Venerdì, 30 Agosto 2013 13:33

Simbario. La fabbrica “tascabile” dei fratelli Tassone finisce su 'La Repubblica'

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 3300 volte

 

mini personal_factoryUn vero esempio di Calabria vincente, capace di inventare ed esportare in tutto il resto del mondo un prodotto considerato da tanti la scoperta del decennio. Succede a Simbario, dove la Personal Factory, grazie ai fratelli Francesco e Luigi Tassone, ha ormai conquistato la ribalta internazionale. “Formule in rete e robot visionario: il business che tagli i costi in edilizia” ha titolato l’edizione odierna de La Repubblica.it, dando ampio lustro a quell’innovazione di frontiera che, partendo dal piccolo borgo dell’entroterra vibonese, ha destato l’interesse dei produttori internazionali, fino alla Cina. Una piccola macchina, “tascabile”, capace di produrre in loco centinaia di malte diverse abolendo del tutto la logistica. 
 
Come “un fiore nel deserto”, in una regione resa zoppa da mille malanni - primo fra tutti quello della corruzione - brilla quindi un’innovazione capace di meritarsi nel giro di pochi mesi tre milioni di euro circa di investimenti: un nuovo modello produttivo che permette agli imprenditori del comparto edile di miscelare e produrre direttamente a casa propria le polveri per ricavare intonaci e calcestruzzo. 
 
“A che serve spedire in tutto il mondo, quando ciascuno può prodursele da solo direttamente con i materiali trovati sul posto?”, spiega Francesco Tassone a La Repubblica che - con in tasca una laurea in ingegneria conseguita a Trento ed una specializzazione oltre frontiera, a Valencia in Spagna - nel 2006 ha deciso di costruire il primo prototipo della sua ingegnosa creazione: l’Origami, un robot muratore grazie al quale si possono ottenere “centinaia di prodotti diversi”. Lo stesso Francesco Tassone, 33enne, dopo mille peripezie burocratiche, è riuscito a dare vita alla sua geniale creazione con non pochi sacrifici, tanto da decidere, addirittura, di impegnare un appartamento di famiglia per ricavare i finanziamenti utili alla costruzione del prototipo che, una volta completato, ha destato l’appetito degli investitori privati. Nel 2008 arriva la svolta: ottiene un milione e 300 mila euro da due venture capital, che permetteranno alla Personal Factory di approdare, niente meno che, all’Expo di Shangai 2010. 
Ma, nonostante tutto, per Francesco un pizzico di amaro in bocca rimane, tanto che agli stessi cronisti di Repubblica confida:  "Qui in Italia non ci sono banche né Stato. La domanda che ci stiamo facendo adesso è: cresciamo o restiamo in Calabria? Una regione marcia a tutti i livelli, dal consiglio regionale fino all’usciere, dove se non ti raccomandi non esisti. Ecco perché nessuno vuole investire da queste parti. Quelli bravi se ne sono andati tutti". 
 
Rimane l’orgoglio di aver attirato l’attenzione dei media nazionali e – soprattutto – di avere in mano un prodotto vincente. Una piccola scommessa di “periferia” che si espande in tutto il mondo e lentamente lo conquista. 
 
Cliccando sul link sottostante, è possibile visualizzare l'articolo pubblicato su 'La Repubblica'

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • Simbario, l'acqua è di nuovo non potabile Simbario, l'acqua è di nuovo non potabile

    SIMBARIO - Dall’inconveniente tecnico all’ordinanza di limitazione dell’uso di acqua potabile. A distanza di pochi giorni, dopo alcuni guasti registrati sulla rete idrica, il territorio comunale di Simbario torna a vivere il grosso disagio derivante dall’uso dell’acqua potabile. Questa volta però la limitazione non riguarda interventi tecnici di manutenzione bensì «la non conformità ai parametri microbiologici sui campioni di acqua prelevati».

  • Guasto alla rete idrica, Simbario rimarrà senz’acqua dalle 12 alle 20 Guasto alla rete idrica, Simbario rimarrà senz’acqua dalle 12 alle 20

    SIMBARIO - Dopo i disagi subiti durante la stagione estiva, con le ordinanze di non potabilità del luglio scorso e vari interventi tecnici alla rete, il territorio comunale di Simbario sarà sprovvisto di acqua durante la giornata odierna, dalle 12 e alle 20 a causa di «un  guasto alla rete idrica». Lo fa sapere il sindaco Ovidio Romano attraverso un avviso pubblicato sull’albo online. La situazione dunque, dovrebbe ritornare alla normalità nella tarda serata, di seguito agli interventi di manutenzione avviati nella mattinata dall’amministrazione comunale del piccolo centro montano.

  • Simbario, ordinanza del sindaco: l'acqua torna potabile Simbario, ordinanza del sindaco: l'acqua torna potabile

    Il primo cittadino di Simbario, Ovidio Romano, con una ordinanza emessa nella giornata odierna, ha disposto la revoca di un'altra ordinanza, del 21 luglio scorso, tramite la quale il sindaco del piccolo centro del Vibonese aveva deciso il divieto dell'uso dell'acqua ai fini del consumo umano. 

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)