Stampa questa pagina
Lunedì, 07 Marzo 2016 14:55

"Insomnia", usura a un commerciante vibonese: sei condanne

Scritto da Redazione
Letto 1888 volte

Sono complessivamente sei le persone condannate a pene comprese tra i sei ed i tre anni di reclusione nell'ambito del processo con rito abbreviato scaturito dall'inchiesta "Insomnia", che prende piede dall'ominima operazione portata a termine nel novembre del 2014 dai carabinieri del Reparto operativo di Vibo e coordinata dalla Dda di Catanzaro, la quale ha svelato un vasto giro di usura ed estorsione ai danni di Giuseppe Baroni, commerciante vibonese di abbigliamento ed oggetti preziosi. 

Il gup del tribunale di Catanzaro, Giuseppe Perri, ha condannato alla pena di 6 anni di reclusione Gaetano Antonio Cannatà; a 4 anni Francesco Cannatà e Giovanni Franzè; a 3 anni e 4 mesi Damiano Pardea; a 3 anni Alessandro Marando e a 5 anni Salvatore Furlano.

Il giudice per le udienze preliminari ha condannato gli imputati anche al risarcimento delle parti civili, ossia Giuseppe Baroni - rappresentato dall'avvocato Michele Gigliotti - e la fondazione antiusura 'Interesse Uomo', seguita dal legale Josè Toscano.

Articoli correlati (da tag)