mini foto_comune_soriano_miniSORIANO CALABRO - Da stamattina si sono incatenate davanti al Comune e minacciano di darsi fuoco se non si dovesse arrivare ad una soluzione nel più breve tempo possibile. Protagoniste della triste vicenda sette persone, che dalla mattinata di oggi stanno protestando contro lo sgombero dalla casa popolare occupata abusivamente.

Lo sfratto sarebbe arrivato nel momento in cui il Comune, con l'ausilio dell'Aterp, avrebbe accertato che i soggetti non avevano i requisiti per ottenere l'assegnazione dell'alloggio. Da parte loro, però, i manifestanti hanno annunciato sin da subito battaglia, presentando un ricorso al tribunale contro questa decisione. La sentenza, ora, dovrebbe arrivare tra poco più di un mese, ma intanto le persone rischiano il deferimento all'Autorità giudiziaria per interruzione di pubblico servizio e procurato allarme.
 
Sul posto si è reso necessario l'intervento dei Carabinieri della locale Stazione, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, ed i Vigili del Fuoco del distaccamento di Serra.A causa della manifestazione, l'Anas ha deciso di chiudere provvisoriamente al traffico un tratto della strada statale 182 "delle Serre Calabre" tra i km 35,900 e 36,150, nel comune di Soriano Calabro. Personale dell'Anas e Polizia stradale sono presenti sul posto per la gestione della viabilità.
 
 
Pubblicato in CRONACA
Domenica, 03 Marzo 2013 21:35

Il Canzonato/5

mini Il_Bacio_di_Giuda_Caravaggiodi Francesco Tiron Petrarca

IX

Lassare il Partito che oggi adombra…

"Lo fan tutti, la faccio pur io!"

Stillitano, in lui conosceste il gran desio

di costruir su un’autostrada "sgombra"

e in Udc i pensier calati

si procurò la mano morta

per levar dei sequestri i sigilli e pure il torto

ma, poiché parola in Udc gli fu tolta

da scardinarlo tra i candidati

amoroso sguardo egli ha rivolto

al Grande Sud… cambiando volto…

«Che li governi il Cielo!

Voltagabbana e affaristi… e cali su di loro un gelo

finché di lor la terra non sia sgombra».

 

X

«E pure a chi si facea tormento

tanto da schermire e darsi affanni

per il Censor de l’ultim’anni

anco per lui che il Sol sia spento!

È sempre facile votarsi al vento

lassar vessilli e stretti panni…

Che possa il viso scolorir in tristi malanni

di lamentoso pianto… lento!».

Pur ci darà baldanza e amore

veder sparir falsi e crumiri

che per più anni, giorni e ore

sfruttaro il tempo con panegiri…

«Che più non giunga il lor vociore

E siano ampi i lor sospiri!». 

Pubblicato in LO STORTO

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno