Sabato, 16 Novembre 2019 12:54

Residui oleari nel fiume, sequestrato un frantoio nel Vibonese

Scritto da Redazione
Letto 1218 volte

I militari della Stazione carabinieri forestale di Spilinga, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio eseguito in località “Cusura” a Rombiolo, hanno accertato un caso di abbandono di rifiuti liquidi, costituiti da reflui oleari, all’interno di un fosso demaniale, da parte di un opificio dedito alla molitura delle olive.

I rifiuti, secondo i carabinieri, venivano stoccati in alcune vasche di raccolta per poi essere convogliati, tramite un tubo, in un pozzetto di raccolta, a sua volta collettato a una condotta sotterranea in pvc, della lunghezza di circa 150 metri. I reflui, dopo aver percorso per ruscellamento circa trecento metri, si riversavano all’interno del fosso demaniale denominato “Petruso”. Il titolare dell’opificio (P. D., di Rombiolo) è stato identificato e deferito, in stato di libertà, all’autorità giudiziaria per abbandono di rifiuti liquidi sul suolo e in acque superficiali, deturpamento di bellezze naturali, getto pericoloso di cose, inquinamento ambientale in zona vincolata.

Il frantoio oleario, le vasche di stoccaggio e la condotta sono stati sottoposti a sequestro preventivo.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno