mini rubinettoRiceviamo e pubblichiamo:

Non poteva passare nell’assoluto silenzio ciò che sta accadendo dal 12 Dicembre 2012 nel nostro Comune relativamente all’erogazione dell’acqua nelle case dei cittadini Serresi.

Più specificatamente, il problema è legato sia all’improvvisa mancata erogazione dell’acqua, sia al fatto che la popolazione non è stata avvisata per tempo di questa inaspettata interruzione del servizio idrico pubblico.  

La popolazione assolutamente ignara di ciò che le sarebbe accaduto, è costretta ad organizzarsi alla buona, per cercare di ridurre al minimo i disagi legati alla mancata fruizione del servizio.

In questo contesto, non è chiaro, o non è noto, se tra il Comune di Serra San Bruno e la Sorical ci siano state delle comunicazioni ufficiali circa la sopravvenuta interruzione del servizio e, soprattutto, cosa ancor più grave,  c’è da chiedersi come mai di tali comunicazioni non siano state debitamente informati in tempo utile i cittadini Serresi.

C’è da chiedersi se ci sia una interruzione temporanea oppure cessazione improvvisa e perdurante di un servizio pubblico che, mi auguro, possa far emergere le anomalie o le omissioni nella fase della gestione dell’emergenza idrica.

Ma, soprattutto, mi aspetto che il Sindaco e la sua Giunta Comunale tengano conto, di questo pericoloso precedente, e di questi giorni da terzo mondo, nei quali la pazienza della gente oltre viene messa a dura prova.

In particolare, mi aspetto che nella prima Giunta utile, si emani una delibera che introduca degli incentivi o bonus giornalieri per ogni nucleo familiare che usufruisca del acqua comunale nei casi di mancata erogazione del servizio idrico tenendo in considerazione già questo caso.

Sono sicuro che non sarà cosi difficile venire fattivamente incontro ai cittadini Serresi cosi come, allo stesso modo, è stato previsto ed attuato l’ulteriore appesantimento della tassa idrica comunale attraverso la previsione del pagamento del canone legato alla depurazione dell’acqua.

Vincenzo Albanese
Coordinatore Comprensorio delle Serre MPA-AD 
Pubblicato in POLITICA


DeNisiVIBO VALENTIA - Fine degli spettacoli: tutti a casa. Cala il sipario sulla Provincia di Vibo. L'ultimo triste atto del teatrino della politica vibonese è andato in scena oggi: il Consiglio provinciale, riunitosi in mattinata e terminato intorno alle 17, non ha approvato il bilancio, dunque la giunta De Nisi, sorretta da Pd e Sel, ha terminato anzitempo la sua vita amministrativa e il Consiglio provinciale verrà subito sospeso dal Prefetto, che nominerà un Commissario in attesa dello scioglimento decretato dal Presidente della Repubblica. Ex maggioranza e minoranza si sono trovati in una situazione di pareggio: 12 a 12, bilancio respinto e tutti a casa. Probabilmente De Nisi contava sul voto del consigliere Renato Arone, che però non si è presentato in aula.

Pubblicato in POLITICA

mini DSC00330Riceviamo e pubblichiamo: 

In attesa di capire se sarà possibile rompere il muro di silenzio sollevato dalla maggioranza per tenere nascoste le inconfessabili motivazioni che hanno portato alla defenestrazione dell’assessore Zaffino, a sentire le dichiarazioni, più o meno ufficiali, rilasciate dal sindaco, a Serra non ci sarebbe nessun problema acqua. Il liquido che sgorga dai rubinetti, a suo dire, sarebbe potabile, quindi, buono da bere. In questi giorni, inoltre, sul sito ufficiale del comune sono stati pubblicati i risultati delle analisi dell’acqua, dai quali risulta che tutto è in regola, non c’è nessun problema, tutti i parametri sono perfettamente nella norma. Eppure qualcosa non torna. Da quasi dieci giorni, diversi cittadini continuano a segnalarmi l’acqua sporca che sgorga dai rubinetti delle loro case. Soprattutto dalle utenze situate tra via G.M. Pisani e viale Certosa continua sgorgare acqua sporca, giallognola e limacciosa. Le ultime segnalazioni, in ordine di tempo, risalgono, una, alla mattinata di venerdì scorso, quando un cittadino mi ha consegnato un campione prelevato dal rubinetto della propria abitazione (vedi foto) situata in prossimità di via G. M. Pisani, l’altra, di ieri mattina proveniente da un’abitazione ubicata in una delle traverse di via Catanzaro Nonostante le rassicurazioni dell’amministrazione comunale che, inspiegabilmente, continua, a minimizzare, la situazione dell’acqua desta allarme e preoccupazione. Viene da chiedersi, quindi, come, alla presenza di prove incontrovertibili, si possa continuare a sostenere la bontà dell’acqua. Al contrario, ciò che sgorga nelle case di molti serresi non può essere assimilato in nessun modo all’acqua potabile. Tutti sanno che l’acqua gialla non esiste neppure nei cartoni animati dei Simpson, a Serra, invece, sta diventando la norma. Di fronte ad un problema di tale rilevanza non ci si può limitare a leggere i risultati della analisi che, con tutta evidenza, sono quotidianamente smentiti dalla realtà. A ciò si aggiunga, che quella dell’acqua, purtroppo, è una vicenda spinosa che si trascina da diverso tempo. Non è un caso, infatti, che il tema sia stato oggetto della campagna elettorale, tant’è che l’attuale sindaco aveva assunto impegni precisi, per quanto ridicoli, ovvero l’individuazione di nuove sorgenti mediante l’impiego di “boscaioli armati di piccone”. Viene, quindi, da chiedersi sulla base di quali elementi, gli attuali amministratori, possano, oggi, rassicurare i cittadini pur avendo candidamente ammesso di non aver fatto assolutamente nulla per risolvere il problema. Tanto più, se il problema era presente nel passato, non si capisce bene come possa essersi magicamente risolto. In ogni caso, per fugare ogni dubbio, sindaco ed assessori potrebbero sorseggiare pubblicamente l’acqua. Ovviamente quella gialla che sgorga dai rubinetti!

Mirko Tassone ("Al lavoro per il cambiamento")

Pubblicato in POLITICA
Giovedì, 22 Dicembre 2011 15:18

"Buon Natale anche a lei, presidente Mirarchi"

mini mirarchiQui di seguito pubblichiamo un commento di Alessandro De Padova, addetto stampa del Serra C/5, riguardante il comportamento del comitato regionale della Lega nazionale dilettanti in merito a degli episodi controversi che si sarebbero verificati in alcune recenti partite del campionato di serie C1 in corso. 

"E qui comando io…", diceva Gigliola Cinquetti in una delle sue più celebri canzoni. A qualcuno di voi, giustamente, verrebbe da chiedersi: dove vorresti arrivare? Semplice. Per capirlo, però, bisogna partire dall’inizio. O meglio: bisogna fare un breve excursus storico sugli avvenimenti delle ultime giornate. Lo scorso mese di ottobre, durante il match tra i bianco blu del presidente Claudio Pisani ed i cosentini dell’ Odissea 2000, il massimo dirigente del Serra si sarebbe reso protagonista di un fatto spiacevole, entrando "abusivamente nel terreno di gioco e raggiunti alcuni dei giocatori della società ospitata, rivolgeva loro espressioni offensive"; pronunciando delle parole "minacciose" ed "offensive" ai direttori di gara; afferrando per i capelli il giocatore dell’Odissea 2000, Rocha, colpendolo  violentemente con un pugno, così da costringerlo  ad abbandonare il terreno di giuoco per alcuni minuti. A fine gara, inoltre, "il patron della società Serra C/5 rientrava ancora in campo per aggredire nuovamente il suddetto giocatore, non riuscendovi per l’intervento fattivo del capitano del Serra C/5, tuttavia riusciva a raggiungere, invece, la persona dell’arbitro sig. Francesco Petrone, rivolgendogli espressioni ancor più gravemente offensive e minacciose, per poi venire definitivamente allontanato dal medesimo capitano della squadra ospitante". Comportamenti che hanno indotto il giudice sportivo ad infliggere alla società l’ammenda di 600 euro di multa, penalizzare la squadra di un punto e inibire Pisani a svolgere ogni attività sino al 2013. Fin qui non sembra esserci nulla di male, direte voi. Se non che sabato scorso, a Locri, andava in scena il match salvezza tra gli amaranto di mister Alia ed i vibonesi del collega Gerardo Pisani. Gara a tratti nervosa, vista l’importanza del match. Ad un certo punto, però – nel corso di un battibecco tra giocatori – due tifosi del Lokron sarebbero entrati nel rettangolo di gioco (il che dovrebbe essere assolutamente vietato, e se gli pseudo tifosi sono riusciti a fare il loro ingresso in campo, vuol dire che la struttura non è dotata di adeguate protezioni); ed ancora, due giocatori del Serra (Angelo Carrera e Simone Capone) avrebbero ricevuto degli sputi da alcuni sostenitori amaranto. Ora, verrebbe da chiedersi: per quale motivo il giudice sportivo non ha preso alcun provvedimento nei confronti della società ospitante? Forse l’arbitro ha dimenticato di scrivere sul referto quanto accaduto a Locri? Quesiti, questi, che andrebbero inoltrati al presidente della LND Calabria, Saverio Mirarchi (foto), il quale forse non sa che il Serra è stato ingiustamente penalizzato anche negli anni passati per fatti che non ha commesso. Con questo, non vogliamo giustificare il comportamento del presidente Pisani, per carità. Chiediamo soltanto che tutte le società siano poste sullo stesso piano, senza alcuna distinzione. Nel concludere, vorrei augurare buone feste al presidente Mirarchi, con l’auspicio che  il 2012 sia un anno di riflessione per tutti.

Alessandro De Padova

Pubblicato in SPORT
          PRENOTA E RISPARMIA CON GULLI' BUS                         

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno