Domenica, 03 Marzo 2013 21:35

Il Canzonato/5

mini Il_Bacio_di_Giuda_Caravaggiodi Francesco Tiron Petrarca

IX

Lassare il Partito che oggi adombra…

"Lo fan tutti, la faccio pur io!"

Stillitano, in lui conosceste il gran desio

di costruir su un’autostrada "sgombra"

e in Udc i pensier calati

si procurò la mano morta

per levar dei sequestri i sigilli e pure il torto

ma, poiché parola in Udc gli fu tolta

da scardinarlo tra i candidati

amoroso sguardo egli ha rivolto

al Grande Sud… cambiando volto…

«Che li governi il Cielo!

Voltagabbana e affaristi… e cali su di loro un gelo

finché di lor la terra non sia sgombra».

 

X

«E pure a chi si facea tormento

tanto da schermire e darsi affanni

per il Censor de l’ultim’anni

anco per lui che il Sol sia spento!

È sempre facile votarsi al vento

lassar vessilli e stretti panni…

Che possa il viso scolorir in tristi malanni

di lamentoso pianto… lento!».

Pur ci darà baldanza e amore

veder sparir falsi e crumiri

che per più anni, giorni e ore

sfruttaro il tempo con panegiri…

«Che più non giunga il lor vociore

E siano ampi i lor sospiri!». 

Pubblicato in LO STORTO
Martedì, 26 Febbraio 2013 14:18

Preunitari postelettorali, unitevi!

mini italy_1815Conciosiacosachè questa meravigliosa e inenarrabile tornata elettorale ci riconsegna uno stato pressoché ingovernabile e gli stessi figuri di sempre a sedersi in parlamento (meglio sarebbe stata, forse, un’aula sorda e vuota –ma non grigia: meglio sul verde), vorrei modestamente ventilare la possibilità di un ritorno alla felicissima condizione preunitaria, magari con qualche piccola correzione.

Pensateci. Sarebbe d’altra parte impresa affatto facile e remunerativa, che ci permetterebbe non solo d’alleviare con un fiero pasto quella fame campanilistica che da sempre ci affligge, ma ci farebbe anche guadagnare d’un sol colpo la fama, il prestigio e l’affidabilità che l’Europa e i Mercati così insistentemente ci chiedono.

Orbene, ecco come faremo.

La Lombardia, il Trentino, l’Alto Adige e il Veneto li ridaremo tosto all’Austria, così che le genti oggi nordiche provino il brivido d’essere del Sud, e contestualmente ripristineremo la Serenissima Repubblica di Venezia, ponendo il Corno Ducale sul capo di Sua Serenità Mr. Ingvar IKEA Kamprad (capace di soluzioni ingegnose ed economiche per spazi ridotti). Il Friuli e la Venezia Giulia se li sugga pure la Slovenia, o la Croazia, o la Repubblica di Eurostaete: chi se ne frega.

Emanuele Filiberto di Savoia potrà entrare trionfalmente a Torino per riprendere possesso del Regno di Sardegna e, in onore del suo omonimo avo il Testa di Ferro, essere amabilmente apprezzato dai suoi sudditi come il Testa di Cazzo.

Sul trono del glorioso Ducato di Parma e Piacenza instaureremo il grande Faustino Asprilla, e faremo sì che Sting si trasferisca a Palazzo Pitti per servire da Signore di Firenze e Granduca di Toscana.

Item, riuniremo il Lazio, le Marche, l’Umbria, la Romagna e parte dell’Emilia per ridarle al Papa, così che possa Egli trastullarsi con uno Stato della Chiesa nuovo di zecca.

Infine il Sud. Sarebbe fin troppo facile restaurare il Regno delle Due Sicilie, ma in maniera ancor più radicale suggerisco di donare la Sicilia alla Corona di Spagna e il Regno di Napoli alla Francia, tornando così all’età d’oro di Alfonso il Benigno e di Roberto il Saggio.

Pensateci. Anzi, pensiamoci. Ché l’unico modo di salvare l’Italia –più che mai una cagna magra calpesta e derisa– sembra essere oggimai quello di smembrarla.

Pubblicato in LO STORTO

mini detommaso

SERRA SAN BRUNO - È stato prima agente. Poi, con il passare degli anni, ha oltrepassato i gradi previsti e, dopo essersi laureto in Giurisprudenza presso l' Università ''Magna Graecia" di Catanzaro, ha superato il concorso di commissario effettuando successivamente il corso a Roma. Catanzarese doc, nel proprio curriculum vanta anche qualche esperienza nella polizia stradale. Stiamo parlando del dirigente Antonio De Tommaso - insediatosi l' 11 gennaio scorso presso il locale Commisariato di Polizia - che, dunque, succede a Domenico Avallone. Nei giorni scorsi, il neo commissario ha organizzato un incontro con la stampa, durante il quale ha sottolineato sia gli obiettivi che intende perseguire, cercando di «assicurare ad ogni modo la sicurezza pubblica», evidenziando però che «ancora c'è tanto lavoro da fare», soprattutto per contrastare i reati di «microcriminalità», che negli ultimi mesi sembrano aver preso il sopravvento. De Tommaso, inoltre, ha precisato di «voler instaurare uno stretto rapporto» sia con il capitano della locale Compagnia dei Carabinieri Stefano Esposito Vangone, al fine di «raggiungere gli obiettivi prefissati», ma anche con i propri elementi, cosa che ha già fatto il giorno del suo insediamento. Una sfida sicuramente non facile, considerato che il Vibonese - ma la zona delle Serre in particolare - è caratterizzata, specie negli ultimi tempi, da un elevato tasso di criminalità. Basti pensare ai reati che vanno dal furto, agli atti incendiari passando per lo spaccio di sostanze stupefacenti. Una strada tortuosa dunque, che richiede l'impegno e la collaborazione di tutti, sia delle forze dell'ordine ma, soprattutto, dei cittadini molto spesso indifferenti di fronte a fatti che colpiscono la comunità. De Tommaso, inoltre, nel concludere, ha precisato che il proprio impegno si concentrerà «sull'intera zona» che rientra nella propria giurisdizione, attraverso l'impiego delle volanti. 
 
 

Pubblicato in CRONACA

 

mini DSC_0397

Riceviamo e pubblichiamo
 
 
 “A distanza di un anno e sei mesi dall’ultima tornata per le comunali, si può affermare che la campagna elettorale posta in essere dall’attuale maggioranza pidiellina è stata un vero e proprio capolavoro di illusionismo. Facile promettere per “arrivare al potere” e poi disattendere. Facile addebitare colpe alle precedenti amministrazioni quando si è di fronte ad una incapacità amministrativa che fa spavento. Nulla hanno fatto e nulla stanno facendo di quanto fantasticato fino a maggio 2011, anzi si stanno distinguendo per un immobilismo spaventoso arrivando al punto di non riuscire neppure a porre in essere l’ordinaria amministrazione. E’ vivo nei nostri ricordi il tanto conclamato binomio Regione-Comune, tant’è vero che in virtù di ciò è stata avanzata la proposta di attribuire la cittadinanza onoraria all’attuale Presidente della Regione. Ma per cosa? Per quale merito? La massima rappresentazione di questo binomio la si può materialmente rappresentare con la struttura ex Kursaal sita nel centro storico di Serra San Bruno che si trova in uno stato di abbandono disarmante. Vetri rotti, esalazioni graveolenti e acqua piovana infiltratasi si sono appropriati dell’immobile creando una situazione igienico-sanitaria da terzo mondo. Ma nonostante ciò, l’immobile rimane in queste condizioni senza che l’attuale amministrazione se ne interessi come se lo stabile, di proprietà della Regione Calabria non fosse affar loro e non si trovi sul suolo comunale. Le promesse fatte in campagna elettorale per una “resurrezione immediata” del ex Kursaal, che ancora risuonano vive nelle orecchie di quanti assistevano ai loro comizi, sono rimaste solo “parole al vento” e hanno avuto l’unico scopo di accaparrarsi i consensi elettorali di quanti hanno riposto la fiducia nelle mani di “semplici illusionisti”, credendo nell’arrivo dei salvatori della Patria, pentendosi poi amaramente della scelta fatta a distanza di appena un anno e sei mesi. La struttura ex Kursaal rappresenta il disastro del binomio Regione-Comune e il fallimento di un’amministrazione che non ha precedenti, che ha abbandonato una comunità al proprio destino. Nessuno degli amministratori si occupa dei problemi della nostra cittadina e poi qualora li si interroga nessuno risponde, nascondendo la loro impreparazione dietro assordanti silenzi - vedi l’ultimo consiglio comunale - o dietro quel consigliere regionale che predica male e razzola ancor peggio. In attesa che l’attuale maggioranza si svegli dal letargo, i serresi speranzosi continuano a “sopravvivere” nell’attesa di veder realizzate le promesse elettorali che per come formulate avrebbero dovuto cambiare la loro vita ma che invece si sono rivelate mere promesse di marinai. Le parole passano solo i fatti restano ma di fatti, ad oggi, non  ne abbiamo ancora visti.  Quanto ancora dobbiamo aspettare?”
 
Pisani Raffaele
 
Pubblicato in POLITICA
Sabato, 05 Maggio 2012 23:17

Fiamma tricolore: Comunicato stampa

Schermata 05-2456053_alle_23.25.20Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di "Fiamma Tricolore" a firma del responsabile di zona Francesco Pastore

 

Regione-Comune un binomio che, quando ha lo stesso colore politico, dovrebbe acquistare un valore esponenziale. Ahimè! Nel caso di Serra San Bruno, invece, sembra essere una iattura.  Una politica politicante, arrogante e inconcludente a cui da fastidio qualunque tipo di opposizione, compresa anche quella che compare sui web. Un paese caduto nell’oblio. Alcune opposizioni definiscono l’Amministrazione ingessata, ma, più che ingessata pare essere caduta nel peggiore ghetto del malcostume politico. Non un solo punto delle proposte fatte in campagna elettorale è stato avviato. La differenziata? La video sorveglianza? L’acqua? Paese albergo? L’ospedale? I posti al parco? La Piscina? e così via.… . L’elenco è davvero molto lungo. È penoso vedere come due anni di commissariamento al Parco delle Serre abbiano dato un contentino a dei loro sostenitori senza tener conto dell’inutilità dell’incarico. Altri posti verranno dispensati più in avanti, al solo scopo clientelare. Vergogna! Sono 10 anni che questo parco assorbe soldi pubblici e non produce un solo fico secco. Sarebbe ora di calare il sipario su questo costoso e pietoso carrozzone politico. E voglio dirlo con forza in particolare al sen. F. Bevilacqua che chiede pietà per l’Ufficio di Governo vibonese. Che né direbbe il Senatore di sopprimere questa vergogna al posto della Prefettura? Oppure, indirizzare i fondi ad esso destinati alla Sanità da terzo mondo che ci viene proposta? La tutela ambientale non centra nulla con la politica, soprattutto con questa. Ed in merito bisogna dire che, sia il WWF che le altre associazioni naturalistiche hanno gravi responsabilità nel avere consegnato l’ambiente a questi politici che dell’ambiente né hanno fatto “cosa loro”. È necessario, anzi,  urgentemente, restituire questi territori al controllo e alla vigilanza di chi né ha coscienza e competenza. Il Corpo Forestale dello Stato ha sia la competenza che la capacità. Lo ha dimostrato per oltre un secolo, soprattutto, al tempo in cui, certi politici “liberaldemocristianiegocentriansti” non erano in libera circolazione. Tornando a noi, non è facile riassumere tutte le deficienze di questa Amministrazione comunale, pertanto ci dobbiamo limitare a parlare solo di alcune. La piscina. Una struttura sportiva molto importante che ora è “più o meno” chiusa. Un altro errore politico. Analizzando i costi d’esercizio di questa tipologia d’impianti era facile capire che non era facile sostenere il costo del suo esercizio. Le piscine sono tra gli impianti sportivi più costosi da mantenere, soprattutto ora che il costo dell’energia sta crescendo a dismisura. Quindi incompetenti coloro che hanno pensato di realizzarla ed ancora più incapaci coloro che l’hanno realmente realizzata. È facile quando i soldi non sono i tuoi! Ora è fatta ed è chiusa! Malgrado ciò, l’amministrazione non sembra scomporsi più di tanto. Piuttosto che vederla cadere in rovina, come il fatidico palazzetto dello sport, chiunque a loro posto si darebbe da fare per fare in modo che la piscina possa riprendere a funzionare regolarmente. Magari chiedendo un finanziamento alla regione, anche per dimostrare che il consigliere regionale Nazareno Salerno, ormai lontano dagli echi elettorali, esiste ancora. Cosi facendo si potrebbe dotare la piscina di una batteria di pannelli solari, oppure, costruire un mini termovalorizzatore, o semplicemente, dotarla di collettori solari per accorciare il salto termico e ridurre i costi d’esercizio. In aggiunta o in alternativa, il Consigliere regionale, in qualità di Presidente della Commissione Sanità, potrebbe farla accorpare, tramite un’apposita convenzione, alla struttura ospedaliera e convertirla in centro terapeutico di riabilitazione.  Ma è chiaro a tutti: il nostro Consigliere regionale / Presidente di commissione / Consigliere comunale / … non è in grado di gestire nulla aldilà delle sue numerose candidature. 

Pubblicato in POLITICA

mini enzo_ciconteLa mossa Kansas City è quando guardano a destra e tu vai a sinistra. Sì, è vero: pensare a Bruce Willis e alla sua battuta da blockbuster guardando alla scesa in campo di Enzo Ciconte (foto) con il Terzo Polo catanzarese fa un certo effetto. In quanto al fisico del ruolo il consigliere regionale non sembrerebbe proprio adatto alla metafora trash che qui, umilmente, si propone, e infatti non è il candidato a sindaco che ha guastato i piani di Scopelliti il tessitore della tela politica palesatasi in questi giorni, che va ben al di là del capoluogo calabrese. Ciconte è stato candidato a Roma. Il suo nome è stato di fatto ufficializzato da Casini, anche se il candidato non è neanche dell’Udc, almeno fino al momento in cui scriviamo. Dunque, stabilire cosa ci sia dietro la mossa catanzarese dello scudocrociato potrebbe risultare anche più arduo che risalire all’appartenenza partitica di Ciconte, anche perché pare che quest’ultimo dettaglio sia solo tale, nella vicenda.

Pubblicato in POLITICA

mini movimento_forconiIn questi giorni non si parla d’altro: il movimento dei forconi paralizza la Sicilia. E, come se ciò non bastasse, la protesta dei “camionisti” si sta estendendo anche nelle altre regioni. Loro, i forconi, hanno sin da subito precisato di essere un movimento "apartitico"  per poi aggiungere che "chiunque si dovesse presentare alle nostre manifestazioni con bandiere di partito verrà preso a calci". All’apparenza sembrerebbe un movimento composto da cittadini, stanchi di una crisi economica che colpisce sempre i ceti più deboli del nostro Paese (mentre chi ci governa se ne sta li seduto a percepire fior fior di quattrini). Solo all’apparenza, appunto. Alla guida del movimento, infatti, c’è un certo Mariano Ferro, ex MpA (il partito guidato da Raffaele Lombardo). Nel corso del corteo tenutosi nei giorni scorsi a Catania, poi, era presente anche il leader etneo di Forza Nuova (formazione di estrema destra), Gaetano Bonanno. Ma come, i partiti non dovevano rimanere fuori dalla protesta? Per quale motivo è stata fatta un’ eccezione nei confronti di Forza Nuova? Siamo sicuri che si tratta di semplici ed umili lavoratori o dietro il “Movimento dei Forconi” c’è l’ombra della criminalità organizzata siciliana? Non è facile a dirsi. Intanto,  però, i commercianti dell' isola hanno già denunciato una serie di intimidazioni da parte dei protestanti per costringerli a chiudere. "Sono organizzati in squadre e girano in motorino. Appena vedono un negozio aperto, chiamano gli altri e arrivano in dieci a chiederti di chiudere. Ma sempre gentilmente, eh", ha spiegato un esercente di Lentini. "Come posso rischiare? – si chiede un altro commerciante siciliano – Un incendio al negozio distruggerebbe in pochi minuti il sacrificio di anni". Ecco chi c’è dietro il movimento dei Forconi: la borghesia, i colletti bianchi dell’isola, con un pizzico di Cosa Nostra. Loro sono i veri artefici della protesta. 

Pubblicato in LO STORTO

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno