autovigilimagicaSERRA - L’allarme rifiuti pare sia finalmente rientrato. I cumuli di immondizia che nelle prime settimane di luglio campeggiavano indisturbati sui marciapiedi e per le strade del centro abitato, sembrano essere finalmente diventati un brutto ricordo. Le operazioni che hanno permesso di liberare le vie urbane dall’indecoroso pattume pare siano state rese possibili, soprattutto, grazie al trasporto della spazzatura da Serra San Bruno verso la discarica di Siderno oltreché in quella di Pianopoli.

Pubblicato in CRONACA

 

mini panor_discaricaQuello dell’ex isola ecologica comunale di Serra San Bruno - trasformata ormai in semplice punto di conferimento dei rifiuti - sta diventando un vero e proprio tormentone primaverile. Già nelle scorse settimane la struttura si era guadagnata l’attenzione delle cronache locali con il sequestro preventivo di cui era stata oggetto. 

Pubblicato in CRONACA

lampioneFortunatamente, nella frequentata Via della Pace a Serra San Bruno, non vi era alcun passante nei paraggi, quando un lampione dell’illuminazione stradale si è improvvisamente piegato su stesso per poi franare come un fuscello schiantandosi rovinosamente contro il suolo.

Pubblicato in CRONACA
mini vigili_del_fuocoSi è dimostrato fondamentale - nella giornata di ieri - il pronto intervento degli uomini della Polizia di Stato del reparto Prevenzione Crimine della Questura di Vibo Valentia e dei Vigili del Fuoco del comando provinciale, chiamati ad intervenire in un’abitazione di Soriano dove si era sviluppato un incendio che aveva interessato – in particolar modo – il sottotetto di una struttura, completamente edificato in legno. I primi ad intervenire sul posto sono stati proprio gli uomini della Polizia di Stato, che hanno operato lo sgombero degli abitanti dell'immobile, mentre ancora l'incendio era in corso, tentando inoltre di domare le fiamme con un primo intervento effettuato attraverso degli estintori.
I Vigili del Fuoco, con l'ausilio di un'autopompa e di un'autobotte, hanno in seguito arrestato completamente le fiamme, evitando che queste potessero diffondersi nel resto della struttura o in altri edifici di via Giardinetti. I danni sono risultati circoscritti alla sola copertura dell’abitazione. Sono state avviate le indagini di rito per accertare le cause dell’incendio.  
Pubblicato in CRONACA
mini brognaturocartelliDa circa una settimana, almeno toponomasticamente, Brognaturo sembra abbia ormai smarrito la sua identità. Forse a causa di una vendetta consumata a colpi di bomboletta spray o per il semplice passatempo del solito buontempone, qualcuno - con evidentemente molto tempo libero a disposizione - nottetempo, si è divertito a colorare e cancellare con lo spray nero le scritte che direzionano l’accesso al paese. La segnaletica stradale , oltreché all’ingresso di Brognaturo stesso, è stata sabotata in diversi altri punti: lungo tutto il corso della Trasversale delle Serre, nelle vicinanze di Cardinale, in prossimità di Soverato e degli altri centri abitati della costa ionica. Decine di cartelli sono stati quindi completamente imbrattati di vernice nera, tanto da occultare completamente il nome della cittadina. 
 
I più informati hanno subito legato il fatto alle recenti vicissitudini che hanno esortato il parroco Alessandro Iannuzzi ad abbandonare il suo incarico pastorale a Brognaturo. Un idillio poco benevolo quello fra il prete dimissionario ed il piccolo centro dell’entroterra Vibonese. Don Iannuzzi, originario di Cardinale, giovanissimo, a soli 30 anni, era approdato proprio a Brognaturo nel settembre del 2011 per esercitare l’incarico di rettore del Santuario della Madonna della Consolazione. Ma la sua permanenza nel centro delle Serre si era rivelata complicata fin da subito, tanto che – pochi giorni fa – dopo mesi e mesi di dissidi con parte della comunità locale ha deciso di chiedere al Vescovo il trasferimento definitivo in altra sede. La situazione – a dire di molti – era ormai precipitata, tanto che il paese si era spaccato in due perfette fazioni: una a sostegno di Don Iannuzzi, l’altra totalmente avversa. Lo stesso parroco aveva denunciato di aver ricevuto più volte intimidazioni, attraverso numerose lettere e telefonate minatorie, tanto da essere ormai seriamente preoccupato per la sua incolumità fisica. Ora che il cambiamento di sede richiesto da Iannuzzi è stato accordato – in attesa di una nuova guida spirituale - rimane un paese di sicuro pronto a voltare pagina, ma con la segnaletica stradale imbrattata di nero e con l’animo ancora più logorato e diviso. 
Pubblicato in CRONACA

 

mini SSL20424SERRA SAN BRUNO - Avrebbe più volte minacciato la vicina di casa e, dopo reiterati atteggiamenti, è stato tratto in arresto per il reato di stalking dai carabinieri della locale Compagnia, guidati dal capitano Stefano Esposito Vangone. A finire in manette è stato Leonardo Politi, 37enne di Serra, reo di aver perseguitato una donna, R.B., 31 anni del luogo. Politi è già noto alle forze dell'ordine, perchè tratto già in arresto nove anni fa per danneggiamenti a colpi di arma da fuoco nei confronti di alcuni distributori. Non solo: oltre alle minacce, infatti, avrebbe anche provocato l'incendio dell'autovettura della vicina di casa, una Fiat Punto, verificatosi la sera di lunedì 15 luglio. La macchina, andata completamente distrutta, era parcheggiata proprio nei pressi dell'abitazione della donna.
Pubblicato in CRONACA
Domenica, 12 Maggio 2013 15:27

Serra, due auto date alle fiamme nella notte

mini Serra San Bruno centro storicoSERRA SAN BRUNO – Due autovetture andate in fumo, distrutte da incendi probabilmente dolosi. E’ il bilancio della notte scorsa, un’altra notte di criminalità che ha risvegliato nei serresi la consapevolezza di non vivere più nella cittadina tranquilla che conoscevano fino a qualche anno fa. Il primo incendio si è verificato intorno alle 23 di ieri sera: ad andare in fiamme è stata una Minicar di proprietà di N.S., minorenne di Savini, che era parcheggiata a pochi passi dal Municipio e dall'asilo "Chimirri", in pieno centro. Il secondo episodio, invece, si è verificato poco prima delle 2, in via Aldo Moro. Qui una Bmw è stata incendiata proprio sotto casa del proprietario, G.C., di Serra San Bruno, titolare di un esercizio commerciale. La sua auto è stata completamente distrutta dalle fiamme.

Pubblicato in CRONACA

mezzi incendiatiSERRA SAN BRUNO – Ci risiamo. Dopo l’incendio che ha caratterizzato la struttura sportiva di contradda Fillò, nella notte scorsa ignoti hanno dato alle fiamme un mezzo della ditta asfaltatrice “Lucia Antonio” di Lamezia Terme, custodito a titolo di favore all’interno della ditta “Galeano”, impegnata nel settore dei calcestruzzi. Approfittando del buio della notte, i malviventi si sarebbero introdotti nel cantiere e, subito dopo, hanno dato fuoco al mezzo e le fiamme si sono immediatamente propagate ad un rullo compressore poco distante.

Pubblicato in CRONACA

mini vigili del fuocoSERRA SAN BRUNO - Criminali ancora in azione nella cittadina bruniana: ieri in tarda serata, nei pressi della centralissima piazza Nicola Calipari, è stato dato alle fiamme un automezzo di un'impresa edile del luogo. Il mezzo, un camion dotato di gru, era parcheggiato all'interno di un cantiere privato in cui, col favore del buio, si sono introdotti gli ignoti malviventi che hanno agito indisturbati forzando la cabina e appiccando il fuoco dall'interno. L'allarme è scattato quando le fiamme sono diventate visibili dall'esterno: c'è stato l'immediato intervento dei Vigili del fuoco del distaccamaento di Serra, al comando del caposquadra Vincenzo Donato, che sono riusciti a domare l'incendio anche se l'automezzo ormai era quasi completamente distrutto. Sul posto sono intervenuti gli uomini dell'Arma dei carabinieri diretti dal capitano Stefano Esposito Vangone che hanno dato il via alle indagini. E' certa, ad ogni modo, la matrice dolosa dell'incendio.

Pubblicato in CRONACA

mini palazzetto_tetto_crollatoSERRA SAN BRUNO – Dopo il tetto della Cappella dei Frati della Certosa, crollato parzialmente nei giorni scorsi, questa volta a venire giù è il tetto del centro polisportivo, o meglio di quello che avrebbe dovuto essere il palazzetto provinciale dello sport. L’eterna incompiuta della Provincia, che regala il pietoso benvenuto a quanti giungono nella cittadina serrese da Mongiana o Nardodipace, è una struttura su cui in realtà hanno messo le mani, si fa per dire, ben due province. Questa costruzione, iniziata quando Serra San Bruno faceva parte della provincia di Catanzaro, è proseguita o forse sarebbe meglio dire che non è proseguita, eccezion fatta per il tetto, sotto la competenza della provincia di Vibo Valentia, che l’ha successivamente abbandonata

Pubblicato in CRONACA
Pagina 1 di 2
          PRENOTA E RISPARMIA CON GULLI' BUS                         

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno