Stampa questa pagina
Mercoledì, 26 Gennaio 2022 13:47

FOTOLOGHIE | Affinità (e niente intonaco) tra chi ci amministra e noi

Scritto da Redazione
Letto 1152 volte
Foto di Angelo Maggio (riproduzione riservata) Foto di Angelo Maggio (riproduzione riservata)

Se il “brutalismo” ha affascinato gli architetti sovietici il “non finito” sicuramente affascina i nostri amministratori che, come documenta la foto di Angelo Maggio, usano fabbricati non finiti come sedi di uffici pubblici. Un po' come i calabresi che, per scelta o per necessità, abitano all’interno di fabbricati simili. La bandiere della Regione sventolano a sottolineare il legame tra i calabresi e queste strutture dove l’assenza di intonaco non è oramai nemmeno percepita.

"Fotologhie" è una rubrica settimanale curata da Salvatore Federico e Angelo Maggio. Il primo vive e lavora a Serra San Bruno (qui i suoi reportage), il secondo a Catanzaro (qui il sito dedicato ai suoi scatti sul "non finito calabrese"). Il titolo della rubrica parte dal termine "logos" (in greco antico: λόγος, lógos, corrispondente al latino verbum e all'ebraico דבר davar), deriva dal greco légο (λέγω), che significa scegliere, raccontare, enumerare, parlare, pensare. Maggio e Federico non sono fotografi da cartolina. Una foto, secondo loro, deve far nascere qualcosa in chi la osserva.

Leggi anche:

FOTOLOGHIE | Fontamara*

FOTOLOGHIE | L'organizzazione della dimenticanza

FOTOLOGHIE | Naufragi

FOTOLOGHIE | I colori della lontananza

FOTOLOGHIE | Folkrevival lacerato