mini photo11Con l'inizio della novena dedicata a San Nicola, gli abitanti di Spadola, attingendo alla tradizione religiosa (di matrice pagana), hanno ringraziato il loro santo inscenando il consueto rogo del marinaio “Puricineja”, (fantoccio fatto di paglia). Questo particolare è rappresentativo della conversione di alcuni marinai che nel 300 e più d.c. (Nicola di Bari morì nel 343) vennero salvati dal Signore invocando l'intercessione di San Nicola. Inoltre, il rogo della “restuccia” (paglia) sarebbe il ringraziamento che i fedeli fanno nei confronti del loro protettore per aver ricevuto il primo raccolto.

Di seguito il racconto del miracolo e il servizio fotografico del singolare evento:

Questo “Puricineja” raffigura uno dei tanti miracoli compiuti dal nostro San Nicola. Tutto avvenne nell'anno 300 d.c. quando una ciurma di marinai, abituati a ruberie e violenze, navigavano verso Mira. All'improvviso furono sorpresi da una violenta tempesta. In pericolo di vita, i marinai chiesero aiuto al Signore invocando l'intercessione del vescovo Nicola. Il nostro San Nicola apparve loro e li aiutò a guidare l'imbarcazione. Appena raggiunto il porto di Mira, i marinai non videro più Nicola e vollero ringraziare Dio per averli salvati. Entrati nella chiesa, dove Nicola era vescovo, lo ringraziarono ricevendo l'invito a vivere sulla via della virtù e del bene.

mini photo1 mini photo2
mini photo3 mini photo4
mini photo5 mini photo6
mini photo7 mini photo8
mini photo9 mini photo10

 

Pubblicato in CULTURA

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno