire proletarie sfiorano la fame e vengono sommerse da nuove tasse per rimpinguare le casse dello Stato piemontese che si era fortemente indebitato e la cui economia era assai inferiore rispetto a quella dello stesso Stato borbonico. E’ noto agli storici come le maestranze artigianali, che spesso erano dei veri e propri artisti, dopo l’unificazione entrarono in un periodo di crisi inarrestabile che ne comportò un lento e inesorabile processo di decadenza fino alla loro scomparsa.

Basta! – Simu ‘Taliani! –                                                                                  Basta! – Siamo Italiani -

Gridamma lu Sissanta.                                                                               Abbiamo gridato il Sessanta.

(Ad Umberto I, vv. 69-70)

Per il cosiddetto meridionalismo classico, la Questione Meridionale consiste nella mancata integrazione economica del Sud nel processo di sviluppo capitalistico a cui era avviato il Nord, mentre per le correnti d’ispirazione marxista questa integrazione in realtà è avvenuta, ma secondo le modalità con cui il capitalismo, nella sua fase avanzata, rende funzionale al suo sviluppo l’economia dei paesi arretrati, annettendoli ed utilizzandoli come serbatoio di manodopera a basso costo e come colonia a cui vendere i prodotti. Le parole di Mastro Bruno sono emblematiche nell’esprimere la passione con cui anche i ceti proletari e più poveri hanno guardato all’unificazione; il passaggio di Garibaldi nella penisola fu infatti motivo di acceso patriottismo anche tra i ceti meno abbienti, che guardavano all’unità come alla promessa di un futuro migliore. L’impresa dei Mille sembrava voler chiamare tutti gli italiani verso una meta comune, superando ogni differenza etnico-localistica. Ma questo non avvenne e dopo l’Unità le divergenze sociali ed economiche riaffiorarono. Con la caduta delle barriere doganali un maggiore flusso di viaggiatori ed uomini di cultura arrivò nel Mezzogiorno e, non conoscendo la realtà sociale e le ragioni dell’arretratezza, si espressero con motivi di disprezzo nei confronti della gente del Sud. A ciò è da aggiungere come improvvisamente il nuovo Stato si trovò a fare fronte ai debiti contratti dallo Stato sabaudo, per risolvere i quali si procedette ad una politica di tassazione più marcata proprio nel meridione. Sul popolo calabrese, dopo l’Unità d’Italia, si abbatté una serie infinita di tasse: la comunale e la provinciale, la tassa di famiglia e quella sul macinato, oltre all'inimmaginabile tassa di successione e all'impensabile leva obbligatoria. La gente del meridione, dopo aver vissuto l’illusione di essere riscattata dall’unità nazionale, dovette rassegnarsi di nuovo e il Mezzogiorno subì un abbandono non soltanto economico ma soprattutto sociale e morale. Cosi Mastro Bruno, esprimendo disperazione e solitudine e identificando l’uomo meridionale sfruttato e deriso dai potenti nonché deluso dagli uomini, scrive al Re:

Picchì hai mu li nascundi                                                                                   Perché devi nascondere

li gridi calabrisi?                                                                                                        i lamenti calabresi?

Non pagamu li spisi                                                                                             Non paghiamo le tasse

‘guali a tutti?                                                                                                                      uguali a tutti?

Ma tu ti ‘ndi strafutti;                                                                                             Ma tu te ne strafotti;

li deputati cchiùi:                                                                                               i deputati ancora di più:

duvi ‘ncappama nui,                                                                                          devo siamo capitati noi,

povar’aggenti!                                                                                                                    Povera gente!

(Ad Umberrto I, vv. 97 – 104)

Ma non avendo nessuna risposta da Umberto I il poeta decide di rivolgere il suo lamento al Padreterno, nella speranza che almeno il cielo si accorga della sofferenza che attanaglia il meridione e la sua provvidenza sconvolga l’ordine terreno basato sulla diseguaglianza:

Non vidi, o Patritiernu,                                                                                      Provvedi, o Padreterno,

lu mundu mu sdarrupi,                                                                                        a distruggere il mondo,

ch’è abitatu di lupi                                                                                              perché è abitato da lupi

e piscicani?                                                                                                                           e pescecani?

(Lettera al Padreterno, vv 1- 4)

A nui ‘ndi scuorticaru                                                                                      A noi ci hanno scorticato

li previti, l’avaru                                                                                                                i preti, l’avaro

e lu Guviernu.                                                                                                                     e il governo.

(Lettera al Padreterno, vv 110 - 112)

In effetti, tra il 1865 ed il 1890 lo Stato unitario spese ingenti somme per l’acquisto di beni ecclesiastici e demaniali, che di fatto impedirono investimenti che avrebbero potuto ottimizzare l’agricoltura meridionale. Il degrado in cui fu lasciato il Mezzogiorno fece sì che l’insicurezza economica dei comuni del sud causasse il rifiuto dei loro amministratori nei confronti di prestiti a condizioni vantaggiose per la costruzione di opere pubbliche, con la conseguenza che  di queste condizioni vantaggiose approfittarono settentrionali intraprendenti che vedevano in questi prestiti una sorta di investimenti redditizi a lunga scadenza. Alla fine Mastro Bruno Pelaggi, deluso ed amareggiato, preso dallo sconforto e sentendo tutte le sue forze svanire, decide di raccontare il suo tribolare alla luna, quale unica e impassibile spettatrice delle sue sofferenze, affidando al suo mutismo il compito di raccoglierle e portarle a riposare con se. Essa è l'interlocutore a cui il poeta serrese rivolge i suoi lamenti, con la consapevolezza di non ottenere mai risposta, poiché essa rappresenta l'infinito, l'eterno e l'immortale, è insomma quello che un uomo non potrà mai essere.

Quantu’agghjuttivi amaru                                                                         Quante amarezze ho ingoiato

‘ntra ‘st’esistenza mia!                                                                                       in questa mia esistenza!

Luna, si non niscia                                                                                              Luna, se non fossi nato

quant’era mieggju!                                                                                                       quant’era meglio!

Pubblicato in CULTURA
          PRENOTA E RISPARMIA CON GULLI' BUS                         

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno