GIRDA ROTTAMI
Sabato, 05 Dicembre 2020 10:15

L'antica tecnica della tintura con grafite di Monterosso utilizzata per il lancio della Fiat Nuova 500

Scritto da Redazione
Letto 843 volte

Monterosso Calabro ha avuto un ruolo fondamentale nel custodire gelosamente nei millenni una tradizione che sta adesso via via guadagnandosi la ribalta della rivoluzione green mondiale. Già ai tempi dei romani nel borgo dell’Angitolano, unico paese in Italia ad avere una miniera di grafite, era in uso la tecnica della tintura dei capi con l’utilizzo di questo minerale a base di carbonio e completamente atossico. Da qui un lavoro frutto di ricerca e sviluppo che ha portato Ward alla creazione di Graphi-Tee Endorsed by Perpetua, la prima t-shirt trattata con la grafite di scarto dei processi industriali di produzione di Perpetua la matita. Un’idea che nel 2017 si è meritata l’importante successo nel prestigioso Red Dot Design Awards e che è adesso alla base di un’importante collaborazione. La rivoluzione green continua infatti a scrivere nuovi capitoli tinti di grigio grafite, tanto che l’antica tecnica di Monterosso, proprio grazie a Wrad, è stata sviluppata per celebrare il lancio della Fiat Nuova 500, eterna icona del Made in Italy. Si tratta di una capsule innovativa frutto quindi della collaborazione dinamica con Wrad e ispirata alla sostenibilità con l’intenzione di re-immaginare la felpa, capo iconico di Fiat, e veicolare i valori della Nuova 500: sostenibilità, innovazione e tecnologia. Il tono di grigio di ogni capo è dunque ottenuto con g_pwdr technology, un processo di tintura che ricicla grafite altrimenti scartata, con un recupero fino a 40 grammi di grafite per ogni capo. Ma oltre all’aspetto industriale e tecnologico, com’è facile intuire, dietro la nuova campagna di lancio c’è una valenza sociale proprio perché questa scelta permette di perpetuare una tradizione di tintoria che rischiava di perdersi per sempre. Per più di 2mila anni, come già detto, dai tempi dell’antica Roma, in Calabria la comunità di Monterosso Calabro ha utilizzato la grafite naturalmente presente nel territorio per tingere i vestiti. Tradizione in disuso dal 1940 che Wrad ha però riscoperto grazie proprie alle anziane signore di Monterosso Calabro e re-immaginato in chiave contemporanea ed innovativa. Ogni capo della capsule per la Nuova 500 è inoltre dotato di una smart label con tag NFC per consentire ai clienti di accedere, in ogni momento, attraverso il proprio smartphone, ad informazioni verificate sulla sua origine e sul suo processo produttivo. Una tecnologia, questa, resa possibile grazie alla sinergia con l’azienda bresciana.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)