Stampa questa pagina
Lunedì, 29 Novembre 2021 12:30

Mongiana, il magistrato Anna Maria Frustaci incontra gli alunni dell’Istituto comprensivo di Fabrizia

Scritto da Redazione
Letto 1034 volte

La sala convegno del Museo della Reale Fabbrica D’Armi di Mongiana ha ospitato venerdì scorso un evento organizzato dall’Istituto comprensivo di Fabrizia. Ospite d’onore Anna Maria Frustaci, magistrato della Procura di Catanzaro attiva nella lotta contro la ‘ndrangheta e impegnata in prima linea nel maxiprocesso Rinascita Scott. Dopo le relazioni introduttive di don Ferdinando Fodaro e della dirigente Maria Carmen Aloi, la pm ha dialogato con la giornalista Maria Chiara Caruso, raccontandosi apertamente. Dalla propria infanzia, agli studi fino al proprio lavoro destando un grande interesse nei giovani studenti presenti in aula. I ragazzi, dal canto loro, hanno presentato i frutti dei loro lavori facendone infine omaggio al magistrato. Le parole di Anna Maria Frustaci hanno toccato l’animo di tutti i presenti, anche dei più grandi.

«In particolar modo - si legge in una nota del sindaco Francesco Angilletta - la definizione rivolta ai più giovani che rappresentano il “presente futuro” dà un senso maggiore al lavoro che dovremmo fare tutti per garantire ai ragazzi delle condizioni ottimali per poter studiare e costruire il loro avvenire e quello delle comunità in cui vivono. La speranza è quella di vedere i nostri ragazzi intraprendere percorsi per poter risollevare il destino dei nostri territori. Le parole dette da una donna calabrese che è riuscita a emergere in una terra con una così forte tradizione patriarcale e che è diventata tanto determinante - conclude la nota - fa ben sperare e dimostra che le cose possono cambiare. Come sindaco sento di voler ringraziare l’Istituto comprensivo di Fabrizia per averci dato la possibilità di assistere ad una manifestazione così straordinaria e mi auguro che ce ne possano essere ancora tante per trattare i temi sociali ed ambientali fondamentali per la rinascita della nostra bellissima terra».