rubientti a seccoÈ ormai da quasi una settimana che, sistematicamente, dalle prime ore del pomeriggio, si registra una consistente riduzione della quantità d’acqua erogata dalla rete idrica comunale di Serra San Bruno. Nei punti più alti del paese, addirittura, negli ultimi giorni, in serata l’acqua è venuta a mancare definitivamente.

Pubblicato in CRONACA

mini ospedale_serraAlcuni giorni fa, sulle pagine del nostro sito di informazione online, è stata pubblicata la lettera di denuncia che i pazienti affetti da sclerosi multipla hanno indirizzato al Prefetto di Vibo Valentia, al direttore sanitario dell'Asp ed al primario di Neurologia, per denunciare le gravi condizioni di disagio in cui versa il servizio di fisioterapia ubicato nel P.O. San Bruno.

Ma le istituzioni in questione non si sono scomodate. Da parte loro nessun cenno di vita. Per fortuna la risposta però è arrivata da qualcun altro. C’è chi infatti, dopo aver letto la lettera firmata dai ragazzi della fisioterapia ha deciso di donare un tapis roulant al reparto. Strumento ginnico importante per i casi in questione, che permette di godere del beneficio della passeggiata pur restando comodamente fermi. Il benefattore sembra sia un cittadino di Mongiana.

Pubblicato in CRONACA
mini LOGO AICSDomani, a partire dalle ore 10, presso i locali di palazzo Chimirri, si terrà il corso di formazione organizzato dall’ Associazione italiana cultura e sport Polisportiva delle Serre, guidata da Francesco De Caria, dal titolo: "istruttore ed operatore socio – sportivo  nell’area del disagio minorile. Di seguito, riportiamo tutte le informazioni inerenti a questo evento. L’iniziativa è stata sostenuta e patrocinata dal Comune di Serra San Bruno.

Corso di formazione Aics istruttore ed operatore socio – sportivo  nell’area del disagio minorile

- Prof. Mineo Santo: Formatore nazionale A.I.C.S. e presidente AICS Catanzaro;
- Dott. Caroleo Ida: Responsabile politiche sociali A.I.C.S. Catanzaro;
- Prof. Severini Saverio: Responsabile regionale Centro Studi A.I.C.S;
- Dott. De Caria Francesco: Centro Studi A.I.C.S. settore sport Catanzaro;
- Prof. Bava Fabio: Centro Studi A.I.C.S. Catanzaro;

Temi che verranno affrontati :
-Area del disagio minorile a 360 gradi;
-Il ruolo importante delle Associazioni: percorso area del disagio minorile;
-Sinergie AICS & Minori IPM;
-La voce e l’impegno dell’ A.I.C.S. per “ I Ragazzi Difficili”;
-La riforma della giustizia minorile e la “Convenzione sui diritti del fanciullo”;
-I luoghi dello sport e i percorsi di promozione della cultura della legalità;
-Il Processo Penale Minorile;
-Teatro: strumento di assimilazione;

Esperienze sul campo:

•L’educazione sportiva nelle carceri (1994);
•Progetto sociale “Io, tu, noi… il teatro (1999);
•Progetto sociale “Uso del tempo libero attraverso la promozione corporea – ritmica (2000);
•Progetto sociale “Teatro laboratorio I.P.M.”;

Presentazione 18 Marzo 2012 Palazzo Chimirri ore 10.00 ;
Durata del corso 50 ore: 70% teoria – 30% pratica;
Costo del corso 110 € - compreso del materiale di studio ed esame;
Alla fine del corso esame finale e rilascio diploma di istruttore ed operatore;
Requisito di partecipazione 18 anni compiuti;

RICONOSCIMENTI:
C.O.N.I.; Ministero dell’Interno; Ministero del Lavoro; Ministero della Solidarietà Sociale;
Per ulteriori informazioni:
Dott. De Caria Francesco Tel. 329/0932065 Prof. Mineo Santo Tel. 338/9467387 Prof. Bava Fabio Tel. 389/4245506

Pubblicato in SPORT

mini SIMBARIO_1SIMBARIO - «Gli avvocati che ci hanno fatto firmare devono rendere conto della loro azione legale. Vogliamo capire perché l’Enel continua ad inviarci lettere di rimborso spese di circa 600 euro». Non si placa ancora la polemica dei cittadini-utenti chiamati a pagare dall’Enel le spese legali derivanti dalla sentenza n. 350/09 del Tribunale di Vibo Valentia. Il contenzioso degli utenti nei confronti dell’ente distributore di energia, riguarderebbe le oramai note richieste di risarcimento danni presentate da molti avvocati al Giudice di Pace di seguito il black-out elettrico del 28 settembre 2003. Sempre su questa testata, il 21 dicembre scorso, dopo aver raccolto le dichiarazioni di Marco Martino (Udc) e Mimmo Russo (segretario Ugl Vibo), s’era detto che nel comune di Capistrano, in merito alle suddette richieste di rimborso, era stata smascherata una vera e propria speculazione legale. Infatti, alcuni cittadini avrebbero dichiarato di essere stati chiamati a versare la loro quota per le spese legali nonostante non avessero mai firmato nessuna procura di rappresentanza. Di seguito al disagio creato allora dall’Enel, furono in tanti a preoccuparsi di fare ricorso all’ente. Come ricordavamo nell’articolo pubblicato il 21 dicembre, in alcuni casi l’incresciosa vicenda si sarebbe risolta con un semplice fax di richiesta di indennizzo inviato dall’utente all’Enel, dopo che l’ente ebbe informato gli utenti con un comunicato nazionale. Se la soluzione per molti fu l’invio di un semplice fax, ci si chiede come mai tanti legali si siano prodigati a presentare richiesta di rimborso al Giudice di Pace piuttosto che consigliare ai cittadini di rivolgersi direttamente all’ente. Per i simbariani quindi al danno si aggiunge la beffa. Nonostante il disagio che le attività commerciali subirono col balck-out, i richiedenti del rimborso hanno ricevuto una lettera da parte dell’Enel che così recita: «Con la sentenza indicata in oggetto, il Tribunale di Vibo Valentia ha riformato la decisione del Giudice di Pace di Serra San Bruno, rigettando la Sua richiesta di risarcimento di presunti danni a seguito del black-out nazionale del 28/9/2003 e condannandola alla rifusione delle spese legali». I cittadini pertanto chiedono delucidazioni ai legali (scomparsi) che hanno impugnato le loro richieste, dato che gli stessi sembrerebbero molto esaurienti in fatto di spiegazioni preliminari ma per nulla esaustivi nell’argomentare le conclusioni.

(articolo pubblicato su Il Quotidiano della Calabria)



Pubblicato in CRONACA

mini ancinale_1SERRA SAN BRUNO - La pioggia e il forte vento che da ieri sera stanno sferzando la Calabria sembra stiano concedendo qualche attimo di tregua proprio in serata. L'allerta resta comunque alta su tutto il territorio regionale e in particolare sulla costa jonica. La regione è in ginocchio: frane, esondazioni di torrenti, scuole allagate e abitazioni evacuate si registrano in diverse zone colpite dai nubifragi di queste ore. Le condizioni meteo - l'allerta è stata prorogata fino alle 12 di domani - hanno indotto i sindaci di Locri, Siderno, Soverato e di altri centri della regione a disporre la chiusura delle scuole. A Cardinale, nelle Preserre

Pubblicato in CRONACA
Martedì, 21 Febbraio 2012 14:13

L'abominevole sindaco delle nevi

mini neve_auto_sindacoLa neve sa essere poetica, quasi romantica. La si incontra nelle fiabe e sulle cartoline turistiche. Sogno erotico per i fotoamatori, redenzione per gli studenti oziosi. Amabile alla vista ma nemica del comfort. La regina fragile della stagione rigida ci ha costretto a tempi più lenti, al metter mano ad una pala, incatenare gli pneumatici, ad indossare piumini impermeabili e doposci ridicoli.  La coltre bianca ci ha invaso dappertutto e non in maniera indolore. Strade impercorribili, contrade isolate per ore, anziani prigionieri in casa, abitazioni senza luce, telefono ed acqua. Una nevicata d’altri tempi che ha impiegato poco a mettere in luce la scarsa organizzazione di fronte ad un evento di certo nefasto, ma ampiamente prevedibile: l’allerta della Protezione Civile era arrivata con un anticipo di ben 13 giorni. Ad emergenza, per fortuna, ormai lontana, bisogna tirare le somme. Per forza. La prima incognita è il sale. Il migliore degli antigelo per i manti stradali. Durante l’autunno, in genere, le amministrazioni, specie in montagna, se ne riforniscono fino a farne traboccare i magazzini. A Serra o hanno dimenticato di comprarlo o qualcuno si è condito un’insalata di almeno 10 quintali: per le strade cittadine di sale non se ne è visto neanche un chicco. Quando nevica risulta scontato l’aiuto ai cittadini in situazione di disagio perché ammalati, anziani o disabili. Qualcuno ha brillantemente pensato di creare tre punti di fornitura acqua minerale nel paese. Peccato che non sia stata smistata al meglio: i ventenni, giovani ed aitanti, giunti più velocemente sul posto, si sono caricati intere pedane d'acqua nel cofano delle jeep, mentre i vecchietti arrivati in ritardo a piedi in piazza hanno ricevuto picche. Si sarebbe dovuto tutelare le necessità dei cittadini disagiati piuttosto che alimentare la politica del “chi prima arriva meglio alloggia”.
È stato un evento eccezionale che ha inevitabilmente messo a dura prova chi governa la città. Ma c’è una domanda che vale la pena porsi: se ci si trova in una situazione di emergenza perché non elaborare un piano di gestione dell’emergenza? E se il piano è stato elaborato perché non renderlo noto ai cittadini? In genere i piani per l’emergenza neve, preventivamente, consigliano di dividere la planimetria del territorio comunale in 3 aree per individuare quelle che saranno le zone prioritarie (zona rossa) e quelle meno critiche (gialla e verde) su cui intervenire. Attenzione, le zone rosse sono le arterie principali, snodi fondamentali per la viabilità cittadina, viali con più alta densità di abitanti o interessati dal trasporto pubblico (118 e vigili del fuoco) e non l’uscio di casa delle fidanzate degli assessori. Il piano doveva essere affiancato da una tabella con riferimenti orari precisi e reso consultabile dalla cittadinanza magari in un'apposita sezione del sito web del nostro comune, che sarebbe stato un portale perfetto per mantenersi sempre aggiornati sul decorso dell’emergenza e per capire come e dove si stava intervenendo. Sarebbe stato opportuno impiantare un centralino telefonico a disposizione dei cittadini in modo da risparmiare i pellegrinaggi al municipio per chiedere la grazia di un sacco di sale o alla ricerca di un fantomatico ufficio reclami. Altro SOS che i serresi hanno seguito con il fiato in gola: la macchina del sindaco (foto). Rimasta irrimossa da giorni, parcheggiata nel cuore del paese sotto uno strato impietoso di neve, alla mercé di grandine e fiocchi. Disagio reale o operazione di immagine? Un feticcio in vetrina come se qualcuno avesse qualcosa da farsi perdonare.
Anche se non nevica più, il ghiaccio e la neve ancora insistono per le strade, si spera per poco. In una nota stampa il sindaco ed il vicesindaco hanno addossato colpe, che in realtà sono solo loro, prima alla Comunità montana, poi ai paesi vicini ed infine alla Provincia. Per fortuna ancora nessuno ha parlato degli Ufo.

Pubblicato in LO STORTO
mini LOGO_AICSRiceviamo e pubblichiamo:
L’ AICS  Comitato Provinciale Catanzaro in collaborazione con il circolo AICS Polisportiva delle Serre, in linea con il programma nazionale AICS 2012 politiche sociali, terzo settore e politiche giovanili,  organizzano il corso di formazione:  istruttore ed operatore socio sportivo nell’area del disagio minorile . Si tratta del primo corso A.I.C.S. (Associazione Italiana Cultura e Sport), ente promozione sportiva riconosciuto da C.O.N.I. e dal Ministero dell’Interno quale Ente con finalità assistenziali, dal Ministero del Lavoro quale Ente di Promozione Sociale e dal Ministero della Solidarietà Sociale per l’attività a favore degli immigrati a Serra S. Bruno. Il corso rappresenta una importante occasione di crescita culturale e professionale offrendo nel contempo nuovi stimoli formativi;
Questo il programma: 
-    Area del disagio minorile a 360 gradi;
-    Il ruolo importante delle Associazioni: percorso e storia nell’area del disagio minorile; 
-    Sinergie AICS & Minori IPM;
-    La voce e l’impegno dell’ A.I.C.S. per “ I Ragazzi Difficili”;
-    La riforma della giustizia minorile e la “Convenzione sui diritti del fanciullo”;
-    I luoghi dello sport e i percorsi di promozione della cultura della legalità;
-    Il Processo Penale Minorile;
-    Attività di campo e simulazioni;
-    Teatro: strumento di assimilazione;
ESPERIENZE DÌ CAMPO:
•    L’educazione sportiva nelle carceri (1994);
•    Progetto sociale “Io, tu, noi… il teatro (1999);
•    Progetto sociale “Uso del tempo libero attraverso la promozione corporea – ritmica (2000);
•    Progetto sociale “Teatro laboratorio I.P.M.”;
I  DOCENTI DEL CORSO
•    Prof. Mineo Santo: Formatore nazionale A.I.C.S. e presidente AICS Catanzaro;
•    Dott. Caroleo Ida: Responsabile politiche sociali A.I.C.S. Catanzaro, anch’essa facente parte del centro studi AICS ; 
•    Prof. Severini Saverio: Responsabile regionale Centro Studi A.I.C.S e responsabile del settore sport e scuola Catanzaro; 
•    Dott. De Caria Francesco: Centro Studi A.I.C.S. e responsabile settore sport promozionale Catanzaro;
•    Presentazione del corso il 12 Febbraio 2012 presso Palazzo Chimirri ore 10.00;
•    Durata del corso 50 ore: 70% teoria – 30% pratica;
•    La teoria si svolgerà a Serra S. Bruno presso Palazzo Chimirri mentre la pratica presso la palestra interscolastica di Serra S. Bruno
•    Requisito di partecipazione 18 anni compiuti e terza media;
•    Alla fine del corso esame finale e rilascio diploma di istruttore ed operatore con riconoscimenti : 

-    C.O.N.I.;                                                                                                                                                                
-    Ministero dell’Interno;                                                                                                                              
-    Ministero del Lavoro;                                                                                                                                  
-    Ministero della Solidarietà Sociale;
L’iniziativa ha trovato sostegno e patrocinio dal comune di Serra S. Bruno considerando la sua importanza culturale e sociale.

 

Pubblicato in SPORT

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno