Martedì, 13 Maggio 2014 14:15

Comitato Pro-Serre: 'Ospedale "San Bruno" senza anestesisti. Si rischia il blocco totale’

Scritto da Redazione
Letto 1845 volte
mini ospedale_serraQuello che temevamo, e che avevamo prospettato alcuni giorni fa, si è purtroppo puntualmente verificato. L’ultima anestesista in funzione da ormai quasi un mese, 24 ore su 24, all’Ospedale San Bruno, non ha retto il ritmo massacrante alla quale si sottoponeva dal 12 marzo scorso. Anche lei, da oggi, risulta fuori servizio. Ne consegue che il Presidio sanitario serrese non è al momento in grado di eseguire alcun tipo di operazione chirurgica proprio a causa dell’assenza di personale preposto alla funzione di anestesia e rianimazione.
Ma non è questo l’unico reparto a farne le spese visto che, per il ruolo esercitato, la professionista, negli ultimi giorni, era stata chiamata ad occuparsi contestualmente delle urgenze del Pronto Soccorso e del reparto Medicina, di tutti i casi di Radiologia Contrastografica, oltreché degli interventi effettuati nella sala operatoria di Chirurgia. Insomma, da oggi, la quasi totalità delle funzioni espletate da ciò che rimane del Presidio, sono praticamente bloccate. Ciò rende il “San Bruno” un vero e proprio ospedale fantasma.
 
Una situazione inaccettabile, frutto della reiterata indifferenza e del silenzio del Commissario ad acta - ancora in carica - per la sanità calabrese, Giuseppe Scopelliti e dei vertici dell’Azienda provinciale, di fronte agli appelli che da tempo hanno sollevato i cittadini, potenziali utenti del “San Bruno”, stanziati nei 19 Comuni appartenenti al locale Distretto sanitario.
 
Avevamo, infatti, più volte denunciato che la mancanza di interventi chiari, rapidi ed efficaci avrebbe portato alla paralisi totale dell’Ospedale. Sono anni che evidenziamo, senza l’appoggio di nessun partito o movimento, lo stato di gravissima emergenza in cui versa il Presidio serrese e tutta la sanità in provincia di Vibo, a causa anche del sottodimensionamento del personale e della carenza di infermieri, tecnici, medici e anestesisti, ma soprattutto a causa della completa indifferenza espressa da una classe politico-amministrativa, regionale e locale, di centro-destra e di centro-sinistra, che negli anni ha abbandonato il territorio a se stesso, devastando tutto quello che in passato era stato realizzato, Ospedale in primis. 
 
Quanto sta accadendo è vergognoso. Non accetteremo più temporeggiamenti né tantomeno che si continui a lasciare i cittadini, i pazienti, i tanti professionisti in balia della casualità. Chi ne ha responsabilità e competenza esca allo scoperto, una volta per tutte, e ci dica esplicitamente quale futuro ha in mente per questa struttura e per la rete sanitaria che dovrebbe garantire il diritto alla salute dei cittadini di questo territorio. Assumetevi la responsabilità di chiudere questo ospedale se non intende dotarlo delle professionalità necessarie a renderlo in grado di fornire servizi efficienti e all’altezza delle aspettative dei cittadini. Con questo modo di operare si è ormai distrutto un patrimonio di eccellenza. Non accetteremo nuove promesse, vogliamo azioni concrete e immediate, lo chiedono i cittadini ed è un dovere nei confronti dei pazienti che, in questo momento, si vedono privati di ogni diritto alla cura.
 
Comitato Civico pro Serre

Articoli correlati (da tag)

  • Terza categoria | Serrese sconfitta in casa dal Pernocari Terza categoria | Serrese sconfitta in casa dal Pernocari

    Seconda sconfitta su altrettante partite per la Serrese nel girone “F” di Terza categoria.

    Dopo il ko rimediato alla prima giornata sul campo dell’Allarese, l’undici di mister Schinello ha dovuto cedere il passo al Pernocari che, ieri pomeriggio, ha espugnato lo stadio “La Quercia” con il risultato di 2 a 1. Eppure, era stata la Serrese a portarsi per prima in vantaggio con Raffaele Randò al 23’ della prima frazione con un tiro da lontano. Ad inizio ripresa, però, gli ospiti pareggiano i conti grazie a Tavella e, dieci minuti più tardi, il Pernocari sigla la rete decisiva con Mandaradoni.

    Dopo due giornate, la Serrese resta ferma a 0 punti, in compagnia di Real Capo Vaticano e Gerocarne.

    Domenica prossima è in programma la sfida esterna con l’Orsigliadi, squadra attualmente prima in classifica assieme a Filandari e Fulgor Zungri.  

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Tropea, incontro pubblico del comitato per il No Tropea, incontro pubblico del comitato per il No

    TROPEA Si moltiplicano gli incontri per dire No alla modifica della Carta costituzionale. Mercoledì 16 novembre, a partire  dalle 17, nella sala convegni di Palazzo Santa Chiara (Ex Ospedale) sita in Largo Ruffa a Tropea, si terrà un incontro pubblico incentrato sui temi riguardanti la riforma costituzionale Renzi-Boschi.

  • Prima categoria | Zaffino e Giuggioloni ad un passo dal Chiaravalle Prima categoria | Zaffino e Giuggioloni ad un passo dal Chiaravalle

    Con il comunicato ufficiale numero 11 pubblicato nella giornata odierna, il Cr Calabria della Lega nazionale dilettanti ha diramato la lista dei giocatori svincolati ai sensi degli articoli 32, 107, 108 e 109 delle Norme organizzative interne della Figc.

  • Mortalità nelle Serre, a On the news si parla dello studio dell'Istituto superiore di sanità Mortalità nelle Serre, a On the news si parla dello studio dell'Istituto superiore di sanità

    On the news cambia veste e dalle amministrative passa al giornalismo di inchiesta affrontando il tema della mortalità nelle Serre, dopo il preoccupante studio dell’Istituto superiore di Sanità diffuso dal Comitato civico Pro Serre. Ospite il giornalista Salvatore Albanese, anche in veste di presidente del Comitato, assieme al sindaco di Fabrizia Antonio Minniti.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)