serreseIn diretta dal Comunale "La Quercia" di Serra San Bruno, puntata speciale di "On the news" - sulle frequenze di Rs98, dalle ore 14:50 - per il live della partita del Campionato di Prima Categoria Serrese–Piscopio. Novanta minuti di pathos che per l'undici del Presidente Albano potrebbero sancire il raggiungimento del tanto agognato traguardo della Promozione. Radio serra 98, sempre attenta al nostro territorio, seguirà dunque minuto per minuto quella che a tutti gli effetti può essere definita la partita dell'anno.

Dallo studio mobile di Rs98 la radiocronaca di Antonio Zaffino. Dal campo gli inviati speciali Antonio Carnovale ed Alessandro De Padova, che cureranno le interviste ai protagonisti di questo prestigioso evento.

Potrete seguire la diretta anche in streaming all'indirizzo http://tunein.com/radio/Radio-Serra-RS-980-s3103/ e.... forza Serrese!

 


Pubblicato in SPORT

 

mini prociv2SERRA SAN BRUNO - «Non è stato un gesto che ci ha prodotto danni economici particolarmente rilevanti, ma sicuramente siamo amareggiati per quanto accaduto». Ha esordito così il coordinatore del gruppo comunale della Protezione civile, Antonio Carnovale, nel corso della conferenza stampa tenutasi nel pomeriggio di ieri presso la sala giunta del Comune e durante la quale sono stati evidenziati alcuni aspetti relativi al furto che, nei giorni scorsi, ha interessato la sede locale della Prociv. Furto che, secondo lo stesso Carnovale, ha «penalizzato l’intera comunità serrese. Avevamo intenzione di acquistare un defibrillatore automatico, ma non lo possiamo fare, considerato che dovremo quanto prima dotarci di nuove apparecchiature radiofoniche. Il danno economico ammonta a circa trecento euro. Si tratta di strumenti di particolare rilevanza - ha aggiunto il coordinatore della Protezione civile - che vengono utilizzati soprattutto durante le emergenze. Abbiamo provveduto a formalizzare la denuncia alle forze dell’ ordine che ringraziamo per quanto fatto finora, nei confronti delle quali nutriamo profonda stima e fiducia, consapevoli che prima e poi verranno individuati i responsabili». Nei giorni scorsi, in particolare, ignoti hanno fatto irruzione presso la sede locale del gruppo Protezione civile, situato nel centralissimo corso Umberto I. I malviventi hanno rotto i vetri della finestra dello stabile, per poi fare irruzione all’interno, portando via le apparecchiature radiofoniche, utilizzate per affrontare le emergenze. «È un fatto che ci colpisce tanto dal punto di vista morale - precisa Carnovale - ma non saranno sicuramente gesti del genere a fermare la nostra attività. Non ci saremmo mai immaginati che la malvagità umana arrivasse a tanto. Vorremmo, però, porgere un sentito ringraziamento a quanti ci sono stati vicini ed a tutti coloro i quali hanno espresso solidarietà e vicinanza nei nostri confronti». Il gruppo comunale della Protezione civile, che conta all’incirca venti volontari e che opera sul territorio dall’ agosto del 2011, ha ottenuto di recente l’iscrizione all’ albo regionale delle associazioni di Prociv. Questo, ovviamente, consentirà al gruppo di operare su tutto il territorio comunale assieme alla colonna mobile di soccorso regionale. È stata, inoltre, attivata una linea mobile che può essere raggiunta dai cittadini per ogni tipologia di segnalazione, che rientra ovviamente nelle competenze della Protezione civile: 389 - 0506177.

 

(articolo pubblicato su 'Il Quotidiano della Calabria')

Pubblicato in CRONACA

 

mini SSL20428SERRA SAN BRUNO - Non solo auto date alle fiamme. Ci sono anche i furti, infatti, a turbare la quiete dei serresi. Nei giorni scorsi, in particolare, ignoti hanno fatto irruzione presso la sede locale del gruppo Protezione civile, situato nel centralissimo corso Umberto I. Secondo quanto siamo riusciti ad apprendere, i malviventi hanno rotto i vetri della finestra dello stabile, per poi fare irruzione all’interno, portando via le apparecchiature radiofoniche, utilizzate dalla Prociv per affrontare le emergenze. A rendersi conto dell’ accaduto, una volontaria che si è recata sul posto, nella serata di venerdì, intorno alle 20. I coordinatori del gruppo, Antonio Carnovale e Cosimo Malvaso, appresa la notizia, sono giunti all'interno dei locali e, una volta dentro, non hanno fatto altro che constatare quanto avvenuto. ‘Profonda amarezza’ viene espressa dalla Protezione civile, per un furto che ‘ha subito non solo il gruppo in sé, ma l’ intera comunità’. Sul posto, sono intervenuti anche i Carabinieri della locale compagnia, ai quali nei prossimi giorni sarà formalizzata la denuncia. Domani pomeriggio, intanto, alle ore 15 e 30, presso la sala giunta del Comune, è in programma una conferenza stampa.

(articolo pubblicato su 'Il Quotidiano della Calabria')

Pubblicato in CRONACA

mini tribunale_viboVIBO VALENTIA - Accogliendo la richiesta del sostituto procuratore Michele Sirgiovanni, il gup di Vibo Valentia ha rinviato a giudizio cinque persone ritenute responsabili, a vario titolo, dell'intossicazione alimentare subita dai bambini delle scuole dell'infanzia ed elementari di Vibo Valentia. Le persone indagate - Michelina Luberto (36 anni), Domenico Cosentino (35), Adriana Maria Stella Teti (56), Emanuela Rizzuti (63) e Fortunato Carnovale (60) - sono accusate di abuso d'ufficio, omissione di atti d'ufficio e detenzione e distribuzione per il consumo di sostanze alimentari con cariche microbiche superiori ai minimi stabiliti dalla legge. Il rinvio a giudizio riguarda 

I fatti risalgono al 5 novembre 2009, quando diversi bambini rimasero intossicati dai pasti somministrati a scuola. A seguito delle segnalazioni dei genitori fu aperta un'inchiesta, coordinata dal pm Sirgiovanni, nella quale furono indagati Michelina Luberto e Domenico Cosentino in veste di legale rappresentante della ditta Osma. Ad entrambi viene contestato di avere, in concorso tra loro, detenuto e distribuito sostanze alimentari con cariche microbiche superiori ai minimi stabiliti dalla legge e comunque in stato di alterazione e nocive. Adriana Teti deve invece rispondere di abuso di ufficio, nella sua qualità di responsabile del Servizio attività scolastiche del Comune di Vibo, per aver liquidato illegalmente somme di denaro in favore della Osma. Emanuela Rizzuti è accusata di omissione di atti di ufficio in qualità di titolare di posizione organizzativa nella Commissione di vigilanza del servizio di refezione avrebbe impedito i relativi controlli. Il medico Fortunato Carnovale, nella sua qualità di dirigente del Dipartimento di prevenzione dell'Asp e responsabile del procedimento, è accusato di avere omesso di effettuare le ulteriori verifiche in ordine al rispetto delle prescrizioni adottate in data 7 novembre 2008. Il processo è stato fissato per il 23 aprile prossimo davanti al tribunale di Vibo Valentia. 

Pubblicato in CRONACA

mini annamaria_Boragina_premia_il_presidente_del_Catanzaro_RuggieroIl successo della Pro Reggina nel campionato italiano dimostra che il calcio a 5, pian piano, sta varcando i propri confini. Pur essendo uno sport praticato quasi esclusivamente dal mondo maschile,  il titolo di Campionesse d’ Italia conquistato dalle ragazze amaranto guidate dal tecnico Enzo Tramontana rappresenta l’emblema di uno sport che, anno dopo anno, sta assumendo una certa rilevanza anche tra le donne. Domenica scorsa, infatti, presso il Palasport di Viale Toronto, a San Nicola da Crissa, si è svolto il primo triangolare di calcio a 5 Femminile, evento organizzato  dall'Asd San Nicola da Crissa, nella persona del presidente Vito Carnovale, dalla scuola calcio Val-Crissa diretta da Nicola Pirone, con la collaborazione di Roberto Palmieri ed il patrocinio dell' amministrazione Comunale e Provinciale, che ha visto impegnate le padrone di casa del San Nicola, l'Asd woman soccer Catanzaro e l'Atletico Crotone. Numeroso il pubblico presente sugli spalti che ha assistito ai tre incontri, arbitrati dall'ex tecnico della Vibonese Adriano Vangeli. Ad aggiudicarsi la vittoria finale sono state le giallorosse catanzaresi del presidente Antonio Ruggiero, che nel primo incontro hanno vinto senza fatica con le padrone di casa, per poi battere in finale l'Atletico Crotone. Al secondo posto, proprio le pitagoriche che si sono imposte per 4-1 contro il San Nicola. A fine gara a premiare le tre squadre partecipanti il sindaco di San Nicola Giuseppe Condello, il presidente del San Nicola da Crissa Vito Carnovale e Annamaria Boragina del comitato organizzatore (nella foto in compagnia del presidente Ruggiero)

Queste le parole dei protagonisti: 
Nicola Pirone, organizzatore evento:"Per un giorno il calcio femminile è sbarcato a San Nicola e l'obiettivo è stato pienamente raggiunto, almeno per quanto mi riguarda perchè non è semplice organizzare un evento sportivo di tale importanza. Colgo l'occasione per ringraziare l'amico Roberto Palmieri per averci aiutato nell'organizzazione insieme ad Adriano Vangeli e Antonio Luccisano, i collaboratori della scuola calcio Vito De Caria, Vito Galloro e Gabriele Pileggi, il sindaco e consigliere provinciale Giuseppe Condello per il patrocinio e la vicinanza che ci ha sempre dimostrato, il presidente Vito Carnovale che ha accettato con entusiasmo l'iniziativa. Devo ringraziare anche le squadre di Catanzaro e Crotone perchè in campo hanno dato spettacolo soprattutto nella finale. Infine e non per ultima Annamaria Boragina, è grazie a lei se tutto ciò oggi è stato possibile. Da una sua iniziativa è venuta su una piccola squadra nel nostro paese e di conseguenza anche questo triangolare. Peccato che qualcuno non apprezzi gesti e sacrifici, ma si sa la gratitudine non è di questo mondo. Ad ogni modo siamo soddisfatti del lavoro che abbiamo fatto in questi mesi. Scuola calcio compresa".
Sindaco di San Nicola Giuseppe Condello:"Sono iniziative che aiutano a crescere il paese. Questi ragazzi hanno dimostrato grande forza di volontà creando qualcosa a livello sportivo. Ospitare qui squadre come Catanzaro e Crotone è un grande onore e no li si può avere tutti i giorni. Mi auguro che questo sia un punto di partenza e non di arrivo, ma conoscendo gli organizzatori credo che ancora potranno dare tanto allo sport di questo paese, lo testimonia la scuola calcio".
Adriano Vangeli ex tecnico Vibonese: "Ho subito accettato l'invito dell'amico Nicola Pirone e di Roberto Palmieri. Sono contento di essere stato qui oggi. È un'ottima iniziativa che va coltivata affinchè anche in questa parte di territorio si sviluppi il calcio in rosa. Nella nostra provincia ci sono pochi momenti dove le ragazze possono stare insieme. Faccio i complimenti agli organizzatori per la forza di volontà e i sacrifici che ogni giorno sono costretti a sostenere".
Vito Carnovale presidente Asd San Nicola da Crissa: "Chiudiamo un anno sportivo intenso, con un triangolare di prestigio. Possiamo dire che il bilancio di quest'annata è stato molto positivo con una squadra in Terza categoria e la scuola calcio".

Pubblicato in SPORT

mini mpa_serraSERRA SAN BRUNO – Il Movimento per le Autonomie di Raffaele Lombardo e Agazio Loiero mette radici nel Vibonese partendo non dalla città capoluogo, ma dal popoloso centro montano che rappresenta il punto di riferimento del Comprensorio delle Serre. Questa una delle novità significative emerse dalla conferenza stampa di presentazione del movimento, nato dalla federazione tra Mpa e Autonomia e diritti, che vede impegnato come esponente di riferimento della zona l’ex sindaco Raffaele Lo Iacono, e che sabato 24 ospiterà, a palazzo Chimirri alle 17, una convention a cui parteciperanno anche la coordinatrice regionale, Bianca Rende, e il coordinatore nazionale, Loiero. E’ stato lo stesso ex primo cittadino a fare gli onori di casa, affiancato per l’occasione dai dirigenti locali e dalla coordinatrice provinciale del suo partito, Angelica Carnovale. Proprio quest’ultima ha avviato la sua analisi incentrandola sulle potenzialità non valorizzate del territorio delle Serre in particolare e del Meridione in generale. “Non è ammissibile – ha spiegato Carnovale – che la Lega faccia gli interessi del Nord e i vari governi agiscano sempre a svantaggio del Sud. E’ necessario che noi prendiamo in mano i territori e facciamo sentire la nostra voce a Roma”. La coordinatrice ha poi rimarcato l’importanza del ruolo dei giovani e delle donne nella formazione di una nuova classe dirigente, argomento su cui le ha fatto sponda Valeria Giancotti, coordinatrice cittadina del Mpa. “Ciò che mi muove, che mi accende – ha spiegato Giancotti – è la passione giovanile per la politica e la volontà di continuare a vivere nel mio paese. Sono orgogliosa di far parte di un partito autonomo e meridionalista che si contrappone alla destra”. Toccando poi argomenti riguardanti il comune i Serra – “un territorio impoverito e un’amministrazione che fa acqua da tutte le parti” – la coordinatrice ha comunicato che sono state già fatte quasi 200 tessere, “sottoscritte singolarmente”, e che il partito aderirà convinzione allo sciopero del 24 marzo indetto dal Comitato Pro-Serre in difesa dell’ospedale. Quindi è intervenuto il coordinatore di zona, Vincenzo Albanese, che ha chiarito la sua visione della politica come “obbligo del fare”. “Il nostro comprensorio – ha spiegato – vive una situazione di forte disagio sociale, aggravata dall’assenza della politica intesa come servizio. Il territorio, su problemi come l’ospedale ma anche l’acqua potabile, vive forti tensioni sociali ma rimane inascoltato, per questo oggi più che mai va difeso”.

Ad intervenire poi è stato il presidente di circolo, Nazzareno Salerno – solo omonimo del consigliere regionale Pdl – che ha illustrato le linee guida e gli obiettivi programmatici del movimento, concentrandosi sulla partecipazione attiva dei militanti ai processi decisionali del partito. Salerno ha inoltre chiarito che nel Mpa serrese ci sarà, per statuto, incompatibilità tra cariche di partito e ruoli amministrativi. Quindi Alfonso Scoppetta e Bruno Iovine, che si occuperanno della formazione all’interno del partito, hanno sottolineato l’importanza di “condividere percorsi di informazione e conoscenza per rendere esigibili i nostri diritti” (Scoppetta) e il ruolo chiave dei giovani nel partito (Iovine). Ad aprire e chiudere l’incontro, come detto, sono stati Lo Iacono e Carnovale. Spiegata la natura autonoma e meridionalista del partito, i due hanno risposto ad una specifica domanda sulle alleanza ribadendo, con forza, che l’Mpa non andrà mai a destra. Un concetto sviluppato dall’ex sindaco che, sollecitato dal cronista, ha spiegato le prospettive di alleanze future su scala locale. “Innanzitutto è importante costruire il Terzo Polo con i partiti che ne fanno parte”. Sulla rottura con il consigliere regionale del Pd Bruno Censore, poi, Lo Iacono ha aggiunto che “non bisogna personalizzare la politica, e un problema tra me e Censore non può essere certo di ostacolo all’eventuale dialogo tra dei gruppi dirigenti giovani che discutono di programmi e di idee”. Però il Pd calabrese, secondo l’ex sindaco, è “imploso”, e “anche a Vibo, si assiste solo ad una spartizione di potere tra i maggiorenti. A questa visione politica noi ci opporremo sempre”.

Pubblicato in POLITICA

mini 11Il nuovo del Partito dei Riformisti Italiani parte dal teatro Politeama di Lamezia Terme. A presentarlo sono il presidente Stefania Craxi, figlia dell'ex-Presidente del Consiglio dei ministri Bettino Craxi, Saverio Zavettiri, segretario Nazionale de I Socialisti uniti - P.S.I. e Nicola Carnovale, membro della Segreteria nazionale dei Socialisti uniti - P.S.I. e già Segretario della "Nuova Generazione Socialista" (ndr organizzazione giovanile del medesimo partito). Le ragioni dell'incontro erano avviare la raccolta delle firme a favore dell'istituzione di un'assemblea costituente che provvederà al disegno di una serie di riforme che successivamente saranno sottoposte a referendum. Il moderatore è Zavettieri che attacca subito, con un'aspra critica, l'attuale Giunta Regionale e tutto il centro-destra dicharando: "Sono andati sulla Sila, non so se a rinfrescarsi le idee o a congelarle ulteriormente. Di solito sulla Sila si va d’estate per rinfrescarsi le idee, se si va d’inverno in un weekend si va perché probabilmente non si sa cosa dire". Insieme a Zavettieri, non risparmia critiche all’attuale governo regionale nemmeno Stefania Craxi che fa notare come in Calabria "non è stato fatto un processo di selezione, di pulizia della classe dirigente e non è stato scardinato il sistema clientelare di Loiero". "Questa regione è proprio sintomatica di quello che succede in Italia - conclude la Craxi - non mancano vitalità, energie, volontà di fare. Bisogna consentirglielo». Dello stesso avviso anche Nicola Carnovale che delinisce "la Calabria, una regione paradigma e crocevia delle crisi del nostro tempo". "Crisi ascrivibile - sempre secondo Carnovale - ad un contesto globale con l’esplosione, in rapida successione, di ben 4 bolle negli ultimi dieci anni".

Pubblicato in POLITICA
          PRENOTA E RISPARMIA CON GULLI' BUS                         

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno