Mercoledì, 30 Gennaio 2013 13:32

Serra, continua la mattanza dei cani

 

mini cani_avvelenati

È l’ennesimo e drammatico caso nel giro di pochi mesi di diffusa mentalità zoofoba nel territorio di Serra San Bruno. Dopo le vicende della scorsa estate, in cui il fenomeno si era diffuso a macchia d’olio in quasi tutti i quartieri della città, torna l’incubo dell’avvelenamento degli amici a quattro zampe.
Questa mattina, infatti, in via Gramsci è stato rinvenuto un cane, non randagio, agonizzante per aver ingerito dei bocconi di carne, probabilmente,  alla stricnina. In seguito lo stesso cucciolo è deceduto.
Si tratta di una vicenda atroce avvalorata dal fatto che ai decessi già noti potrebbero aggiungersi quelli di altri tre animali, al momento dispersi, che per esalare l’ultimo respiro e lasciarsi morire, avranno probabilmente cercato rifugio in zone più defilate, tra i cespugli o sulle rive del fiume Ancinale. Si tratta di cani in libertà ma comunque con un padrone.
Da ciò emergono le incapacità gestionali dell’amministrazione comunale per un fenomeno non nuovo a Serra San Bruno e soprattutto rimangono i dubbi su come si stia gestendo un’emergenza che riaffiora ormai con cadenza quasi trimestrale. Il caso è reso ancora più ambiguo dal fatto che, proprio la giunta guidata dal Sindaco Bruno Rosi, si era affrettata nel 2012 ad approvare uno schema di convenzione per affidare il recupero ed il ricovero dei cani randagi - i più esposti al rischio avvelenamento - ad un canile privato e di cui ad oggi non se ne conoscono i successivi risvolti. Ciò avvalora l’insensibilità dell’amministrazione rispetto ad un’emergenza che potrebbe mettere a repentaglio oltre che la salute dei cani o degli animali in genere, anche dei bambini soliti giocare nelle vie della cittadina. 
Il grado di civiltà di un paese si misura, non soltanto da come i cittadini trattano gli animali, ma anche da come chi amministra riesce ad incidere in tal senso.
Pubblicato in CRONACA

mini parco_delle_serreDi seguito il testo della rettifica inviataci dal Parco Regionale delle Serre:

Vi scrivo a seguito della pubblicazione in data 13 ottobre u.s. sul sito “Il Vizzarro” dell’articolo “L’anti consiglio comunale 7 – Ma dove vanno i marinai?”

L’articolo nel riportare la notizia della recente riunione del Consiglio Comunale di Serra San Bruno, ha riferito notizie non vere riguardanti l’approvazione di una convenzione con lo scrivente Ente.

Pubblicato in POLITICA

mini schinellaRiceviamo e pubblichiamo:

ARENA - Riorganizzazione dell’apparo burocratico dell’ente, interventi in tema di pulizia e decoro urbano, recupero di ingenti finanziamenti che il Comune rischia di perdere, manutenzione ordinaria e straordinaria della scuola di Cerasara e altro, tanto altro ancora. La nuova amministrazione targata Antonino Schinella, insomma, ha già incominciato a muovere i primi passi. E tra i primi provvedimenti adottati, per prima cosa, c’è la nomina del nuovo segretario comunale a scavalco. La scelta del neosindaco Antonino Schinella è ricaduta su uno dei professionisti più apprezzati nel panorama dei segretari calabresi: Cesare Pelaia, attuale segretario del Comune di Lamezia Terme.

Già segretario generale prima e direttore generale poi della Provincia di Cosenza, segretario comunale a Gioia Tauro e dg dell’Azienda ospedaliera di Cosenza, Pelaia si è insediato al Comune di Arena venerdì pomeriggio. Senza perdere tempo, di concerto con il primo cittadino, il nuovo segretario comunale si è già attivato per esperire le procedure per la pubblicazione di un avviso pubblico per l’affidamento dell’incarico di responsabile dell’Ufficio tecnico e, tra le altre cose, ha anche convocato, per martedì 22 maggio, il primo consiglio comunale, nel corso del quale, oltre alla convalida degli eletti e all’indicazione del consigliere che rappresenterà il Comune alla Comunità montana dell’Alto Mesima-Monte Poro, il sindaco Antonino Schinella ufficializzerà la nuova giunta.

Ma la road map della nuova amministrazione comunale ha incominciato ad incrociare anche temi fondamentali e tutti sentitissimi per la gente del luogo. Senza tergiversare, la nuova amministrazione comunale ha preso contatto con Mangiardi, il dirigente dei servizi provinciali dell’Afor di Vibo Valentia con il quale siglerà a breve un Protocollo di intesa. L’obiettivo del sindaco Schinella, dei futuri assessori e dei consiglieri comunali è quello di avviare un programma a tutela dell’ambiente mediante interventi tesi a ridurre l’erosione superficiale e la piantumazione diffusa di piante con effetto di stabilizzazione dei versanti. Ma non è tutto: giovedì prossimo, infatti, il sindaco Antonino Schinella incontrerà Domenico Piccione, presidente del Consorzio di Bonifica Tirreno vibonese, con il quale firmerà una convenzione temporanea che consentirà al Comune di Arena di iniziare ad affrontare le prime esigenze in tema di pulizia e decoro urbano. La convenzione, per farla breve, permetterà al Comune di poter beneficiare di personale idraulico-forestale che sarà impiegato per interventi come pulizia di aree verdi, cunette e canali di scolo su strade di pertinenza comunale.

Infine, sempre per quanto riguarda politiche di collaborazione e cooperazione tra enti avviata dalla nuova amministrazione comunale, martedì mattina il sindaco si recherà in Provincia, per proporre al presidente Francesco De Nisi e al dirigente del XII settore Giuseppe La Fortuna una convenzione che consentirà al Comune di Arena di utilizzare, a giorni alterni, gli agenti della Polizia Provinciale a supporto degli uffici comunali di Polizia Municipale. 

Pubblicato in POLITICA

mini caniIl comune di Serra San Bruno per arginare l’ormai incontenibile fenomeno del randagismo ha firmato una convenzione per il recupero ed il ricovero dei cani abbandonati in intesa con il canile “Oasi Canina” di San Gregorio di Ippona. Il provvedimento arriva con la delibera n.60 dell’8 maggio 2012, quindi con ben 8 mesi di ritardo. Infatti secondo la Legge 281 del ’91 (in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo) spetta ai  comuni, singoli o associati, provvedere al risanamento dei canili comunali

Pubblicato in POLITICA

mini diga-alacoSERRA SAN BRUNO - La delibera, datata mercoledì 11 gennaio, sta già facendo discutere. L'oggetto è il rinnovo della convenzione del comune con So.ri.Cal., la società mista che gestisce gli acquedotti calabresi e che fornisce l'acqua "potabile" proveniente dall'invaso dell'Alaco (foto) a molti paesi della zona, tra cui anche Serra. Con il provvedimento approvato dalla giunta guidata da Bruno Rosi, viene accolta la disponibilità della Sorical

Pubblicato in POLITICA

sergio gencoLa procedura per la costruzione dei 4 nuovi ospedali calabresi (Vibo, Piana, Sibaritide, Catanzaro), con la convenzione tra la Regione Calabria e Infrastrutture Lombarde Spa, ha scatenato uno scontro durissimo tra il presidente Scopelliti e la sua maggioranza da una parte e la Cgil calabrese dall'altra. La convenzione con la società in house della Regione Lombardia era stata censurata dal sindacato, che aveva interessato della questione l'Autorità garante per la concorrenza ed il mercato, sostenendo in sostanza la non regolarità di un accordo che avrebbe, secondo il sindacato, prodotto vantaggi ingiusti per Infrastrutture Lombarde a discapito di qualsiasi altra azienda. Pochi giorni fa le tesi della Cgil sono state rigettate dall'Autorità garante per la concorrenza e dall'organismo di Vigilanza sui contratti pubblici, che hanno confermato invece la regolarità delle procedure seguite dalla Regione. A quel punto Scopelliti, nell'annunciare il parere favorevole dei due organismi indipendenti, si è tolto più di un sassolino dalla scarpa. Ha attaccato frontalmente, il presidente, non risparmiando frecciate e allusioni ad una presunta volontà di difendere interessi particolari, chiedendosi provocatoriamente chi ci sarebbe dietro agli attacchi del sindacato. La Cgil ha risposto con altrettanta durezza annunciando querele per calunnia: "Rispediamo al mittente - dice il segretario generale Sergio Genco (foto) - le farneticazioni del presidente Scopelliti e le sue affermazioni gravi e calunniose rispetto alla Cgil e agli interessi che la Cgil rappresenterebbe. Ne dovrà rispondere alla magistratura. Intanto lo rassicuriamo - aggiunge - noi rappresentiamo solo gli interessi legittimi di lavoratrici, lavoratori e cittadini calabresi che aspirano ad una diversa e migliore sanita'. Questi sono i nostri soli interessi. E' inutile che il governatore sollevi polveroni per nascondere problemi, le difficolta' e i suoi fallimenti nel governare la Calabria e, in particolare, la sanita' pubblica di cui e' commissario per l'emergenza. L'azione della Cgil continuera' ad essere forte affinche' i quattro ospedali possano essere realizzati nel rispetto delle norme e seguendo percorsi limpidi. Detto questo - continua Genco - non comprendiamo le ragioni della convenzione siglata con Infrastrutture Lombarde e per questo continueremo a contrastarla anche perche' nel momento in cui con il Piano di rientro dal deficit si chiedono sacrifici ai calabresi e nuovi esborsi economici per assicurare i livelli minimi di assistenza non si possono regalare decine di milioni per consulenze. Ci batteremo con decisione per la realizzazione degli ospedali, il diritto alla salute, il lavoro e il rispetto delle regole e della legalita. Per quanto e' accaduto in tutti questi anni sul versante della sanita' - sostiene ancora il leader della Cgil calabrese - bisogna infatti liberare il settore dai comitati d'affari, dalle collusioni e dall'azione tremenda della 'ndrangheta cosi' come quotidianamente ci evidenzia l'azione forte della magistratura. Non e' un caso che in Calabria, negli anni, abbiamo dovuto assistere allo scioglimento di Aziende sanitarie come quella di Locri, Palmi, Reggio e di Vibo. Per parte nostra combatteremo questa palude che sta affossando la Calabria. Di pari passo - conclude Genco - continueremo la nostra azione forte di proposta, mobilitazione e denuncia, a tutti i livelli, delle cose che non vanno. E tra queste c'e' lo svuotamento del ruolo e delle funzioni della Stazione unica appaltante''. A rispondere, in difesa di Scopelliti, tutti i capigruppo di maggioranza (Luigi Fedele del Pdl, Alfonso Dattolo dell'Udc, Giovanni Bilardi di Scopelliti Presidente, Giulio Serra di Insieme per la Calabria) che con una nota congiunta accusano il sindacato di voler tutelare qualche impresa: "Siamo vicini e solidali al Presidente Scopelliti per quanto affermato oggi dal sindacato della Cgil nel corso di una conferenza stampa. Condividiamo in pieno l’azione politica-amministrativa del Governatore, che ha finalmente reso possibile l’avvio dell’iter per la costruzione dei nuovi ospedali calabresi. Le pronunce dell' Autorità del Garante della concorrenza e dell' Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici, rappresentato la più limpida conferma di correttezza e trasparenza del suo operato. Alla luce della conferenza stampa della Cgil, ci sembra sempre più chiaro ed evidente che, non entrando nel merito della questione, la battaglia del sindacato non sia in favore dei lavoratori.Ci chiediamo quindi se le ripetute azioni e dichiarazioni della Cgil, sull’argomento, siano piuttosto intraprese per tutelare qualche impresa".

Pubblicato in POLITICA

mini scopelliti_L'Autorità garante per la concorrenza e quella per la vigilanza sui contratti pubblici hanno dato l'ok alla convenzione tra Regione Calabria e Infrastrutture Lombarde Spa per la costruzione dei 4 nuovi ospedali calabresi. Ad annunciarlo è lo stesso presidente Scopelliti, che in una conferenza stampa ha sottolineato come la Regione si sia vista riconoscere la piena legittimità delle procedure adottate in merito alla costruzione dei 4 nuovi ospedali di Vibo Valentia, Sibaritide, Catanzaro e Piana di Gioia Tauro. La questione della legittimità degli accordi stipulati tra Regione e Infrastrutture Lombarde - società in house della Regione Lombardia - era stata sollevata dalla Cgil calabrese e da alcuni esponenti dell'opposizione. Scopelliti, forte dei pareri delle Autorità di garanzia, ha rispedito al mittente le critiche all'operato della Regione e ha assicurato che in tempi brevi sarà avviata la fase di assegnazione dei lavori.

Pubblicato in POLITICA

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno