mini manifestazione_24_marzoSERRA SAN BRUNO - Gli attivisti del Comitato Pro-Serre stanno ancora portando avanti l'occupazione del palazzo municipale. Accampati con mezzi di fortuna, una ventina di militanti hanno trascorso la nottata nell'atrio del Municipio, occupato ieri pomeriggio al culmine dell'imponente manifestazione che ieri mattina ha attraversato la cittadina bruniana. Le ragioni della protesta, com'è noto, riguardano il pesante ridimensionamento inflitto con i tagli della sanità all'ospedale "San Bruno", ridotto ai minimi storici con solo 20 posti letto di medicina. Da ieri sera la casa comunale è un viavai di gente che va a dare sostegno agli occupanti. In un clima di collaborazione con i serresi e con le forze dell'ordine, gli attivisti hanno incassato la solidarietà di tanti concittadini molto sensibili alla questione ospedale.

Pubblicato in CRONACA

mini liberaHa sempre parlato di zona grigia, don Ciotti. Lo ha fatto l’ultima volta due giorni fa, a Genova. “Il problema vero – ha detto – è la zona grigia del Paese, perché la forza della mafia non sta dentro, ma fuori dalla mafia, nella zona grigia costituita dalla politica, dal mondo dei professionisti e degli imprenditori”. Secondo don Ciotti, le zone grigie “sono anche nella Chiesa”. C’è una porzione di società, dunque, molto consistente, che fa da cuscinetto, da imbottitura esterna al malaffare, alla criminalità, a ciò che viene comunemente racchiuso nella definizione di mafia. Di zona grigia da colpire, d’altronde, molti magistrati parlano da anni. In Calabria qualcosa, timidamente, comincia a venire alla luce. A squarciare il velo sono stati molti uomini dello Stato coraggiosi, e da ultimo un colonnello dei Ros, Valerio Giardina, che ha condotto le migliori operazioni contro la ‘ndrangheta degli ultimi anni. Ora vedremo se verrà smentito, boicottato, isolato, o se le sue parole, frutto di indagini accurate, serviranno a fare luce su questa famigerata zona grigia. E non si faccia l’errore di pensare che sia un problema di una sola parte politica: la ‘ndrangheta è trasversale, in Calabria sta con chi vince, anzi con chi fa vincere. Ma la zona grigia esiste solo nei contesti metropolitani, o è presente, con un maggiore grado di inabissamento, anche nel profondo della provincia calabrese?

Prendiamo Serra, che domani ospiterà un evento importante, non solo una cerimonia, ma una manifestazione in memoria delle vittime innocenti delle mafie destinata a lasciare il segno. La manifestazione di Libera arriva in un momento particolare, difficile. Serra ha assistito ad un delitto, quello di Pasquale Andreacchi (sequestrato, picchiato selvaggiamente e ucciso con un colpo di pistola in fronte), che, con ogni evidenza, è stato catalogato, un po’ da tutti, come omicidio di serie b. Caso archiviato, nessuno che fa chiasso, un ragazzo massacrato, nessuna giustizia. La zona grigia tace, e chi tace fa parte della zona grigia.

Ma Serra vive un momento particolare anche dal punto di vista politico, ammesso che le questioni a cui si accenna rientrino davvero in questo ambito. Il 29 novembre in Consiglio comunale i vertici dell’amministrazione cittadina hanno affermato che la giunta Rosi è il meglio che si potesse esprimere; meno di un mese dopo, il 22 dicembre, all’improvviso, un assessore che era stato votato a furor di popolo, Bruno Zaffino, viene estromesso dalla giunta con una motivazione banale, solo formale. Nel Consiglio successivo, giovedì 1 marzo, il sindaco comunica l’avvicendamento in giunta, quindi Zaffino prende la parola e dice: “Sindaco, devi avere il coraggio di sviscerare tutta la verità, perché la verità la sai tu, la so io e la sa tutta la maggioranza”. Da allora pesa sulla massima istituzione cittadina un silenzio imbarazzante, inquietante. Anche perché Zaffino era stato cercato, tesserato e candidato. Si aggiunga uno strano annuncio che, col senno di poi, non può che aumentare i dubbi: in una convention elettorale, alla presenza di Scopelliti, l’allora coordinatore provinciale del Pdl Valerio Grillo aveva annunciato che la lista – che poi avrebbe vinto – sarebbe passata al vaglio della prefettura. Invece ciò non è successo, lo ha confermato il prefetto.

Ebbene, quelle parole di Zaffino sono una macchia su tutta la comunità, perché lasciano intendere che dietro la vicenda potrebbe esserci qualcosa di oscuro, di segreto, di inconfessabile. Ma nessuno, dell’amministrazione comunale, da allora ha detto una parola per smentire, per chiarire, per dissipare le nebbie sulla faccenda. E’ tutto molto grigio insomma. Tra l’altro – è un dettaglio che non c’entra nulla, ma che non si può non ricordare, guardando ai temi della manifestazione di domani – il Consiglio comunale, su proposta della minoranza, aveva deciso all’unanimità di affiggere in municipio la targa con la dicitura “Qui la ‘ndrangheta non entra”. Sono passati quasi 4 mesi, e di quella targa neanche l’ombra.

Il Comune ha dato il patrocinio alla manifestazione di Libera, bene: si dia seguito anche alle parole di don Ciotti, si restituisca credibilità alle istituzioni democratiche. Si faccia, in concreto, luce sulle ombre che in molti, troppi, fanno finta di non vedere.

Pubblicato in LO STORTO
Martedì, 20 Marzo 2012 19:40

Serra, anche il Pd a sostegno di Libera

mini 418110_2825058509933_1363137067_32394325_2041403905_nRiceviamo e pubblichiamo:

Riteniamo doveroso  scendere in piazza a sostegno dell’importante manifestazione che quest’anno l’associazione Libera di Vibo Valentia ha voluto organizzare a Serra San Bruno per ribadire quanto sia importante allargare gli orizzonti della lotta alla criminalità organizzata. L’iniziativa assume  in se un duplice significato: ricordare  tutte le vittime innocenti della mafia e dare slancio alla difesa  della legalità con ogni azione volta al bene collettivo.

Purtroppo, nelle regioni del mezzogiorno ed in particolare in regioni come la Calabria,  la criminalità organizzata ha messo radici in quasi ogni settore della vita economica e sociale ed ha l’aspetto di un giogo che opprime e soffoca la libertà di ogni cittadino.  È nostro obiettivo far comprendere alle nuove generazioni, ma anche a tutta la popolazione, l’importanza delle politiche a sostegno della legalità. Noi crediamo che non ci possa essere nessun tipo di sviluppo se alla base non vi sono regole basate sulla trasparenza e sul rispetto delle regole. Da qui nasce l’importanza di portare avanti una lotta, seria e forte,  a tutti i livelli nel tentativo di riuscire a cambiare incrostazioni culturali che favoriscono il malaffare. Serve , innanzitutto, una battaglia che parta dalle istituzioni nelle quali è necessario estirpare ogni tentativo di condizionamento. Ogni uomo è veramente libero solo se il suo agire e il suo modo di pensare hanno come fondamento un totale ed assoluto rifiuto dell’illegalità, in ogni suo aspetto. Il sostegno ad associazioni come Libera che portano avanti quotidianamente battaglie contro la criminalità organizzata non può e non deve vederci partecipi solo a sporadiche manifestazioni, ma inclini ad un sostegno continuo che deve vedere coinvolti tutti al di là delle appartenenze politiche.  Crediamo che siano importanti anche le azioni di sensibilizzazione che devono partire dalle scuole perché, troppo spesso, i ragazzi subiscono l’illusione che affacciarsi alla criminalità organizzata significa facile successo e realizzazione personale.

Proprio per ribadire con forza questi concetti saremo al fianco degli amici di Libera e del suo presidente don Giuseppe Fiorillo a difesa del nostro territorio  dall’oppressione malavitosa. Per queste ragioni,  invitiamo tutta la popolazione ad unirsi alla manifestazione, contro la mafia, che si terrà a Serra San Bruno. 

Circolo PD Serra San Bruno

Pubblicato in POLITICA

mini libera logoIn vista della XVII Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, che l'associazione antimafia Libera celebrerà a Serra San Bruno il 21 marzo (http://www.ilvizzarro.it/a-serra-il-21-marzo-la-giornata-della-memoria-e-dellimpegno-in-ricordo-delle-vittime-innocenti-della-criminalita-organizzata.html), il Vizzarro.it pubblica alcuni scritti degli studenti dell'Istituto d'Istruzione Superiore "Luigi Einaudi".

Mafia, ‘ndrangheta, sembrano cose distanti anni luce, invece è proprio nel XXI secolo che giorno per giorno si sente che hanno colpito ancora, e che colpiscono in silenzio

Pubblicato in CULTURA
Martedì, 21 Febbraio 2012 15:36

Lamezia, raid vandalico nella scuola antimafia


mini don_g._panizzaRaid vandalico, questa notte, nella scuola media statale "Don Saverio Gatti", nel quartiere Capizzaglie a Lamezia Terme. Ignoti sono entrati nella scuola forzando una finestra e hanno allagato le aule con gli idranti di servizio. Ingenti i danni provocati all’intero edificio. I carabinieri di Lamezia Terme, diretti dal capitano Stefano Bove, hanno trovato i registri e il materiale didattico danneggiato e sparso un po' ovunque. Nei bagni della scuola è stato rinvenuto anche del sangue. L'istituto, un luogo simbolo poiché si trova in una delle zone più difficili della città, ospiterà una parte della manifestazione “Il giorno che non c'è” organizzata dalla Cgil e dalla Comunità Progetto Sud di don Giacomo Panizza (foto). Al momento nessuna pista viene esclusa, ma l'ipotesi più accreditata è che il blitz di questa notte rappresenti un inequivocabile messaggio contro un luogo simbolo dell’educazione alla legalità in aree difficili e contro la manifestazione antimafia prevista per il prossimo 29 febbraio, che è comunque confermata.

Pubblicato in CRONACA
Pagina 3 di 3

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno