Stampa questa pagina
Mercoledì, 11 Aprile 2018 18:38

"Black Widows", tornano in libertà due dei sette arrestati di Sorianello

Scritto da Redazione
Letto 3030 volte

Il gip del Tribunale di Vibo, Graziamaria Monaco, non ha convalidato il fermo di indiziato di delitto emesso dalla Dda di Catanzaro lunedì scorso, nell'ambito dell'operazione antimafia denominata "Black Widows" contro i clan delle Preserre vibonesi per il tentato omicidio di Giovanni Nesci e del fratello minorenne commesso il 28 luglio dello scorso anno. 

Secondo quanto riportato dall’Agi, lo stesso gip ha invece emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per cinque dei sette arrestati. Tornano pertanto in totale libertà per "difetto di gravità indiziaria" Antonio Farina, 43 anni, di Soriano Calabro (che era finito in carcere con l'accusa di essere uno degli esecutori materiali del tentato omicidio) e Domenico Inzillo, 63 anni, originario di Sorianello, ma residente a Francica, arrestato per detenzione di armi.

Restano invece in carcere: Vincenzo Cocciolo, 30 anni di Gerocarne; Michele Nardo, 47 anni, di Sorianello; Gaetano Muller, 19 anni, di Soriano; Viola Inzillo, 52 anni, nativa di Sorianello, ma residente a Gerocarne e Rosa Inzillo, 50 anni, di Sorianello. Il gip ha poi disposto la restituzione degli atti alla Dda di Catanzaro, ritenendosi territorialmente incompetente.

La Direzione distrettuale antimafia dovrà ora chiedere entro 20 giorni una richiesta di custodia cautelare al competente gip distrettuale.


Leggi anche

- «Anche Bruno Lazzaro sparò ai fratelli Nesci»

- Sorianello, 7 fermi per l'agguato ai fratelli Nesci