don ferdinando fodaroDopo le numerose manifestazioni di dissenso sollevate ieri dai fedeli della Congrega dell’Assunta di Spinetto di Serra San Bruno, allertati dal paventato ed inatteso trasferimento del sacerdote don Ferdinando Fodaro verso Chiaravalle C.le, il prete stesso ha voluto fare chiarezza sui fatti attraverso una lettera indirizzata alla cittadinanza che, nell’esatta forma in cui ci è pervenuta, giriamo, di seguito, ai lettori.

Pubblicato in CRONACA

mini chiesa_assunta_terravecchiaSERRA SAN BRUNO - Dopo un lungo periodo di stallo, finalmente, è stato eletto il nuovo seggio priorale dell'Arciconfraternita di Maria SS. Assunta in Cielo di Terravecchia. La “terna” dei candidati presentata per scegliere il successore dell'ormai ex priore Tonino Errigo era composta da Amato Rosina, Pupo Bruno e Tassone Raffaele. A spuntarla è stato proprio quest’ultimo, eletto con ben 108 voti su un totale di 158 confratelli votanti. Dunque, a differenza delle ultime tornate, dalle quali non si era riuscito a ricavare un candidato che superasse il quorum di consensi necessari, oggi Raffaele Tassone ha messo d’accordo quasi tutti i presenti alle operazioni di voto.

"Fumata bianca", quindi, per i confratelli dell’Assunta che hanno finalmente il loro nuovo priore. Prima dell’elezione odierna, un analogo e recente tentativo era già stato effettuato lo scorso 18 maggio. Tentativo che però non aveva sortito ad un accordo concreto.

Con l'elezioni di Tassone finisce ufficialmente quindi il mandato di Tonino Errigo, priore uscente, eletto nell’aprile del 2012, nominato – dopo tante vicissitudini – in via straordinaria, direttamente dal padre spirituale don Gerardo Letizia. Avversità e disaccordi che evidentemente, a due anni di distanza, hanno trovato ora la loro giusta risoluzione.

Gli altri componenti eletti del seggio sono: Pupo Lorenzo (I consultore con 86 voti) e Zaffino Raffaele (II consultore con 104 voti). Il nuovo seggio resterà in carica per i prossimi tre anni.

 Ti potrebbe interessare:

- Serra, elezione Priore Assunta di Terravecchia: fumata nera. Si va verso un nuovo commissariamento

Pubblicato in CRONACA

 

chiesa assunta terravecchia

Riceviamo e pubblichiamo

Dal 1694 l'Arciconfraternita di Maria SS. Assunta in Cielo di Terravecchia  "promuove e zela il culto e la devozione per la Vergine Santa". Da allora, ogni domenica e in ogni festa, ci riuniamo per cantare l'Ufficio e celebrare nel canto le meraviglie che il Signore ha operato per mezzo della sua Santissima Madre. La Messa domenicale (meglio nota come "Curunedha") dell'Assunta, così come per gli altri due sodalizi, rappresenta un intenso momento di aggregazione per i confratelli, i quali
si  riuniscono a volte per discutere con passione delle problematiche riguardanti il sodalizio. Il Seggio Priorale per il biennio 2012/2013 ha tuttavia deciso di dedicare attenzione anche a chi alla "Curunedha" non può prendere parte in quanto anziano o ammalato. Pertanto, i membri del Seggio sono lieti di poter trascorrere il "dopo-messa" domenicale  in compagnia di quei confratelli che in loro sentono vicina a essi tutta la congrega. Visitando gli ammalati, non portiamo solo in dono un ricordino o qualcosa da consumare allegramente: vogliamo far sentire che la congrega è vicina, che il canto del nostro Ufficio si eleva anche per i nostri confratelli anziani e ammalati che tanto vorrebbero prendere parte alle nostre funzioni. Il calore delle persone che ci accolgono ogni domenica è qualcosa di indescrivibile, usciamo da ogni casa ricolmi di gioia, consapevoli che non siamo stati noi a dare qualcosa all'ammalato o all'anziano, ma è stato lui a dare molto di più a noi.
Noi abbiamo cominciato a stilare un "elenco delle visite"; tuttavia, qualche confratello potrebbe sfuggire, ma non vogliamo assolutamente che venga dimenticato: pertanto, saremmo ben lieti se ci venisse indicata dalle famiglie la presenza di iscritti al nostro sodalizio, anziani o ammalati ai quali poter dimostrare il nostro affetto e la nostra vicinanza. Ci si può rivolgere a qualsiasi membro del seggio priorale. Vogliamo dare un segno concreto che la nostra congrega non è solo un'agenzia funebre, o un sodalizio litigioso come è potuto apparire dopo le passate elezioni priorali. Vogliamo far respirare nella nostra chiesa dell'Assunta la stessa aria che si respirava nel XII secolo, quando la chiesa era dedicata a San Giovanni Battista ma soprattutto era adibita alla distribuzione del pane ai poveri da parte dei padre Certosini, tanto da essere chiamata "chiesa di la panedha". E a proposito di
San Giovanni Battista, quest'anno saremo ben lieti di cantare l'Ufficio del Santo, essendo la sua festività di domenica. Questa tradizione era venuta meno da circa 50 anni, ma grazie all’interessamento del dott. Primerano, "l'Ufficiu di San Gianni" è stato ripristinato nel 2007 e recentemente inserito nel nuovo "ufficiolo".
L’Arcicongrega dell’Assunta è dotata di sito web www.assuntaterravecchia.org e di gruppo su Facebook per facilitare le comunicazioni anche con i confratelli più distanti. Presso l'ufficio della arciconfraternita è, inoltre, in vendita il volume "Assumpta est" sull'arte, la storia e le tradizioni del nostro sodalizio. A proposito di sito web, sulla home abbiamo pensato di fare un piccolo omaggio a Mastro Bruno Pelaggi nel I Centenario della sua morte; come ben sai, il poeta scalpellino è stato confratello nell'Assunta, per la quale ha ricoperto i ruoli di Segretario e II Consultore. Sulla home del sito, il visitatore potrà pregare con la poesia "Alla Vergini Maria".
Ringrazio a nome mio e di tutto il Seggio Priorale nelle persone del
Priore Antonio Errigo; I Consultore Vincenzo Cunsolo; II Consultore Assunta Iorfida; Tesoriere Francesco Iennarella; Vice Tesoriere Alessandro Bonazza;Segretario Marco Primerano; Vice Segretario Carmina Tassone.

Marco Primerano

Pubblicato in CULTURA

mini chiesa_assunta_terravecchiaSERRA SAN BRUNO – Ennesima fumata nera per la confraternita di Maria Assunta in cielo di Terravecchia, che non è riuscita, neppure nella seduta di domenica scorsa, ad eleggere il nuovo seggio priorale che avrebbe dovuto guidarla nel biennio 2012-2013. La nuova fumata nera fa seguito al nulla di fatto dello scorso 26 dicembre, quando, i confratelli, non vollero accordare la loro fiducia a nessuno dei nove nominativi proposti dal seggio priorale uscente. A distanza di un mese e mezzo, quindi, anche con i nuovi “candidati”, si è riproposta un’insolita situazione di stallo dettata da divisioni che non accennano a ricomporsi. Una cesura profonda, che vede contrapposte le diverse fazioni in campo, contro la quale si è ripetutamente espresso don Biagio Cutullè, mandato dal vescovo a presiedere i lavori di domenica. Più volte, infatti, il sacerdote ha invitato i confratelli “a lasciare da parte le divisioni ed a pensare solamente al bene della confraternita”. Un appello che, con tutta evidenza, non è riuscito a scalfire le resistenza dei gruppi, intenzionati a fronteggiarsi con un spirito che nulla ha a che vedere con la vocazione conciliante del cristianesimo. Piuttosto, in alcuni frangenti, il clima di tensione e l’agitazione presenti tra i banchi sono stati tali da configurare una vera e propria battaglia politica. Bocciate, quindi, le nuove terne di nomi, il pallino dovrebbe passare nuovamente al vescovo ed al padre spirituale che dovrebbero esautorare il seggio uscente dall’indicazione dei successori. A rigore di statuto, infatti, i nuovi “candidati” dovrebbero essere indicati dal confratello anziano, dopodiché l’assemblea dovrebbe essere nuovamente riconvocata per eleggere il nuovo seggio. Secondo taluni, però, potrebbe anche prendere piede l’ipotesi di un commissariamento da parte della Curia che in tal caso potrebbe, su indicazione del padre spirituale, designare il nuovo seggio senza alcuna votazione. Il rinnovo delle cariche tradizionalmente avviene, con cadenza biennale, nel giorno di Santo Stefano, quando, i componenti del seggio uscente indicano i nominativi dei fedeli candidati alla successione. Ricevuto il benestare dal padre spirituale e dall’ordinario diocesano, vengono stilate tre “terne” da sottoporre all’assemblea, per il voto. I lavori presieduti da un sacerdote nominato dal vescovo si svolgono, spesso, in un clima caotico in cui, non di rado, si scontrano vere e propri fazioni che cercano di “piazzare” il loro candidato. Un momento di partecipazione, quindi, non molto dissimile da una competizione elettorale vera e propria. Una competizione che, nel caso della confraternita dell’Assunta, si è trasformata in una vera e propria tenzone di tutti contro tutti.

Pubblicato in CRONACA

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno