comune serraRiceviamo e pubblichiamo

Speriamo solo che la lezione sia servita e che il Comune di Serra San Bruno ne faccia tesoro, decidendo per il futuro di tenere una linea di comportamento più rispettosa del ruolo e delle prerogative dello Slai-Cobas e dei suoi rappresentanti.

Se non altro per favorire il dialogo, ci si augura sereno e costruttivo, senza trincerarsi dietro manifestazioni di arroganza e dimostrazioni di forza destinate prima o poi ad essere smentite ed a lasciare il tempo che trovano. Perché fino a prova contraria viviamo in uno Stato di diritto e la giustizia spesso riesce a mettere le cose a posto. Questi i fatti che vedevano, all’epoca, il Comune guidato dalla Giunta Lo Iacono.  

Con sentenza n. 368 del 12 marzo 2014, notificata al Comune il 28 aprile 2014, il Giudice del Lavoro di Vibo Valentia, in persona della dott.ssa Annalisa Gualtieri, ha dichiarato l’illegittimità di un provvedimento disciplinare con cui il Comune di Serra San Bruno aveva a suo tempo sanzionato un proprio dipendente LSU/LPU per non aver ottemperato ad un ordine di servizio con cui il Comune, con l’evidente scopo di impedirgli di partecipare allo sciopero indetto per la giornata del 9 maggio 2008 dallo Slai-Cobas, aveva tentato di imporgli lo svolgimento di un servizio.

Comportamento questo che già di per sé estremamente grave nei confronti di un semplice lavoratore diventava aberrante ove diretto come nel caso di specie nei confronti di un lavoratore, che ricopriva anche la carica di rappresentante sindacale.

Angelo Carchidi - questo il nome del nostro rappresentante - legittimamente rifiutava di ottemperare ad un ordine di servizio chiaramente illegittimo e connotato da evidenti caratteri di antisindacalità, partecipando allo sciopero. Da qui la reazione del Comune che apriva un procedimento disciplinare sanzionando il lavoratore con una multa.

Sanzione questa oggi annullata dal Giudice del Lavoro di Vibo Valentia che, in totale accoglimento delle argomentazioni difensive presentate dal legale dello Slai-Cobas, ha accertato l’illegittimità del comportamento tenuto dal Comune riconoscendo esplicitamente il diritto del lavoratore /rappresentante sindacale a partecipare allo sciopero attesa la non riconducibilità del servizio richiesto all’interno dei servizi pubblici essenziali e riconoscendo espressamente la rappresentatività sindacale dello Slai-Cobas ed il conseguente diritto dell’organizzazione di nominare ed individuare “delegati in seno agli enti ed organismi locali, tra cui appunto il Comune di Serra San Bruno” (pag. 2 sentenza).

Diritto questo esplicitamente negato dall’Amministrazione e che rappresentava, di fatto, il fine ultimo della condotta messa in atto da questa. Paventando la necessità di un inesistente servizio pubblico essenziale, infatti, il Comune di Serra San Bruno di fatto mirava a screditare la scrivente organizzazione nei confronti dei propri iscritti impedendo al suo rappresentante di partecipare allo sciopero indetto dalla stessa organizzazione sindacale cui apparteneva ed appartiene. Per la serie: non esistete, non avete diritti e non vi riconosciamo.

Invece, purtroppo per il Comune, lo Slai-Cobas esiste eccome, opera, rivendica diritti e tutela i propri iscritti. E’ questa è la verità, piaccia o meno al Comune di Serra San Bruno. Speriamo solo, si ripete, che la lezione sia servita.

Noi, come sempre, continueremo a lavorare ed svolgere il nostro ruolo che, ci rendiamo conto, per qualcuno possa risultare scomodo e dare fastidio. Ma questo non è un nostro problema e, detto francamente, non ci spaventa. Tutt’altro. Ed i fatti lo dimostrano.

Slai – Cobas Serre Calabre


Pubblicato in CRONACA
Giovedì, 22 Dicembre 2011 15:18

"Buon Natale anche a lei, presidente Mirarchi"

mini mirarchiQui di seguito pubblichiamo un commento di Alessandro De Padova, addetto stampa del Serra C/5, riguardante il comportamento del comitato regionale della Lega nazionale dilettanti in merito a degli episodi controversi che si sarebbero verificati in alcune recenti partite del campionato di serie C1 in corso. 

"E qui comando io…", diceva Gigliola Cinquetti in una delle sue più celebri canzoni. A qualcuno di voi, giustamente, verrebbe da chiedersi: dove vorresti arrivare? Semplice. Per capirlo, però, bisogna partire dall’inizio. O meglio: bisogna fare un breve excursus storico sugli avvenimenti delle ultime giornate. Lo scorso mese di ottobre, durante il match tra i bianco blu del presidente Claudio Pisani ed i cosentini dell’ Odissea 2000, il massimo dirigente del Serra si sarebbe reso protagonista di un fatto spiacevole, entrando "abusivamente nel terreno di gioco e raggiunti alcuni dei giocatori della società ospitata, rivolgeva loro espressioni offensive"; pronunciando delle parole "minacciose" ed "offensive" ai direttori di gara; afferrando per i capelli il giocatore dell’Odissea 2000, Rocha, colpendolo  violentemente con un pugno, così da costringerlo  ad abbandonare il terreno di giuoco per alcuni minuti. A fine gara, inoltre, "il patron della società Serra C/5 rientrava ancora in campo per aggredire nuovamente il suddetto giocatore, non riuscendovi per l’intervento fattivo del capitano del Serra C/5, tuttavia riusciva a raggiungere, invece, la persona dell’arbitro sig. Francesco Petrone, rivolgendogli espressioni ancor più gravemente offensive e minacciose, per poi venire definitivamente allontanato dal medesimo capitano della squadra ospitante". Comportamenti che hanno indotto il giudice sportivo ad infliggere alla società l’ammenda di 600 euro di multa, penalizzare la squadra di un punto e inibire Pisani a svolgere ogni attività sino al 2013. Fin qui non sembra esserci nulla di male, direte voi. Se non che sabato scorso, a Locri, andava in scena il match salvezza tra gli amaranto di mister Alia ed i vibonesi del collega Gerardo Pisani. Gara a tratti nervosa, vista l’importanza del match. Ad un certo punto, però – nel corso di un battibecco tra giocatori – due tifosi del Lokron sarebbero entrati nel rettangolo di gioco (il che dovrebbe essere assolutamente vietato, e se gli pseudo tifosi sono riusciti a fare il loro ingresso in campo, vuol dire che la struttura non è dotata di adeguate protezioni); ed ancora, due giocatori del Serra (Angelo Carrera e Simone Capone) avrebbero ricevuto degli sputi da alcuni sostenitori amaranto. Ora, verrebbe da chiedersi: per quale motivo il giudice sportivo non ha preso alcun provvedimento nei confronti della società ospitante? Forse l’arbitro ha dimenticato di scrivere sul referto quanto accaduto a Locri? Quesiti, questi, che andrebbero inoltrati al presidente della LND Calabria, Saverio Mirarchi (foto), il quale forse non sa che il Serra è stato ingiustamente penalizzato anche negli anni passati per fatti che non ha commesso. Con questo, non vogliamo giustificare il comportamento del presidente Pisani, per carità. Chiediamo soltanto che tutte le società siano poste sullo stesso piano, senza alcuna distinzione. Nel concludere, vorrei augurare buone feste al presidente Mirarchi, con l’auspicio che  il 2012 sia un anno di riflessione per tutti.

Alessandro De Padova

Pubblicato in SPORT
          PRENOTA E RISPARMIA CON GULLI' BUS                         

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno