Mercoledì, 22 Febbraio 2017 11:07

Nuovo rinvio del processo sull'Alaco. Ora incombe il rischio prescrizione

Scritto da Redazione
Letto 1801 volte

Potrebbe concludersi con un nulla di fatto l'inchiesta relativa al processo “Acqua sporca”, al centro della quale vi è il bacino artificiale dell'Alaco, gestito da Sorical, posto sotto sequestro dalla Procura della Repubblica di Vibo Valentia nel maggio del 2012 e ritenuto da molti la causa principale dell’inquinamento dell’acqua nel capoluogo, in molti Comuni del Vibonese e in alcuni del Catanzarese.

A seguito, infatti, di quattro rinvii dell'udienza preliminare, nella giornata di ieri sarebbe dovuto partire il processo ma a causa di un difetto nella notifica del decreto l'udienza è stata nuovamente rinviata al prossimo 23 maggio. La prescrizione, dunque, si avvicina: i reati contestati, infatti, sono riconducibili a fatti che sarebbero avvenuti tra il 2009 e il 2011 e, di conseguenza, saranno prescritti nel 2018. 

Il rinvio a giudizio è stato disposto nei confronti di 16 persone: Sergio Abramo, ex presidente della Sorical e attuale sindaco di Catanzaro; Giuseppe Camo, presidente pro tempore del Cda Sorical; Maurizio Del Re, amministratore delegato Sorical; Sergio De Marco, direttore generale tecnico Sorical; Giulio Ricciuto, responsabile del compartimento area centro e degli impianti di potabilizzazione; Ernaldo Antonio Biondi, responsabile per la zona di Vibo; Vincenzo Pisani, addetto al servizio interno analisi di laboratorio e processi di trattamento delle acque; Massimiliano Fortuna; Pietro Lagadari (assistente ai lavori di manutenzione della Sorical); Domenico Lagadari (operaio generico della Sorical); Fabio Pisani, responsabile pro tempore dell'ufficio tecnico del Comune di Serra San Bruno; Roberto Camillen, responsabile pro tempore del settore manutentivo del comune di Serra; Francesco Catricalà, dirigente dell'unità operativa igiene, alimenti e nutrizione del distretto dell'Asp di Soverato; Fortunato Carnovale, dirigente dell'unità operativa igiene della nutrizione dell'Asp di Vibo; Rosanna Maida, dirigente del servizio Attività territoriale e prevenzione e promozione della salute del settore Area-Lea, Domenico Criniti, all'epoca dei fatti sindaco di Santa Caterina dello Ionio. 

Gli imputati sono accusati a vario titolo di avvelenamento colposo di acque, omissione di atti d'ufficio, interruzione di un servizio di pubblica utilità e inadempimento di contratti di pubbliche forniture.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)