Martedì, 19 Ottobre 2021 12:32

A Vibo si spara per un parcheggio. Il nipote di "Peppone" accusato del tentato omicidio nella movida

Scritto da Redazione
Letto 2360 volte

Si è tenuta stamattina alle 11 la conferenza stampa presso la sede del Comando provinciale dei carabinieri di Vibo, di seguito al tentato omicidio di sabato scorso a Vibo. È stato identificato in Francesco Barbieri (20 anni), di Pannaconi (Cessaniti), il presunto autore della sparatoria avvenuta in Piazza Morelli a Vibo. Lo stesso sarebbe il nipote di Giuseppe Accorinti, alias "Peppone", ritenuto il boss di Zungri. Per la Procura di Vibo, guidata di Camillo Falvo, si è trattato di tentato omicidio. Tra le altre cose contestate porto abusivo di arma clandestina e spari in luogo pubblico. ll giovane si sarebbe presentato ieri sera al Comando provinciale dell’Arma di Vibo Valentia accompagnato dall’avvocato Giuseppe Bagnato.

I FILMATI Secondo quanto detto in conferenza stampa, gli spari, che hanno portato al ferimento di Domenico Catania (32 anni), colpito con un colpo al torace, sarebbero partiti di seguito a una discussione per un parcheggio. A sparare è stato Francesco Barbieri il quale è rinchiuso adesso nel carcere di Vibo.

FAMILIARI IMPUTATI IN RINASCITA-SCOTT I fratelli e il padre di Barbieri sono tutti imputati nel maxi-processo Rinascita-Scott con l’accusa di associazione mafiosa.

Secondo quanto detto dal procuratore Camillo Falvo le ricerche continuano adesso al fine di individuare eventuali favoreggiatori o persone che potrebbero essere accusate di omissione di soccorso.

 

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)