Stampa questa pagina
Martedì, 15 Novembre 2016 09:41

Controlli e denunce dei carabinieri sulla Costa degli Dei

Scritto da Redazione
Letto 1242 volte

I carabinieri della Compagnia di Tropea, diretti dal capitano Francesco Manzone, nelle giornate del 12, 13 e 14 novembre hanno effettuato un servizio di controllo del territorio su tutta la Costa degli Dei.

A Limbadi, i militari della locale Stazione, hanno denunciato C.V., classe '84, responsabile del reato di frode informatica. Gli uomini dell'Arma hanno, infatti, accertato che il 32enne avrebbe sottratto ad ignari malcapitati dai propri conti bancari online varie somme di denaro per un importo totale di 5mila euro.

A Joppolo, invece, i carabinieri della locale Stazione hanno deferito in stato di libertà C.F., classe '73, già noto alle forze dell'ordine, responsabile del reato di truffa. In più occasioni, infatti, l'uomo – fingendosi operatore turistico – affittava online ad ignari clienti appartamenti ricadenti nel territorio comunale, appropriandosi della caparra confermatoria, senza essere proprietario di alcun immobile.

Nei centri di Nicotera, Rombiolo, San Calogero, Tropea e Zungri, i carabinieri delle rispettive Stazioni hanno provveduto a denunciare sette uomini, tutti responsabili di porto ingiustificato di armi. A seguito di perquisizioni personali e veicolari, sarebbero stati trovati in possesso di coltelli a serramanico del genere vietato ed oggetti atti ad offendere. Le armi, in questo caso, sono state poste sotto sequestro.

A Ricadi, i carabinieri della Stazione di Spilinga hanno deferito in stato di libertà C. A., classe '39, sorvegliato speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di Spilinga, poiché responsabile della violazione degli obblighi imposti dalla sorveglianza speciale di P.S. L'uomo avrebbe omesso di presentarsi presso gli uffici della Stazione carabinieri al fine di apporre la firma di controllo sull’apposito registro.

A Nicotera, i militari della locale Stazione hanno denunciato C.N., classe '85, responsabile del reato di guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Il 31enne sarebbe stato, infatti, sorpreso alla guida della propria autovettura Fiat 600 in stato di alterazione psico-fisica dovuta all’assunzione di sostanze stupefacenti, confermata dagli accertamenti ematici e tossicologici eseguiti presso locale nosocomio. Gli uomini dell'Arma hanno, dunque, provveduto a ritirare i documenti di guida e di circolazione.

Sempre nel corso del servizio sono stati eseguiti, ma con esito negativo, 4 perquisizioni domiciliari, 13 veicolari e 20 personali; segnalati 5 giovani al prefetto di Vibo Valentia quali assuntori di sostanze stupefacenti e sequestrati, a Nicotera, 100 grammi di marijuana rinvenuti in un terreno demaniale.