mini logo_a3Nuovi disagi sull'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria nel tratto compreso tra gli svincoli di Lamezia Terme e Pizzo Calabro. L'Anas, infatti, comunica che «per consentire l’esecuzione del varo del secondo impalcato metallico del nuovo cavalcavia della statale 280», dalle ore 20 di sabato 29 novembre alle ore 6 di domenica 30, sarà chiuso al traffico il tratto dell'A3 compreso tra gli svincoli di Lamezia e Pizzo, in entrambe le direzioni. Per effetto della chiusura resteranno interdette al traffico la rampa di ingresso, in direzione Reggio Calabria, dello svincolo di Lamezia Terme e la rampa di ingresso, in direzione Salerno, dello svincolo di Pizzo Calabro. 

Nelle ore di chiusura, i veicoli di altezza inferiore ai 4 metri, diretti a sud, saranno deviati allo svincolo di Lamezia Terme, con prosecuzione lungo le strade statali 280 “Dei Due Mari” e 18 “Tirrena Inferiore”, con rientro in A3 allo svincolo di Pizzo Calabro. Percorso inverso in direzione Salerno. I mezzi con altezza superiore ai 4 metri, invece, saranno deviati allo svincolo di Lamezia Terme, con prosecuzione lungo le strade statali 280, 18 e SP 114, con rientro in autostrada allo svincolo di Pizzo Calabro. Percorso inverso per i veicoli in direzione Salerno. Il traffico veicolare proveniente dalla strada statale 280 “Dei Due Mari”, in ingresso allo svincolo di Lamezia terme, verrà deviato sulla strada statale 18 “Tirrena Inferiore”.

 

Pubblicato in CRONACA

mini logo_a3Nella mattinata odierna, tre persone sono decedute sul tratto di Autostrada A3 tra gli svincoli di Sant'Onofrio e Serre in direzione nord (al km 349). Coinvolto nel tragico incidente un solo mezzo, un furgone 'Fiat Doblò'. L'autista, molto probabilmente, ha perso il controllo del veicolo per cause ancora da accertare. Il furgone è finito fuori strada causando il conseguente decesso di tre donne: le straniere Marsa Pedrica, 27 anni ed Elena Romila, 40 anni e Rosa Sgrò, 42 anni, italiana, conducente del mezzo.

A bordo del veicolo vi erano anche altre due donne straniere ed un uomo residente nella Piano di Gioia Tauro, tutti rimasti feriti in conseguenza all'impatto. Gli stessi sono ora ricoverati presso lo Jazzolino di Vibo, una in condizioni gravi.

Il gruppo era diretto verso il podere di un'azienda agricola a Pizzo Calabro dove i passeggeri del mezzo erano impiegati come braccianti.

Il traffico in direzione nord è stato pertanto deviato su una sola corsia per facilitare gli interventi di primo soccorso del 118 e dell'ANAS. Sul posto sono intervenuti anche gli agenti della Polizia stradale, coordinata dal dirigente Pasquale Ciocca, per i primi accertamenti della dinamica e per la gestione della viabilità.

 

 

 

Pubblicato in CRONACA

mini a3Da una comunicazione diffusa dall’Anas, si apprende che nella giornata di giovedì 12 lo svincolo autostradale di Pizzo direzione sud (Km 339,) sarà chiuso a partire dalle ore 6:00 fino alle ore 16:00. Nella giornata di venerdì 13, sempre dalle ore 6:00 alle ore 16:00, stessa sorte toccherà all’altro svincolo nella direzione opposta.

La chiusura dei suddetti svincoli sarà necessaria per l’avvio dei lavori di ammodernamento delle rampe autostradali. In alternativa, lavoratori e viaggiatori potranno percorrere la SS 18 in entrambe le direzioni.

 

 

 

Pubblicato in CRONACA
mini mongianaMONGIANA - Provengono dall' Africa e, precisamente, da Senegal, Mali, Gambia, Nigeria, Costa d'Avorio e Guinea i cinquanta profughi arrivati pochi giorni fa nel paese delle Reali Ferriere. Sono tutti uomini e, tra questi, c'è anche un minore. Una volta partiti da Catania con un volo charter, i rifugiati sono atterrati all'aeroporto di Lamezia Terme, dopodichè sono stati accompagnati a Mongiana, dove appunto verranno ospitati in due strutture del piccolo centro del Vibonese, nell'attesa di trovare loro una sistemazione definitiva. Si tratta, in sostanza, di un'operazione portata avanti sia dalla Prefettura che dall'ufficio stranieri della Questura di Vibo, che rientra nell'ambito di un progetto avviato dal Ministero dell'Intero, grazie anche al contributo fattivo dell'associazione  "Cooperazione sud per l'emergenza Europa", che ha provveduto a trovare ospitalità e alloggio ai rifugiati. In tale direzione, da sottolineare anche la macchina della solidarietà avviata dalla Pro-loco del paese delle Reali Ferriere, anche attraverso la disponibilità della popolazione, che ha deciso dunque di aiutare i migranti, mettendo a disposizione vestiario e cibo. A dare il proprio contributo all'importante operazione anche i carabinieri della stazione di Fabrizia. Non è il primo flusso di migranti africani nella nostra provincia. Già nelle scorse settimane, infatti, altri rifugiati sono giunti nei comuni di Dasà e Arena. 
 
 
Pubblicato in CRONACA

galleria liminaIl passo della Limina rappresenta il confine naturale tra il massiccio dell’Aspromonte e la catena delle Serre Calabre. Un lieve crinale – che raggiunge nel punto massimo di altezza poco più degli 800 metri sul livello del mare - e che funge anche da collegamento tra il versante Jonico e quello Tirrenico nella parte più meridionale della nostra regione. Il toponimo “Limina” indica quindi proprio il punto geografico in cui finisce l’Aspromonte ed iniziano le Serre.

Pubblicato in CRONACA

mini diaVIBO VALENTIA - La Direzione investigativa antimafia di Catanzaro ha confiscato beni per un valore di circa quattro milioni di euro, riconducibili a Domenico Antonio Ciconte, 49 anni di Sorianello, condannato in via definitiva per usura, con sentenza dell'1 ottobre 2009, al termine del processo scaturito dall'operazione "Dinasty" che ha coinvolto esponenti di rilievo della cosca Mancuso di Limbadi. In particolare, la Dia ha confiscato quote societarie della “Calabria Trading Srl” con sede a Lamezia Terme e operante nel settore dell'intermediazione dei beni mobili registrati e immobili; dell'impresa “De Caria Legnami di De Caria Assunta” con sede a Soriano Calabro che esercita l'attività in due capannoni su un'area attrezzata di circa 3.500 mq; il capitale sociale e l'intero compendio aziendale della “Immobiliare Athena srl” con sede a Pizzo operante nel settore turistico; decine di beni immobili e mobili registrati.

Pubblicato in CRONACA
Giovedì, 13 Giugno 2013 11:21

Paese che vai, fucilate che trovi

 

mini fabrizia_2Marcare il proprio territorio, è abitudine e usanza e degli uomini e degli animali. Il gatto maschio, ad esempio, delimita il proprio territorio con degli spruzzi di urina, sulle superfici verticali in particolar modo. Un altro modo usato dal gatto per delimitare il territorio è lasciare il segno delle unghie su muri ed alberi. Così facendo diffonde un odore particolare secreto dalle ghiandole situate alla base dei cuscinetti plantari, oltre a mettere in bella mostra la “potenza” dei suoi graffi. Cosa che succede anche nei cani, anche in quelli sofisticati e quasi irreali cani da show, resistono istinti e comportamenti ancestrali e selvaggi. Il più comune, anzi, quotidiano è la delimitazione del territorio. Alzare la zampa e fare pipì. Ogni palo, cespuglio o muretto è buono.

Pubblicato in LO STORTO
Sabato, 23 Febbraio 2013 18:07

Serra, prorogata la commissione d'accesso

 

mini municipio_serraLa terna commissariale composta  dal viceprefetto, Emanuela Greco, dal vicequestore, Giovanni Gigliotti, e dal comandante della locale Compagnia Carabinieri, Stefano Esposito Vangone rimarrà in carica sino al prossimo 31 marzo. Il prefetto di Vibo Valentia, Michele Di Bari, infatti, ha concesso ai commissari la proroga di 45 giorni per completare tutte le verifiche necessarie al fine di accertare se, in questi anni di attività, ci siano stati o meno infiltrazioni da parte della criminalità organizzata. Come si ricorderà, la commissione si è insediata lo scorso 19 novembre a seguito dell’operazione antimafia condotta dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria - denominata “Saggezza” - che aveva portato in carcere anche l’ex assessore comunale di Serra, Bruno Zaffino, 49 anni, accusato di violenza privata, aggravata dalle modalità mafiose, ai danni di un rappresentante di una ditta operante nella commercializzazione del legname.

Pubblicato in POLITICA

mini a3A causa dei lavori di realizzazione della nuova autostrada ed, in particolare, per consentire il varo delle travi del nuovo viadotto `Mesima 4` in carreggiata sud, l' Anas comunica che  dalle ore 22 di lunedì 18 febbraio alle 6 di martedì 19 febbraio e dalle ore 22 di mercoledì 20 febbraio alle ore 10 di giovedì 21 febbraio 2013, sarà chiuso al traffico il tratto dell`autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria compreso tra gli svincoli di Vibo Valentia/Sant`Onofrio (km 348,250) e Rosarno (km 383,000), in direzione sud e tra Gioia Tauro (km 392,000) e Vibo Valentia/Sant`Onofrio in direzione nord. Per effetto della chiusura saranno interdette al traffico la rampa di ingresso in direzione Reggio Calabria dello svincolo di Vibo Valentia/S. Onofrio; le rampe dello svincolo di Serre esclusa quella di ingresso in direzione Salerno; tutte le rampe dello svincolo di Mileto e la rampa di ingresso in direzione Salerno dello svincolo di Rosarno. Nelle ore di chiusura i veicoli diretti a sud potranno uscire allo svincolo di Sant`Onofrio, proseguire lungo la strada statale 18 con rientro in autostrada allo svincolo di Rosarno. I veicoli in direzione nord saranno deviati allo svincolo di Gioia Tauro (km 392,000) e rientro in A3 allo svincolo di Sant`Onofrio.

Pubblicato in CRONACA
 

mini a3

A partire dalla oggi e fino a martedì 5 febbraio, nella fascia oraria compresa tra le 22 e le 6 del giorno successivo, il tratto dell'autostrada A3 compreso tra gli svincoli di Vibo - Sant' Onofrio e Rosarno sarà chiuso al traffico in entrambe le direzioni  per consentire il varo delle travi del viadotto "Mesima3". 'Il provvedimento - si legge in una nota dell' Anas -, di intesa con le Prefetture di Vibo Valentia e Reggio Calabria e con la Polizia stradale si rende necessario per consentire il varo delle travi del nuovo viadotto "Mesima3" in carreggiata sud, nell'ambito dei lavori di realizzazione della nuova autostrada. Per effetto della chiusura saranno interdette al traffico la rampa di ingresso in direzione Reggio Calabria dello svincolo di Vibo Valentia - Sant'Onofrio; le rampe dello svincolo di Serre esclusa quella di ingresso in direzione Salerno; tutte le rampe dello svincolo di Mileto e la rampa di ingresso in direzione Salerno dello svincolo di Rosarno'. 'Nelle ore di chiusura – conclude l'Anas – i veicoli diretti a sud potranno uscire allo svincolo di Sant'Onofrio, proseguire lungo la strada statale 18 con rientro in autostrada allo svincolo di Rosarno. I veicoli in direzione nord saranno deviati allo svincolo di Gioia Tauro (km 392,000) e rientro in A3 allo svincolo di Sant'Onofrio».
Pubblicato in CRONACA
Pagina 1 di 2

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno