mini photo11Con l'inizio della novena dedicata a San Nicola, gli abitanti di Spadola, attingendo alla tradizione religiosa (di matrice pagana), hanno ringraziato il loro santo inscenando il consueto rogo del marinaio “Puricineja”, (fantoccio fatto di paglia). Questo particolare è rappresentativo della conversione di alcuni marinai che nel 300 e più d.c. (Nicola di Bari morì nel 343) vennero salvati dal Signore invocando l'intercessione di San Nicola. Inoltre, il rogo della “restuccia” (paglia) sarebbe il ringraziamento che i fedeli fanno nei confronti del loro protettore per aver ricevuto il primo raccolto.

Di seguito il racconto del miracolo e il servizio fotografico del singolare evento:

Questo “Puricineja” raffigura uno dei tanti miracoli compiuti dal nostro San Nicola. Tutto avvenne nell'anno 300 d.c. quando una ciurma di marinai, abituati a ruberie e violenze, navigavano verso Mira. All'improvviso furono sorpresi da una violenta tempesta. In pericolo di vita, i marinai chiesero aiuto al Signore invocando l'intercessione del vescovo Nicola. Il nostro San Nicola apparve loro e li aiutò a guidare l'imbarcazione. Appena raggiunto il porto di Mira, i marinai non videro più Nicola e vollero ringraziare Dio per averli salvati. Entrati nella chiesa, dove Nicola era vescovo, lo ringraziarono ricevendo l'invito a vivere sulla via della virtù e del bene.

mini photo1 mini photo2
mini photo3 mini photo4
mini photo5 mini photo6
mini photo7 mini photo8
mini photo9 mini photo10

 

Pubblicato in CULTURA

mini bruno_zaffinoSERRA SAN BRUNO - Passerà il Natale in carcere l'ex assessore comunale Bruno Zaffino. Il Tribunale del Riesame ha rigettato il ricorso presentato dal suo legale di fiducia, Giovanni Vecchio, opponendosi quindi alla scarcerazione del consigliere comunale eletto con il Pdl. Zaffino è stato arrestato lo scorso 13 novembre nell'ambito dell'operazione "Saggezza" condotta dalla Dda e dai carabinieri di Reggio Calabria. L'indagine, che ha portato a 39 arresti in diverse province della Calabria e nel Nord Italia, ha portato alla luce l'esistenza di un organismo intermedio di raccordo tra le cosche della 'ndrangheta, denominato "Corona", che si colloca a metà tra il "locale" e il "mandamento". Per Bruno Zaffino, eletto consigliere comunale nel maggio 2011 con un boom di consensi e nominato assessore nella giunta Pdl guidata da Bruno Rosi - poi defenestrato all'improvviso alla fine del 2011 - i magistrati reggini hanno formulato l'accusa di violenza privata aggravata dal metodo mafioso.

Pubblicato in CRONACA

mini acqua_serraSerra San Bruno si scopre un'altra volta arida, prosciugata all'improvviso del suo bene più prezioso. Quasi da due giorni senz'acqua, i serresi si ritrovano esasperati dai disagi che sono costretti ad affrontare. Dall'amministrazione comunale il buio totale: nessuna informazione ufficiale, nessun avviso ai cittadini, solo qualche parola confusa, condita da timide rassicurazioni poco credibili anche alle orecchie di chi le pronuncia. Al solito, quando si tratta di acqua, nessuno ha idea di cosa fare, di come risolvere il problema. Un paese allo sbaraglio, in balìa degli umori velenosi dell'Alaco, dell'inefficienza di Sorical e dell'ignavia dell'amministrazione Rosi.

L'anno scorso ci trovammo all'improvviso a secco sotto un metro di neve.

Pubblicato in POLITICA

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno