Stampa questa pagina
Lunedì, 10 Dicembre 2012 13:21

Auto rubate e 'ripulite' con targhe clonate, i nomi degli indagati

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 6152 volte

mini gdfSono stati resi noti i nomi dei 10 indagati, tutti residenti fra le province di Vibo Valentia e Catanzaro, appartenenti ad una consorteria criminale con sede operativa proprio nel Vibonese, accusati a vario titolo di aver “ripulito” autovetture di gamma elevata e di consistente valore commerciale. Le 9 auto sequestrate dalla Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento della Polizia Stradale di Catanzaro, unitamente a quella di Vibo Valentia, risultate tutte rubate, venivano corredate di targhe e documenti di circolazione clonati ed in seguito ricollocate sul mercato a prezzi “d’occasione”. Una fitta rete di contatti, quindi, ben diffusa sul territorio e a stretto contatto con i potenziali acquirenti che in breve tempo avrebbe promosso un giro d’affari di ben 800mila euro.

I 10 fermati sono:

Giovanni Battista Tassone, 57 anni, pregiudicato, residente a Soriano Calabro (VV);

Giovanni Corrado, pregiudicato, 38 anni, domiciliato a Chiaravalle C.le (CZ);

Adriano Fiorenza, pregiudicato, 38 anni, di S. Caterina dello Ionio (CZ);

Giacomo Nisticò, pregiudicato, 45 anni, residente a Badolato (CZ);

Lorenzo Monteleone, 41 anni, pregiudicato, residente a Catanzaro Lido (CZ);

Ottavio Mantello, 57 anni, pregiudicato, di Cardinale (CZ);

Saverio Sacchinelli, pregiudicato, residente a Pizzoni (VV);

Simone Sacchinelli, residente a Pizzoni (VV);

Francesco Rafele, 44 anni, residente a Pizzo Calabro (VV);

Giuseppe Sessa, 40 anni, domiciliato a Francica (VV).

I 10 avrebbero contribuito a procacciare clienti interessati all’acquisto delle autovetture, svolto il ruolo di intermediari nelle trattative di cessione e ricezione dei veicoli, nonché, nella produzione di certificazioni contraffatti afferenti alle stesse auto. Secondo la Dott.ssa Gabriella Lupoli, G.I.P. del Tribunale di Vibo Valentia, ed il Dott. Santi Cutroneo, Sostituto Procuratore della Repubblica di Vibo Valentia, gli indagati avrebbero clonato il numero di targa, telaio, certificato di proprietà, carta di circolazione ed altri dati identificativi di auto di proprietà di soggetti terzi, totalmente ignari dei fatti, che venivano utilizzati per ripulire le auto rubate, che risultando quindi realmente esistenti e circolanti, potevano di conseguenza aggirare eventuali controlli delle forze di sicurezza, rendendo così le auto immacolate tanto da non farle risultare rubate.

La "clonazione" delle auto di lusso è un fenomeno in preoccupante diffusione sul territorio calabrese, in particolar modo nelle zone a cavallo fra la provincia vibonese e Catanzaro, in cui spesso sono stati proprio gli stessi ignari acquirenti di vetture di provenienza illecita, a scoprire la truffa e a denunciare i fatti alle autorità competenti. L’inganno in diversi casi si sarebbe palesato per tale solo al momento del pagamento del bollo auto che risultava, stranamente già pagato.

Fra i fermati spicca quindi il nome di Giovanni Battista Tassone di Soriano Calabro, già noto agli ambienti giudiziari per essere stato arrestato nell’ambito dell’operazione “Business Cars” nel novembre 2011, quando, dopo le denunce di un imprenditore serrese finito sotto strozzo, venne accusato di appartenere ad un associazione criminale dedita a truffa, usura, estorsione e riciclaggio. Allo stesso Tassone, in seguito all’arresto, la Guardia di Finanza di Vibo Valentia, sequestrò beni ed immobili per un valore di oltre 4milioni di euro, fra cui autovetture e denaro contante per oltre 400mila euro di cui non si era riuscito a provare la legittima provenienza.

Articoli correlati (da tag)