mini provincia-vibo“È una situazione inaccettabile che non siamo più disposti ad tollerare”. È un fiume in piena il vicesindaco di Dasà, Raffaele Scaturchio, nel condannare senza mezzi termini la situazione di degrado ed abbandono in cui versano le arterie della nostra provincia ed, in particolar modo, la Marepotamo-Dasà e quella che conduce dal piccolo centro del Vibonese a Serra San Bruno. “Il neo commissario della Provincia di Vibo, Lucia Iannuzzi – prosegue Scaturchio – ha il dovere di dare le risposte che i cittadini attendono da anni perchè, ormai, il nostro territorio è abbandonato da tutti”. La denuncia del delegato all'Ambiente del Comune di Dasà arriva dopo che, nel mese di maggio, i sindaci del comprensorio avevano incontrato l'ex commissario della Provincia, Mario Ciclosi, il quale aveva garantito che, quanto prima, l'Ente sarebbe intervenuto per risolvere la situazione, stilando altresì una graduatoria d'intervento dei comuni del comprensorio. Impegno, questo, che sembra essere venuto meno non appena Ciclosi ha rassegnato le dimissioni: la Provincia, infatti, sembra essere intenzionata a dare priorità ai comuni costieri. “Non siamo un territorio di serie B – tuona Scaturchio – e inviterei il commissario Iannuzzi a recarsi di persona per rendersi conto della situazione delle strade ed in quali condizioni i nostri cittadini sono costretti a vivere”. Quello della scarsa manutenzione del manto stradale, però, non è il solo problema sollevato dall'amministratore del Comune di Dasà: “I segnali sono scarsi ed, in alcuni punti, sono addirittura assenti, per via delle erbacce. Non c'è illuminazione ed in alcune zone non sono segnati neppure i pericoli. Capisco – chiosa Scaturchio – che non si hanno fondi, ma quantomeno garantire gli interventi promessi dal commissario Ciclosi”.

 

Pubblicato in CRONACA

 

mini Rete-KalabriaVIBO VALENTIA - Erano entrati in sciopero perché non percepivano lo stipendio e, nonostante il cambio di proprietà, la loro situazione si era ulteriormente aggravata, ma come se ciò non bastasse oggi sono stati licenziati in tronco dall'editore, perché avrebbero "danneggiato l'immagine dell'azienda". E' quanto sta succedendo all'emittente televisiva locale Rete Kalabria, acquisita mesi fa dal gruppo Pubbliemme, di proprietà di Domenico Maduli. Oggi il direttore della rete, dopo aver inviato le lettere di licenziamento, ha letteralmente cacciato via i giornalisti

Pubblicato in CRONACA

mini Rete-Kalabria“Non è tutto oro quello che luccica. A Rete Kalabria i giornalisti non ricevono lo stipendio da otto mesi e, nonostante le reiterate promesse, il Gruppo Pubbliemme, che ha acquisito l’emittente televisiva di Vibo Valentia nel settembre scorso, non ha neppure provveduto a saldare le mensilità correnti”.

Carlo Parisi, vicesegretario nazionale della Fnsi e segretario del Sindacato Giornalisti della Calabria, denuncia la drammatica situazione in cui versano i cinque giornalisti dell’emittente vibonese che, nonostante il passaggio di proprietà, non hanno visto modificare la loro situazione creditoria nei confronti dell’azienda che, anzi, risulta aggravata dalla mancata corresponsione delle due ultime mensilità.

Pubblicato in CRONACA
mini brognaturocartelliDa circa una settimana, almeno toponomasticamente, Brognaturo sembra abbia ormai smarrito la sua identità. Forse a causa di una vendetta consumata a colpi di bomboletta spray o per il semplice passatempo del solito buontempone, qualcuno - con evidentemente molto tempo libero a disposizione - nottetempo, si è divertito a colorare e cancellare con lo spray nero le scritte che direzionano l’accesso al paese. La segnaletica stradale , oltreché all’ingresso di Brognaturo stesso, è stata sabotata in diversi altri punti: lungo tutto il corso della Trasversale delle Serre, nelle vicinanze di Cardinale, in prossimità di Soverato e degli altri centri abitati della costa ionica. Decine di cartelli sono stati quindi completamente imbrattati di vernice nera, tanto da occultare completamente il nome della cittadina. 
 
I più informati hanno subito legato il fatto alle recenti vicissitudini che hanno esortato il parroco Alessandro Iannuzzi ad abbandonare il suo incarico pastorale a Brognaturo. Un idillio poco benevolo quello fra il prete dimissionario ed il piccolo centro dell’entroterra Vibonese. Don Iannuzzi, originario di Cardinale, giovanissimo, a soli 30 anni, era approdato proprio a Brognaturo nel settembre del 2011 per esercitare l’incarico di rettore del Santuario della Madonna della Consolazione. Ma la sua permanenza nel centro delle Serre si era rivelata complicata fin da subito, tanto che – pochi giorni fa – dopo mesi e mesi di dissidi con parte della comunità locale ha deciso di chiedere al Vescovo il trasferimento definitivo in altra sede. La situazione – a dire di molti – era ormai precipitata, tanto che il paese si era spaccato in due perfette fazioni: una a sostegno di Don Iannuzzi, l’altra totalmente avversa. Lo stesso parroco aveva denunciato di aver ricevuto più volte intimidazioni, attraverso numerose lettere e telefonate minatorie, tanto da essere ormai seriamente preoccupato per la sua incolumità fisica. Ora che il cambiamento di sede richiesto da Iannuzzi è stato accordato – in attesa di una nuova guida spirituale - rimane un paese di sicuro pronto a voltare pagina, ma con la segnaletica stradale imbrattata di nero e con l’animo ancora più logorato e diviso. 
Pubblicato in CRONACA

mini brognaturo_vescovoBROGNATURO – Alla fine tra i "servi disobbedienti" e la Curia è prevalso il buon senso e per quella che l’arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace Mons. Vincenzo Bertolone ha definito "una giornata di pace", il Santuario della Madonna della Consolazione ha visto la presenza di quasi tutto il paese. La vicenda che ha visto protagonista il borgo dell’entroterra vibonese con la popolazione spaccata a metà che dibatteva sulla presenza o meno in parrocchia di don Alessandro Iannuzzi, reo di avere introdotto delle "riforme" alle consuetudini e alle tradizioni religiose locali, ha visto un lieto fine senza nè vincitori e nè vinti.

Pubblicato in CRONACA

mini BROGNATURO_chiesaBROGNATURO – Scortato come un arbitro di terza categoria. Ciò che stiamo per raccontare, però, non è una partita di calcio ed i protagonisti non sono esagitati tifosi ed un direttore di gara distratto. La storia che ci accingiamo a narrare ricorda, forse, uno dei gustosi racconti di Guareschi. Un episodio da strapaese che rimanda ad un’Italia da anni Cinquanta. Una storia iniziata lo scorso mese di agosto, quando il compianto don Francesco Timpano, in seguito ad un malore lascia per sempre i suoi parrocchiani di Brognaturo. In paese arriva un nuovo prete, don Alessandro Iannuzzi. L’accoglienza è calorosa, l’atmosfera serena; tutto sembra lasciar presagire che, tra il parroco e la comunità dei fedeli possa scoccare l’idillio. Passano poche settimane e la situazione muta radicalmente, il nuovo sacerdote inizia ad introdurre qualche novità che fa storcere il naso ai più. Si giunge così alla notte di capodanno, quando, contravvenendo ad una secolare tradizione, il sacerdote si rifiuta di accompagnare il simulacro del bambinello in giro per le case. Inizia, così, un lungo braccio di ferro.

Pubblicato in CRONACA

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno