Lunedì, 30 Gennaio 2012 17:00

Sorianello, incendiata la chiesa di San Bruno per la seconda volta in pochi giorni

Scritto da Redazione
Letto 2087 volte

mini sorianelloPer la seconda volta in pochi giorni è stata incendiata la chiesetta dedicata a San Bruno che si trova a Sorianello nella Valle dei Mulini, poco distante dalla strada che collega il piccolo centro dell'Alto Mesima a Soriano. Dopo che era stato incendiato il portone principale del luogo di culto, questa volta è toccato alla porta della sagrestia, da dove si è propagato un incendio, evidentemente doloso, che ha causato ingenti danni alla chiesa. Ieri mattina di buon'ora alcuni passanti si sono accorti del fumo che fuoriusciva dall'edificio ed hanno subito allertato le forze dell'ordine e i Vigili del fuoco, che alla fine hanno domato l'incendio. La comunità di Sorianello, con in testa il sindaco Sergio Cannatelli e il parroco don Nicola Grillo, aveva già reagito con indignazione al primo incendio, che aveva danneggiato tra le altre cose anche l'impianto elettrico. Ora, dopo il secondo grave episodio

, cresce ulteriormente la condanna unanime contro un gesto che rappresenta un oltraggio all'intera comunità locale. Intanto pare che le forze dell'ordine siano sulle tracce del misterioso piromane, che potrebbe avere le ore contate. La chiesetta della Valle dei Mulini, costruita nei primi anni del '900, oltre che un valore affettivo e spirituale per i fedeli, riveste anche un certo interesse dal punto di vista della tradizione popolare locale; pare infatti che il tempio sia stato dedicato a San Bruno poichè in questo luogo, ai piedi di un ulivo secolare, il Santo di Colonia secondo la leggenda si sarebbe fermato per riposare nei suoi viaggi tra l'eremo di Serra e Mileto.

Articoli correlati (da tag)

  • In fiamme due ruderi disabitati a Gerocarne In fiamme due ruderi disabitati a Gerocarne

    Un nuovo incendio ha interessato il territorio delle Serre.

  • Sorianello, colpito alla testa con una mazza da baseball: 4 persone in manette Sorianello, colpito alla testa con una mazza da baseball: 4 persone in manette

    Tentato omicidio. Di questo dovranno rispondere quattro cittadini rumeni, tratti in arresto dai carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal tenente della Compagnia di Serra San Bruno, Mattia Ivano Losciale: si tratta, nello specifico, di Vasile Stoica, di 23 anni; Patru Gheorghita, di 34 anni, e dei fratelli Ionut Marin Farcasi, di 28 anni, e Ionel Cruti Farcasi, di 35 anni, tutti operai, residenti nel centro dell'Alto Mesima. 

  • Tentata estorsione ad un imprenditore del Vercellese: arrestato 25enne di Sorianello Tentata estorsione ad un imprenditore del Vercellese: arrestato 25enne di Sorianello

    Tentata estorsione.

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Bruno Greco
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)