premio letterario tropeaIl Premio Internazionale di poesia "Tropea: Onde mediterranee" è giunto alla sua XI edizione. Ideato dal professore, nonché scrittore, Pasquale De Luca, lo stesso nasce con l'obiettivo di scoprire nuovi talenti della poesia anche tra i più giovani. Il Premio si articola in sei sezioni alle quali ogni aspirante poeta può partecipare. Ogni sezione viene denominata "Onda": nella prima confluisce la poesia inedita dei bambini della scuola elementare; nella seconda la poesia inedita in lingua italiana per adulti; nella terza la poesia inedita in vernacolo (che può essere inviata in qualsiasi forma dialettale purché italiana); nella quarta la poesia edita in lingua italiana; nella quinta la poesia inedita in lingua straniera; nella sesta la poesia inedita italiana per adulti e studenti di ogni età con tema specifico "I valori della donazione e della vita", ideata per sensibilizzare le persone alla donazione e promuovere l'attività sociale portata avanti dall'associazione Avis.

L'associazione "Tropea: Onde mediterranee", nella persona del prof. De Luca, attraverso il Premio Internazionale vuole «promuovere l’amore per la poesia, far conoscere nuovi poeti, le loro opere e la loro libertà espressiva, senza condizionamenti ideologici, politici, religiosi, di nazionalità, o di altro genere» come previsto anche dall'art. 4 dello Statuto dell'associazione stessa.

Per tutti coloro che volessero partecipare, Il termine ultimo per l'invio delle opere è il 28 febbraio. Ulteriori notizie sul Premio sono disponibili sul sito-web ufficiale www.tropeaondemediterranee.it.


Pubblicato in CULTURA

mini Carabinieri-sorianelloRiceviamo e pubblichiamo

In qualità di difensore di fiducia del Sig. D.E. ed in relazione all'articolo di giornale pubblicato sulla testata online 'Il Vizzarro' in data 8 novembre c.m., realtivo ad una presunta truffa operata dal mio assistito nei confronti di alcuni anziani residenti nel comune di Nardodipace, Vi comunico quanto segue:

Il Sig. D.E. non è stato mai arrestato dalla stazione carabinieri di Serra San Bruno. Il mio assistito è venuto a conoscenza di essere indagato dalle principali testate giornalistiche calabresi, le quali hanno riportato notizie assai contestabili. Lo stesso 'Vizzarro', fa riferimento a fatti estremamente gravi e definitivi, come se il Sig. D.E. sia già stato soggetto ad una condanna definitiva, in aperta violazione con l'articolo 27 della Costituzione italiana. 

In realtà il procedimento penale (di cui il mio assistito non conosce la reale esistenza) si trova nelle primissime fasi delle indagini preliminari. Ad ogni modo, già in questa fase, riusciremo a dimostrare l'assoluta estraneità dello stesso ai fatti contestati. 

Vi invito pertanto a voler rettificare le notizie riportate dall'articolo di giornale in oggetto sulla base di quanto sopra indicato.


Avv. Tommaso Scerbo

Pubblicato in CRONACA

 

mini SSL20420È uno dei tanti atti incendiari che, negli ultimi mesi, hanno interessato la cittadina bruniana. L’ennesimo di una lunga serie. Nella serata di ieri, infatti, intorno alle 22 e 20 è stata data alle fiamme una Fiat Uno della Croce Rossa Italiana, parcheggiata in via Scopelliti, nel centro cittadino. L’ autovettura, nonostante l’intervento dei Vigili del Fuoco, è andata distrutta, anche se i danni maggiori si sono concetrati soprattutto all'interno. Sul posto, sono intervenuti anche gli agenti del locale commissariato di Polizia, diretti dal commissario capo, Antonio De Tommaso, i quali hanno subito avviato le indagini per cercare di capire l’origine del gesto e stabilire se si è trattato o meno di un incendio doloso. A tal proposito, si attende la perizia dei Vigili del Fuoco. Attualmente, però, c’è massimo riserbo da parte degli inquirenti, anche se i dubbi e le perplessità permangono.

Pubblicato in CRONACA
Giovedì, 28 Febbraio 2013 14:03

Serra, la Coldiretti mette radici in città

mini logo_coldiretti_calabria
Riceviamo e pubblichiamo
 
 
La Coldiretti mette radici nel paese della certosa. Alle 16 e 30 di oggi, infatti, la principale organizzazione italiana degli imprenditori agricoli aprirà un proprio sportello in via Aldo Moro. Ad inaugurare il nuovo ufficio, destinato a diventare un punto di riferimento per quanti espletano la loro attività lavorativa nel mondo dell'agricoltura, ci sarà il presidente della sezione vibonese, Domenico De Paola ed i direttori interprovinciali di Catanzaro, Crotone, Vibo Valentia, Pietro Bozzo e Piero Sirianni. A fare gli onori di casa ci penserà, invece, la neo referente di zona Francesca Squillace. L'organizzazione, il cui acronimo significa Confederazione nazionale coltivatori diretti, è stata fondata nel 1944 da Paolo Bonomi con l'intento di offrire sostegno sindacale a piccoli imprenditori agricoli. Oggi, con un milione e seicentomila associati, l'organizzazione ha esteso il proprio raggio di azione che spazia dal settore agricolo a quello della pesca. In particolare, nel corso degli ultimi anni, al fine di supportare ulteriormente la rete dei piccoli produttori, Coldiretti ha lanciato "Campagna amica". L'iniziativa, nell'offrire agli agricoltori l'opportunità di sviluppare la prima catena di vendita diretta di prodotti ,ha avuto il merito di favorire il progetto di una filiera agricola tutta italiana. La presenza di Coldiretti nel territorio serrese rappresenta, quindi, una buona opportunità per quanti operano in un settore produttivo tanto difficile, quanto ricco di potenzialità in espresse.
Pubblicato in CRONACA

mini pro_loco_mongianaMONGIANA – In occasione della settimana nazionale sulla sclerosi multipla, una delle malattie più diffuse, non sono in Italia ma anche nel resto del Mondo che colpisce il sistema nervoso centrale, la Pro Loco di Mongiana ha organizzato nei giorni scorsi un seminario illustrativo dal titolo: “Oltre la sclerosi multipla”. Nel corso dell’incontro, è stato tracciato un breve bilancio sull’ attività svolta dall’ Aism (Associazione italiana sclerosi multipla) in questi anni e sui traguardi raggiunti dalla ricerca scientifica. In particolare, dopo il saluto di Francesco Aloi, presidente della Pro Loco, che si è soffermato sull’importanza del seminario quale "strumento di diffusione e di informazione sullo stato della malattia e dei malati", il dottor Bruno Iorfida ha illustrato e raccontato la storia di Mongiana e delle Reali Ferriere, sottolineando altresì che "queste iniziative di carattere culturale servono ulteriormente a diffondere la conoscenza e creare un punto di riferimento per le persone affette da sclerosi multipla". Presente anche Salvatore Lico, presidente della sezione provinciale dell’ Aism di Vibo Valentia che, dal canto suo, ha descritto il lavoro svolto in questi anni dall’associazione. Successivamente, la vicepresidente provinciale Francesca Martorana, con l’ausilio di alcune slide, ha fatto leva sulla storia della sezione vibonese dell’ Aism. Nel concludere i lavori, Angela Martino, referente dei volontari e presidente Fish (Federazione italiana superamento handicap), proiettando filmati e documentari, si è soffermata sull’importanza della lotta alla sclerosi multipla mediante la ricerca e sul coinvolgimento di tutte le persone affette da questa grave malattia in un ambizioso progetto di cooperazione. Il seminario, dunque, sembra avere gettato le basi per un ulteriore collaborazione tra la Pro Loco di Mongiana e l’ Aism vibonese, nonché tra i tanti cittadini che hanno preso parte alla manifestazione, consapevoli che la sclerosi multipla si può e si deve sconfiggere.

Pubblicato in CRONACA

mini C5_giovanile_aicsGli obiettivi prefissati sono stati raggiunti. Del resto, non poteva essere altrimenti, considerata la dedizione di quanti hanno contribuito alla riuscita dell’evento. L’ Associazione italiana cultura e sport “Polisportiva delle Serre”, presieduta da Francesco De Caria, può ritenersi soddisfatta per come si è concluso il 1° campionato di calcio a 5 giovanile, al quale hanno preso parte ben 35 calciatori, tutti di età compresa tra i 6 e gli 11 anni. Alla cerimonia di chiusura erano presenti anche i vertici catanzaresi dell’ Aics, che si sono congratulati con lo stesso De Caria e con il segretario Andrea Capone per l’ottimo lavoro svolto in queste settimane. Al termine degli incontri, si è proceduto alla consegna ad ogni atleta dell’ attestato di partecipazione e della medaglia. Premiati il miglio giocatore (Flavio Marino), il miglior giocatore della categoria Primi calci (Lucas Siciliano), il miglior giocatore della categoria Pulcini (Maicol Simonetta), il miglior giocatore della categoria Esordienti (Luigi Valente) ed il capocannoniere del torneo (Simone Zaffino). In chiusura, il presidente dell’ Aics “Polisportiva delle Serre”, Francesco De Caria, ha ringraziato le attività commerciali che hanno contribuito alla riuscita dell’evento e tutti coloro i quali si sono prodigati alla sua realizzazione: l’istruttore educatore Furino De Caria, i collaboratori Brunello Albano, Gianni De Raffele e Francesco Franzè, e l’arbitro Giuseppe Dominelli. Il locale circolo dell’ Associazione italiana cultura e sport ha annunciato che farà il possibile per ripetere il campionato di calcio a 5 giovanile anche nei prossimi anni.

Pubblicato in SPORT

mini profondo20nero_72dpi1

Un lungo filo nero che si dipana per quasi tre lustri. Un filo, con il quale vengono tessute trame impiegate per nascondere la verità. Una lunga sequenza di fatti che, intrecciandosi, formano il ginepraio nel quale si perde la verità su alcuni degli episodi più misteriosi della storia d’Italia. La morte del presidente dell’Eni, Enrico Mattei, la scomparsa del giornalista dell’ Ora di Palermo, Mauro De Mauro, il massacro, all’Idroscalo di Ostia, dello scrittore Pier Paolo Pasolini. E’ una ricostruzione attenta, dettagliata, meticolosa, quella che Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza, con l’ausilio del materiale documentale proveniente dall’inchiesta condotta dal pm Vincenzo Calia, mettono insieme, in “Profondo Nero”, Chiarelettere editore. Un volume avvincente, che prende le mosse dalla morte di Enrico Mattei, avvenuta nel 1962 in seguito alla caduta dell’aereo sul quale viaggiava. Un fatto strano, anomalo, troppo frettolosamente archiviato come semplice incidente. Eppure, fin dai giorni successivi a quel tragico 27 ottobre 1962, le voci che circolano parlano di sabotaggio. Un’ipotesi tutt’altro che improbabile. Il dinamismo di Mattei aveva creato, infatti, le condizioni perche in tanti ne potessero desiderare l’uscita di scena. Nel corso degli anni, più volte, è stata avanzata l’ipotesi che dietro il disastro aereo ci fosse la mano delle Sette sorelle o dei servizi segreti americani o inglesi. In “Profondo Nero”, invece, viene riproposta una pista interna, tutta italiana. E proprio la scoperta di questa pista e dei suoi occulti manovratori, sarebbe all’origine della misteriosa scomparsa del giornalista Mauro de Mauro. Secondo gli autori, impegnato nella sceneggiatura per un film di Francesco Rosi che doveva ricostruire gli ultimi giorni di vita di Mattei, De Mauro avrebbe scoperto i registi del sabotaggio all’aereo di Mattei, partito da Catania e caduto nella campagne di Bascapé, nel pavese. Una scoperta che sarebbe costata la vita, anche, a Pier Paolo Pasolini che, in uno degli appunti, misteriosamente spariti, di “Petrolio”, il romanzo rimasto incompiuto, avrebbe tracciato il volto degli oscuri manovratori dei più inquietanti episodi della vita pubblica italiana. La scomparsa e l’uccisione di De Mauro e Pasolini sarebbero quindi tenuti insieme dalle inconfessabili verità legate all’uccisione di Mattei. Un assassinio, quello del presidente dell’Eni, che  avrebbe spostato l’asse della storia, condizionando la vita pubblica italiana fino ai nostri giorni. 

 

Titolo: Profondo nero

Autore: Giuseppe Lo Bianco - Sandra Rizza

Editore: Chiarelettere

Pagine 295

Prezzo: € 14,60

 

 

Pubblicato in CULTURA

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno