mini comune_serraLa Procura della Repubblica di Vibo Valentia ha notificato nei giorni scorsi l'avviso di conclusione delle indagini nei confronti dell'ex primo cittadino, Raffaele Lo Iacono e di altri otto ex amministratori serresi, accusati di abuso d'ufficio nell'ambito della gestione della Fondazione ''Monsignor Biagio Pisani'', presieduta dallo stesso Lo Iacono: si tratta di Luigi Calabretta, Leonardo Calabretta, Biagio Vavalà, Giuseppe Raffele, Antonio Procopio, Maria Abronzino, Francesco Bonazza e Vincenzo Damiani. L'avviso è stato disposto anche nei confronti di Salvatore Amato, all'epoca vice segretario comunale, oggi in pensione.
Pubblicato in CRONACA

mini sequestro_alacoSERRA SAN BRUNO - Avrebbero omesso i controlli sull'acqua previsti dalla legge. Con questa accusa, i Nas di Catanzaro, guidati dal capitano Giovanni Trifirò, hanno notificato venti avvisi di garanzia nei confronti di alcuni primi cittadini del Vibonese tuttora in carica e di ex sindaci. Gli avvisi sono stati firmati dal sostituto procuratore della Repubblica di Vibo Valentia, Michele Sirgiovanni, titolare dell'indagine ''Acqua sporca'', partita nel 2010 e che nel maggio dello scorso anno portò all'iscrizione nel registro degli indagati di alcuni nomi eccellenti.

Pubblicato in POLITICA
Martedì, 08 Gennaio 2013 13:23

Serra, torna il sereno tra Censore e Lo Iacono

mini censore-lo_iaconoSERRA SAN BRUNO – Come l’Araba Fenice, l’uccello mitologico che rinasce dalle proprie ceneri, cosi anche il centrosinistra locale sembra un po’ essere resuscitato. L’occasione per la resurrezione è stata la competizione delle primarie per i parlamentari del Partito Democratico che, in provincia di Vibo Valentia, ha visto trionfare il consigliere regionale democrat Bruno Censore. A dare una mano di aiuto all’ormai ex, fratello coltello, sarebbe stato l’ex primo cittadino serrese Raffaele Lo Iacono, defenestrato dalla poltrona più importante di palazzo Tucci, proprio dall’ala censoriana.

Pubblicato in POLITICA
 

mini consigliocomunale

Primo lunedì di dicembre. Si raccolgono i resti della seduta scorsa rinviata all’improvviso per “impegni improrogabili” della maggioranza. Circondato da nuvole e tuoni, palazzo Chimirri galleggia segregato in un conformismo da latte alle ginocchia. Ingoiato nella monotonia devastante di un Consiglio comunale lento ed anonimo. Scontato, prevedibile, loffio. Assorto in un copione sempre uguale: non vi è atto che non risulti inquinato dalla palese incapacità amministrativa della maggioranza, oggi per l’occasione al gran completo. La minoranza, invece, risulta dimezzata: sono presenti solo Tassone e Lo Iacono.
Pubblicato in POLITICA

mini primariecentrosinistraSERRA SAN BRUNO - Risultato plebiscitario per il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, che nelle primarie del centrosinistra per la scelta del candidato premier alle politiche del 2013, stravice sugli sfidanti Vendola, Tabacci, Renzi e Puppato. Il leader dei democrat - appoggiato dal consigliere regionale Bruno Censore - infatti, ha ottenuto 729 preferenze. Seconda posizione, invece, per l'assessore al Comune di Milano Bruno Tabacci (341), sostenuto dalla componente che fa capo all' ex primo cittadino Raffaele Lo Iacono. Terzo il sindaco di Firenze Matteo Renzi (33) mentre il governatore della Puglia, Nichi Vendola, si è dovuto accontentare delle sole 17 preferenze. Un voto, infine, per la Puppato. Nel dettaglio, i voti complessivi e quelli riportati da ciascun candidato

Totale votanti        1125
Bersani 729
Tabacci 341
Renzi 33
Vendola 17
Puppato 1
Nulle  4
Bianche 0
Pubblicato in POLITICA

mini censore-lo_iaconoSERRA SAN BRUNO - Non era proprio un ‘modello Serra’ ma ci andava abbastanza vicino. Una fitta rete di posizioni strategiche nella Vibo che conta e la montagna in pochi mesi si era svegliata padrona della Provincia. Il binomio Censore-Lo Iacono si era originato nel 2002, quando tutto quello che c’era di alternativo al centro destra (leggi Nazzareno Salerno), dovette unirsi se voleva sconfiggere il centro destra (rileggi Nazzareno Salerno). Così fu. Oltre 300 voti in più per l’allora lista “La Serra”: Bruno Censore sindaco e Raffaele Lo Iacono vice. Poi dopo 4 anni, nel 2006, la vittoria fu plebiscitaria: oltre 850 voti di differenza sul centro destra, che permisero a Lo Iacono di vestire la fascia di primo cittadino.

Pubblicato in POLITICA

mini anticonsiglio_10SERRA SAN BRUNO - In una Sala Chimirri semi gremita, il 10° Consiglio dell’era Rosi risulta privo dei consiglieri Nazzareno Salerno, Bruno Zaffino e del Segretario Lombardi Satriani. Quindi 3 assenti, di cui solo gli ultimi 2 giustificati: allegheranno certificato medico.

Si inizia proprio con la rissa/non rissa tra il Sindaco ed il Segretario Comunale. Rosi smentisce tutto: “Non ho aggredito nessuno!”. Noi ci crediamo. Ma allora come mai nella stessa giornata, Salerno, capogruppo PdL ha contattato telefonicamente il Segretario “contuso” per esprimergli solidarietà? Mistero buffo.

Punto I: rendiconto finanziario 2011.

Pubblicato in POLITICA

mini 404596_508392025838353_1913095502_nSERRA SAN BRUNO - Se nell’almanacco dei Guinness World Records 2012 ci fosse stato posto per i Consigli comunali più brevi e sdolcinati della terra, oggi tutto il mondo avrebbe parlato di Serra San Bruno. Un Consiglio, ancora di mattina, che si brucia presto. Solo mezz’ora. Le sedie sono quasi completamente vuote. Salerno e Lo Iacono riescono addirittura ad andare d’accordo: un altro record.

Unici punti all'ordine del giorno 2 correzioni. La prima riguarda il Piano di gestione del patrimonio forestale e l’allegato sugli interventi culturali del ventennio 2010/2029. La seconda, inizialmente non prevista ed integrata in ‘zonaCesarini’ solo 4 giorni fa, è relativa alle misure correttive al bilancio pretese dalla Corte dei Conti (delibera n.127/2012). Il che fa presagire che sarà una mattinata tranquilla. Molto tranquilla. Conviene a tutti.

Così, proprio al secondo punto, esordisce dopo un anno e mezzo l’assessore Tassone, che sciorina in 10 minuti le modifiche da apportare al bilancio. Tra cavilli, residui e correzioni la discussione arriva alla tassa per lo smaltimento dei rifiuti. Argomento che fa rivivere, per un solo istante, il brivido blu delle mischie del Consiglio di 9 giorni fa. Lo Iacono prova a dare sapore al confronto: “L’introito che scaturisce dall’aumento del 43% della TARSU non reca benefici economici all’ente, visto che metà di questi fondi devono essere girati direttamente nelle casse dell’azienda creditrice Ielapi”. L’aumento della TARSU assicura al Comune un’entrata di 130mila euro. Ogni viaggio della Ielapi, la ditta privata che ha effettuato il prelievo, lo smaltimento ed il trasporto di rifiuti solidi urbani e di quelli ingombranti da Serra a Lamezia per 2 mesi, ci costerà 320euro IVA esclusa. Ben 72.365euro in totale. Paradossalmente la discussione si rasserena. La seduta sembra addormentata, con maggioranza ed opposizione assopite come se avessero ancora i pigiami addosso. Troppa calma. Un motivo in più per ritornare ai Consigli serali.

Il punto passa con il favore della maggioranza. Si astengono in 3: i consiglieri d’opposizione presenti, Federico e Lo Iacono, più Bruno Zaffino, consigliere di maggioranza tornato in aula dopo l’assenza della seduta scorsa.

Degno di nota l’atteggiamento di fredda indifferenza reciproca fra il capogruppo PdL Salerno ed il sindaco Rosi. L’ennesima mattinata passata senza guardarsi mai negli occhi. Neanche per un secondo. Eccetto quando lo stesso Salerno ‘invita’ il sindaco, come fece anche nello scorso Consiglio, a cambiare metodo di gestione, esortandolo ad “iniziare ad usare finalmente il pugno di ferro”. Ma al di là di tutto, almeno per questa volta, nessuno ha abbandonato anzitempo la seduta. 

Pubblicato in POLITICA

mini serra_san_brunoSERRA SAN BRUNO – Con l’autunno e con le prime foglie che si lasciano candidamente cogliere dal vento, torna la voglia di fare politica, quella strana arte, che nella definizione di Taillerand, consisterebbe nell’«agitare il popolo prima dell’uso». Non è ancora finita l’era della provincia di Vibo Valentia che già il comprensorio serrese si vede proiettato verso due competizioni elettorali, l’una connessa all’altra. La prima consiste in quella nazionale, siamo a sei mesi dalle elezioni politiche con le quali, si spera, dovremmo dare un nuovo governo al paese più ingovernabile d’Europa. La seconda è, diciamolo pure, eventuale.

Pubblicato in POLITICA

 

mini municipio_serraQuella di domani sarà l'occasione per "elencare, senza timore di essere smentiti, tutta una serie di attività amministrative dei precedenti sindaci Salerno e Censore che con i loro espedienti, chi indebitando il Comune per mascherare la propria incapacità politica ad ottenere finanziamenti pubblici, chi contraendo prodotti finanziari per ottenere un po' di liquidità necessaria alla propria visibilità, hanno fortemente ingessato il bilancio dell'Ente". Ad intervenire sulla delibera della Corte dei Conti, dalla quale emergono presunte irregolarità nella gestione del bilancio, è l'ex primo cittadino Raffaele Lo Iacono il quale, per la mattinata di domani, alle ore 11, presso la sala giunta del Comune, ha organizzato una conferenza stampa unitamente al collega dell' Udc Giuseppe Raffele ed a Maria Abronzino, Francesco Bonazza, Antonio Procopio e Biagio Vavalà, già assessori della precedente amministrazione."I sottoscrittori - affermano gli esponenti politici -  intendono chiarire in merito a quanto nei giorni scorsi  è stato impropriamente addebitato alla precedente amministrazione sulla situazione finanziaria del Comune di Serra San Bruno e stigmatizzare l'inconcludente quanto dubbio, sotto ogni profilo, operato della maggioranza pidiellina". 

Pubblicato in POLITICA
Pagina 1 di 3

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno