Martedì, 25 Febbraio 2020 15:19

Coronavirus, l'annuncio del governo: in Calabria le scuole rimangono aperte

Scritto da Redazione
Letto 811 volte

No alla chiusura delle scuole in Calabria, almeno per il momento. A ribadirlo è stato il presidente del consiglio Giuseppe Conte, secondo il quale «nelle zone che non sono focolaio del virus non si giustifica la chiusura delle attività scolastiche. L’Italia - ha aggiunto il premier - è stata divisa in 3 zone: quelle focolaio, dove valgono le misure restrittive varate; un secondo livello, che si estende alle aree circostanti che presentano episodi da contagio indiretto e un terzo livello che riguarda il resto d’Italia», dove «non ha ragione di esistere la sospensione di attività scolastiche». La presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, aveva formulato al governo una proposta che prevedeva la chiusura delle scuole e delle università, la sospensione delle manifestazioni pubbliche, nonché misure relative al controllo aeroportuale per in transito nazionale.

Sulla vicenda sono intervenuti anche i vescovi della Conferenza episcopale calabra. «Dinanzi all’epidemia coronavirus (COVID-19) - hanno scritto i vescovi in una nota - è opportuno prendere precauzioni igienicosanitarie, seguendo scrupolosamente le istruzioni del Ministero della Salute e dei medici di famiglia. Ai presbiteri chiediamo di sostenere i fedeli con sapienza evangelica, trasmettendo loro fiducia, serenità, prudenza e buon senso. Presentiamo a Dio nostro Padre con la preghiera soprattutto gli ammalati, gli anziani, quanti operano nel settore sanitario e le famiglie eventualmente coinvolte con il contagio o sono in quarantena nelle “zone rosse”. Questi, carissimi, sono momenti in cui dobbiamo confidare particolarmente nella potenza dell'Eucaristia, nella forza della preghiera e nella efficacia della penitenza, perché il Signore ci liberi e ci preservi da questo e da ogni altro male.  Invitiamo, pertanto, tutti i presbiteri, i consacrati ed i fedeli a pregare con fervore il Signore di liberarci da ogni male e, in particolare, dal coronavirus. Invocheremo soprattutto l’intercessione della Beata Vergine, Salus infirmorum e affidiamoci alla protezione dei nostri santi Patroni, in particolare san Francesco da Paola affinché, per carità, ci liberi dal contagio e guarisca i malati; sant’Antonio Abate, protettore contro ogni tipo di contagio; san Giorgio Megalomartire, sotto Diocleziano, invocato nelle malattie contagiose, santi Cosma e Damiano e san Rocco». La Conferenza episcopale calabra, inoltre, fa sapere che, «unitamente ai comportamenti prudenziali ed ai suggerimenti del Ministero della Salute, nelle nostre comunità cristiane di tutte le diocesi della Calabria, per tutto il tempo necessario, adotteremo le seguenti misure: svuotare le acquasantiere; evitare di bagnarsi gli occhi con l’acqua benedetta in occasione dell’imposizione delle ceneri; evitare il segno della pace durante la Messa; dare la comunione solo sulla mano; evitare la comunione sotto le due specie; evitare, come in uso in molte delle nostre comunità parrocchiali le condoglianze, al termine dei funerali, dei trigesimi e degli anniversari; lavarsi bene le mani (presbiteri, diaconi, ministri dell'eucarestia)».

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno