chiesa assunta terravecchiaSERRA SAN BRUNO - Si sono tenute nel pomeriggio di oggi le elezioni per l’ultimo seggio priorale ancora rimasto da rinnovare dei tre storici sodalizi serresi: quello dell’Arciconfraternita Maria SS. Assunta in Cielo di Terravecchia. Numerosi gli iscritti, ben 229, a partecipare al voto. Ma alla fine la tornata si è concretizzata in una - a dire il vero prevedibile - “fumata nera”. Nessuna delle tre terne proposte ha infatti raggiunto la maggioranza dei voti e, di conseguenza, non è stato possibile nominare il successore del Priore al momento in carica, Tonino Errigo.

Proprio Errigo era stato, nell’aprile del 2012, nominato - dopo tante vicissitudini - in via straordinaria, direttamente dal padre spirituale don Gerardo Letizia. Avversità e disaccordi che evidentemente, a due anni di distanza, permangono, tanto che anche stavolta sarà probabilmente necessaria una nomina esterna, effettuata direttamente dal Vescovo S.E. Mons. Vincenzo Bertolone o da un vicario appositamente designato.

Lo scorso 2 marzo Enzo Vavalà era stato nominato alla guida dell'Arciconfraternita di Maria SS. dei Sette Dolori, mentre il 30 marzo successivo era stata invece la volta dell’investitura di Dante Vallelunga a priore dell’Arciconfraternita di Maria SS. Assunta in Cielo di Spinetto. Dunque, l'unico seggio vacante resta quello dell’Arciconfraternita Maria SS. Assunta in Cielo di Terravecchia.

 

Pubblicato in CRONACA
Venerdì, 18 Aprile 2014 14:59

Serra, dissequestrata l'isola ecologica

mini discarica_sequestrata_dueIl Tribunale del Riesame di Vibo Valentia ha accolto l'istanza presentata dal primo cittadino di Serra, Bruno Rosi, revocando dunque il decreto di sequestro e convalida dell'isola ecologica, sita in località “Leonà” sulla statale 110 in direzione Mongiana.

A seguito di questo provvedimento, dunque, il centro di conferimento dei rifiuti torna nella piena disponibilità del Comune. Il sequestro era stato causato dalla cattiva gestione della struttura, inizialmente nata – su un'area prima destinata ad un parco giochi – come isola ecologica ma ben presto trasformata in un'autentica discarica a cielo aperto.

A causa, inoltre, del sequestro dell'area, per giorni il popoloso centro montano ha dovuto fare i conti con strade colme di spazzatura di ogni genere. I cittadini, a questo punto, sperano che si sia fatto un ulteriore passo in avanti verso la risoluzione del problema, ma certamente permangono dubbi e perplessità sulle modalità di gestione e sulla sicurezza del sito.

 

Pubblicato in CRONACA

priore danteSERRA SAN BRUNO - Si sono tenute nel pomeriggio di oggi le elezioni per il rinnovo del seggio priorale dell’Arciconfraternita Maria SS. Assunta in Cielo di Spinetto. Numerosi gli iscritti, ben 135, a partecipare al voto. A spuntarla, nella seconda terna proposta, per il ruolo di Priore, è stato Dante Vallelunga, eletto con 72 voti favorevoli, mentre a meritarsi il ruolo di primo e secondo Consultore sono stati rispettivamente Mario Dominelli (90 voti favorevoli) e Francesco Zaffino (123 voti).

La nuova terna succede quindi a quella in carica dal 26 dicembre 2011, guidata dall’ormai ex Priore Rosa Vellone, che chiude in bellezza con l’inaugurazione del nuovo museo, allestito proprio nei locali della Chiesa di Maria SS. Assunta in Cielo di Spinetto, presentato al pubblico di recente.

Lo scorso 2 marzo Enzo Vavalà era stato invece nominato alla guida dell'Arciconfraternita di Maria SS dei Sette Dolori. Unica Confraternita, quindi, che rimane in attesa del rinnovo dei vertici del seggio priorale, quella di Maria SS. Assunta in Cielo di Spinetto di Terravecchia, dove per il momento resta in carica il Priore Tonino Errigo.

 

Pubblicato in CRONACA

 

museo spinettoFinalmente è pronto, il lavoro di molti mesi si è finalmente concluso, il museo dell’Arciconfraternita di Maria SS. Assunta in Cielo di Spinetto è realtà, con grande soddisfazione del Priore Rosa Vellone, del seggio che ovviamente l’ha coadiuvata in questo impegno e del Padre Spirituale Don Biagio Cutullè.

Anni di storia dell’Arciconfraternita racchiusi nelle stanze attigue alla navata di destra della Chiesa di Maria SS. Assunta in Cielo di Spinetto. L’entrata è già di per se storia, infatti il cancello dal quale si accede al pianterreno del museo è stato realizzato con l’antica balaustra che si trovava anni addietro sull’altare della stessa Chiesa.

Senza entrare in particolari dettagli, il museo si sviluppa su due stanze, una situata al pianterreno ed una al primo piano al quale si accede attraverso una scala in legno, come già detto, sulla parte destra della Chiesa stessa, a fianco della statua di S. Giuseppe. Quasi tutti i pezzi sono racchiusi in splendidi armadi in legno, ben realizzati con ampie vetrate in modo da ammirarne completamente il contenuto.

Molti i pezzi da vedere, dalla ricostruzione dell’abito del confratello, agli antichi abiti usati dai sacerdoti in particolari ricorrenze, ai molteplici paramenti sacri (pianete, piviali, tunicelle, stole, manipoli, fasce, veli). Ancora l’ombrello da processione, i due baldacchini anch’essi da processione, le bellissime tovaglie decorate in oro e pietre preziose.

Di particolare interesse ancora l’antica statua di Cristo Crocefisso portata in processione il Venerdì Santo sostituita nel corso degli anni, i cassetti usati per la raccolta delle offerte, gli stampi originali in legno per la realizzazione delle immaginette, la “macchietta” usata nei funerali. Da ammirare inoltre i molteplici calici, pissidi, patene, ostensori ed i tanti pezzi di oreficeria.

Insomma vale la pena visitare questo museo, per rivivere un po’ di storia della Congregazione di Maria SS. Assunta in Cielo di Spinetto. Con l'occasione si rinnova l'invito per tutti, a domani sabato 15 marzo dalle ore 17,30 per l'inaugurazione.

 

Pubblicato in CRONACA
Martedì, 14 Gennaio 2014 14:29

Serra San Bruno di traverso


mini serra_san_bruno_di_sottoUn’idea tanto geniale quanto utile: una webcam ancorata alla finestra del Palazzo municipale per mostrare, in tempo reale, il cielo di Serra San Bruno. Un’iniziativa buona soprattutto per i tanti emigrati non più domiciliati nel paese natio, che con un semplice clic sul portale web del Comune, possono ritornare a scrutare con malinconia lo stesso cielo che li ha accompagnati nei lunghi e spensierati pomeriggi adolescenziali. Ma soprattutto, un occhio insistente sul cuore del centro urbano, spalancato costantemente – 24 ore su 24 - sulla cittadina per tenere bene in vista la situazione meteorologica locale. “Le immagini della webcam sono trasmesse in presa diretta e non costituiscono archivio storico. Le riprese sono effettuate da una distanza tale da non permettere il riconoscimento dei tratti somatici dei soggetti, come previsto dalla vigente normativa sulla Privacy” si legge nella didascalia dell’immagine aperta su uno degli snodi cruciali della viabilità urbana, dove si intersecano Corso Umberto I e via De Gasperi .

Non sembra, però, che l’amministrazione comunale sia tanto avvezza a gestire per il meglio il servizio, infatti la webcam risulta rovesciata ormai da due giorni. Ribaltata su sé stessa, forse, da una forte raffica di vento e non, piuttosto, sistemata nella sua posizione naturale. In attesa di un pronto intervento, deciso magari grazie alla convocazione di una seduta consiliare ad hoc, rimaniamo in attesa di una Serra San Bruno verticale.

Pubblicato in CRONACA

mini seggio_AddolorataSERRA SAN BRUNO – Lunedì 26 dicembre 2011: si rinnova, ancora una volta, una delle più antiche tradizioni del paese della Certosa, le elezioni interne alle Arciconfraternite serresi. Un momento a cui l’indimenticato Sharo Gambino, in “Fischia il sasso”, dedicò pagine meravigliose narrando come “mastru Biasi” Pelaia, genero di Mastro Bruno Pelaggi, gli spiegava, da bambino, il significato delle elezioni del seggio priorale, unico esempio di democrazia sopravvissuto, a Serra, alla dittatura fascista. Le confraternite, o congreghe per i meridionali, sono associazioni pubbliche di fedeli che hanno come scopo l’esercizio di opere di misericordia e ovviamente  di aggregazione e di incremento del culto. A Serra San Bruno, paese di circa 7000 abitanti, ce ne sono addirittura tre. La confraternita  di Maria SS de’ Sette Dolori, la confraternita Maria SS Assunta in cielo di Terravecchia e la confraternita di Maria SS Assunta in cielo di Spinetto. Per tutte e tre i serresi, con una tradizione vecchia più di 300 anni, il giorno di Santo Stefano, una volta ogni due anni, sono chiamati a rinnovare i Seggi Priorali che nell’organizzazione delle confraternite costituiscono l’organo di guida. I Priori ed i Consultori uscenti decidono a loro piacimento, ma con il benestare del Padre Spirituale e dell’Ordinario Diocesano, i nomi dei loro potenziali successori, formulando tre terne segrete di nomi che poi vengono presentate ad una regolare assemblea alla quale tutti i membri della Congrega stessa saranno chiamati a partecipare e votare. L’assemblea è presieduta da un sacerdote nominato dal vescovo. Il rinnovo di Seggi Priorali, quasi al pari delle competizioni politiche, è un momento molto sentito, e di conseguenza seguito, dalla quasi totalità degli abitanti. I confratelli più attivi si recano nella chiesa d’appartenenza all’ora prefissata, con la consapevolezza di rimanerci chiusi dentro fino a votazione terminata. Nessuno sa per quanto tempo si protrarranno le operazioni di voto e soprattutto nessuno sa se a fine giornata si sarà riusciti ad eleggere il nuovo priore o toccherà rinviare il tutto di quindici giorni, quando il seggio uscente avrà formulato le nuove terne.

Per due delle tre confraternite serresi, oggi tutto è andato liscio. In meno di tre ore la confraternita di Maria SS de’ Sette Dolori ha eletto a ruolo di priore Giorgio Raimondo (foto, al centro) e per i ruoli di I e II Consultore sono stati eletti rispettivamente Luigi Drago (foto, a sinistra) e Luigi Averta (a destra). La confraternita di Maria SS Assunta in cielo di Spinetto, per la prima volta nella storia di Serra, ha eletto a priore una donna. Rosa Vellone, eletta da un’assemblea serena e velocissima, è entrata dunque di diritto nella storia serrese. Artemio Vellone e Salvatore Zaffino saranno i nuovi Consultori che la affiancheranno per i prossimi due anni. Dalla confraternita di Maria SS Assunta in cielo di Terravecchia, invece, è arrivata la fumata nera: sono “cadute” le tre terne presentate e quindi è tutto da rifare, a data ancora da decidere.

Pubblicato in CRONACA
Domenica, 04 Dicembre 2011 19:20

Birra Morelli

Dal Vangelo di Ulucci Ali'

Il Nazzareno vagava da quaranta giorni nel deserto sanitario. Il Padre suo, Don Peppe, l'Altissimo, lo aveva messo alla prova. Tre volte il Diavolo, nelle Pilanniche sembianze gli era apparso. La prima volta gli venne offerta la direzioni dei lavori di una rotonda a Cosenza, e lui, sebbene fosse tentato dal farlo resistette, ricacciando nei meandri del suo cervello la vocazione edile. Poi gli apparve la seconda volta, nelle sembianze di Pietro, che lo smalediceva per aver fatto fallire il primo tentativo di differenziata, poi gli apparvero i Briganti. E lui si toccò i coglioni.

"Nazzareno quand'era figghjiolu si tuccava lu micciarolu, la Madonna 'nci lu dicia micciarolu non fa pi tia". Al chè, abbagliato dal sole e mezzo rincoglionito esclamò:"Rasmahllahc", che in antica lingua mesopotamica significa: "Quà si fa una figura di merda, bisogna temporeggiare... rispolveriamo quel fondo di 14 milioni di euro, che tanto non spenderemo mai, che già mille anni prima, ai tempi di Rubens Curia dovevano essere imminenti...e quando qualcuno dirà, a cosa serve 'ntuonicare una struttura che stiamo palesemente chiudendo...diremo che cominciamo con i muri, per poi riempirlo di contenuti. Se hanno creduto ai cento posti al parco..."

Don Peppe dal suo nascondiglio bunker nelle Piana di Gioia Tauro, ascoltò questa profonda riflessione del figlioccio suo. Il cielo si fece nero e nel deserto sanitario una luce squarciò il cielo. E il Nazzreno disse: "Padre mio!" Pensando all'Altissimo, ma non si trattava di un lampo che alle cinque della mattina squarcia il cielo. Erano le sirene della DDA che scortavano Don Peppino ad Opera, con l'altro suo figlioccio. Il Nazzareno fuggi' via, e fuggi', fuggi', fino ad arrivare ad un oasi. Si ricompose, entrò. Alberto Sordi, in versione un Americano a Roma lo accolse. Era il censore della sinistra travestito.

"Le porto una birra?"

"Si, fresca per cortesia"

"Serviamo solo birra Morelli...al fresco" disse l'americano.

Il Nazzareno ancor si fugge. Il Feroce Salatino si dissociò. Umile fece una napoli e due buon giochi. Vinse tre birre, due pacchi di cacao e uno di bigbabol, senza nessuno poblema. Ammenni.

alt

 nella foto il censore di sinistra mentre ordina la birra Morelli (servita al fresco)

Pubblicato in LO STORTO

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno