sala operatoriaLa carenza di anestesisti in organico presso l’Azienda sanitaria di Vibo Valentia sta continuando a provocare forti criticità nelle strutture ospedaliere dell’intero territorio provinciale. Singolare era stato il caso del presidio sanitario serrese, l’ospedale ‘San Bruno’, che nella primavera scorsa, per diverse settimane, si era ritrovato completamento privo di personale preposto allo svolgimento delle attività di anestesia e rianimazione, in quanto i due professionisti presenti in pianta organica si trovavano entrambi assenti dal servizio, causa malattia. La carenza aveva indotto i vertici del presidio a dichiarare il “default”, consigliando, addirittura, il trasferimento dei pazienti considerati gravi verso lo ‘Jazzolino’ di Vibo. L’assenza aveva per altro determinato lo stop delle attività di rianimazione destinate alle urgenze del Pronto Soccorso e del reparto Medicina, agli interventi effettuati nella sala operatoria di Chirurgia e a tutti i casi di Radiologia contrastografica. A distanza di mesi la situazione non è migliorata di molto, visto che attualmente in organico al ‘San Bruno’ vi è un solo anestesista. Condizione, dunque, a dir poco fragile, che rischia ancora oggi di mettere definitivamente ko il presidio serrese.

Per correre ai ripari ed ovviare all’insorgere di nuove pericolose emergenze sanitarie - che potrebbero registrarsi di nuovo oltreché nell’ospedale di Serra, anche in quelli di Vibo e Tropea - il nuovo direttore generale dell’Asp Vibonese, Florindo Antoniozzi, ha emanato ieri un avviso pubblico per la formazione di una graduatoria composta da anestesisti e rianimatori da utilizzare però soltanto per la sostituzione del personale assente per «gravidanza, puerperio e malattia».

Il provvedimento è consequenziale alla delibera dell’1 agosto scorso e prevede, dunque, non il potenziamento delle piante organiche dei tre presidi del Vibonese, ovunque sottodimensionate, ma piuttosto l’identificazione di figure professionali da utilizzare all’occorrenza, ossia quando gli anestesisti di ruolo si trovano impossibilitati a prestare servizio. Sulla questione, piuttosto, di recente era stato sollecitato l’avvio delle attività burocratiche utili alla deroga del famigerato “blocco del turnover”. Necessità più che impellente che era stata riportata nel corso di un incontro istituzionale, tenuto a Roma da esponenti politici del territorio alla presenza del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Un incontro che si è però dimostrato con il tempo un buco nell’acqua, visto che ancora oggi non si è arrivati concretamente ad attuare alcuna deroga al divieto di assunzione di nuovo personale medico e paramedico. Si continua, insomma, a porre in essere interventi soltanto palliativi a favore di una sanità, quella del Vibonese, ormai ridotta al lumicino.

- Ospedale San Bruno in tilt. Proposto il trasferimento dei pazienti da Serra verso Vibo

Pubblicato in CRONACA

linguablueDopo i casi riscontrati a Mileto e Filogaso, un altro allevamento è stato posto sotto sequestro per il rinvenimento di capi di bestiame affetti da Blue tongue (Lingua blu), malattia contagiosa dei ruminanti.

Il provvedimento di sequestro ha interessato un allevamento ubicato a Simbario, conseguentemente al quale al proprietario è stato vietato di introdurre altri esemplari e di trasportare fuori dall'azienda foraggi, attrezzi ed oggetti che potrebbero favorire la diffusione della malattia. Il bovino malato e tutti quelli sospetti dovranno essere separati da quelli sani. Il personale del servizio veterinario dell'Asp è stato incaricato di dare esecuzione all'ordinanza.

Pubblicato in CRONACA

 

 

mini leonardoSarà senza dubbio gremita la Chiesa dell’Assunta in Cielo di Terravecchia questo pomeriggio alle 15, quando la cittadinanza porgerà l’ultimo mesto saluto al maestro Leonardo Tassone, storico costruttore e suonatore di zampogna “a chiave”, la regina delle Serre calabre. Leonardo si è spento a 74 anni, alle prime luci dell’alba di ieri, arrendendosi, ormai sfinito, al feroce male che lo ha divorato lentamente in quasi tre anni di malattia. Una malattia che aveva affrontato comunque con signorile lucidità, sempre pronto a vivere la quotidianità con la sua nota, disarmante spensieratezza.

Pubblicato in CULTURA

mini pro_loco_mongianaMONGIANA – In occasione della settimana nazionale sulla sclerosi multipla, una delle malattie più diffuse, non sono in Italia ma anche nel resto del Mondo che colpisce il sistema nervoso centrale, la Pro Loco di Mongiana ha organizzato nei giorni scorsi un seminario illustrativo dal titolo: “Oltre la sclerosi multipla”. Nel corso dell’incontro, è stato tracciato un breve bilancio sull’ attività svolta dall’ Aism (Associazione italiana sclerosi multipla) in questi anni e sui traguardi raggiunti dalla ricerca scientifica. In particolare, dopo il saluto di Francesco Aloi, presidente della Pro Loco, che si è soffermato sull’importanza del seminario quale "strumento di diffusione e di informazione sullo stato della malattia e dei malati", il dottor Bruno Iorfida ha illustrato e raccontato la storia di Mongiana e delle Reali Ferriere, sottolineando altresì che "queste iniziative di carattere culturale servono ulteriormente a diffondere la conoscenza e creare un punto di riferimento per le persone affette da sclerosi multipla". Presente anche Salvatore Lico, presidente della sezione provinciale dell’ Aism di Vibo Valentia che, dal canto suo, ha descritto il lavoro svolto in questi anni dall’associazione. Successivamente, la vicepresidente provinciale Francesca Martorana, con l’ausilio di alcune slide, ha fatto leva sulla storia della sezione vibonese dell’ Aism. Nel concludere i lavori, Angela Martino, referente dei volontari e presidente Fish (Federazione italiana superamento handicap), proiettando filmati e documentari, si è soffermata sull’importanza della lotta alla sclerosi multipla mediante la ricerca e sul coinvolgimento di tutte le persone affette da questa grave malattia in un ambizioso progetto di cooperazione. Il seminario, dunque, sembra avere gettato le basi per un ulteriore collaborazione tra la Pro Loco di Mongiana e l’ Aism vibonese, nonché tra i tanti cittadini che hanno preso parte alla manifestazione, consapevoli che la sclerosi multipla si può e si deve sconfiggere.

Pubblicato in CRONACA

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno