Stampa questa pagina
Sabato, 12 Novembre 2016 15:19

Zibibbo, il presidio Slow food di Pizzo è realtà

Scritto da Redazione
Letto 1563 volte
Un momento dell'inaugurazione del presidio Slow food Un momento dell'inaugurazione del presidio Slow food

PIZZO Un’altra eccellenza vibonese potrà godere del certificato di qualità grazie al prestigioso riconoscimento di Slow food. «In Sicilia sono arrabbiati, perché anche loro hanno lo Zibibbo e si sentono esclusi. E per lo stesso motivo sono arrabbiati anche a Bagnara, in provincia di Reggio Calabria. Ma l'uva Zibibbo di Pizzo ha caratteristiche peculiari, che ne fanno un prodotto unico che esiste soltanto qui».

Nicola Fiorita, presidente di Slow food Calabria, non usa mezze misure per spiegare i motivi che hanno spinto l'associazione internazionale no profit, impegnata a difesa delle produzioni alimentari di qualità, a istituire un presidio dedicato esclusivamente allo Zibibbo che si coltiva nel territorio compreso tra Pizzo e il bacino dell'Angitola. Una scelta pienamente consapevole quella argomentata da Fiorita, «con alle spalle oltre un anno e mezzo di lavoro, fatto di studi, ricerche storiche e riscontri qualitativi».

Il nuovo presidio Slow food, presentato ufficialmente ieri sera a Pizzo, consacra definitivamente nel gotha dei prodotti agroalimentari italiani di massima eccellenza la secolare uva bianca che cresce solo sui terrazzamenti assolati esposti alla brezza marina, dalla quale si ricava l'omonimo vino bianco Zibibbo.
«Un risultato - ha continuato Fiorita durante la presentazione del nuovo presidio - ottenuto grazie all'impegno di pochissimi coltivatori, che hanno consentito la sopravvivenza di questa vite, e all'attenzione del Comune di Pizzo, che ha investito risorse economiche in questo progetto e con il quale abbiamo lavorato fianco a fianco per molti mesi».

Un impegno rimarcato anche dal sindaco Gianluca Callipo e dall'assessore alla Cultura Cristina Mazzei, presenti anch'essi ieri alla Tonnara, dove è stato illustrato il nuovo presidio di tutela.

«Siamo orgogliosi di aver dato un contributo concreto alla valorizzazione di questo prodotto della nostra terra - ha detto Callipo -. Un'amministrazione comunale attenta ha il dovere di salvaguardare le risorse del territorio, perché è in questo modo che si generano quei processi virtuosi di sviluppo che poi ricadono positivamente sull'intera comunità. Salvare lo Zibibbo, non significa soltanto tutelare un importante retaggio culturale, ma vuol dire anche innescare effetti a catena nell'economia napitina, dall'agroalimentare al turismo».

Sono appena quattro i viticoltori certificati da Slow food. A rappresentarli c'era Giovanni Benvenuto, che ha spiegato come con rigidi protocolli siano riusciti a salvaguardare una varietà unica di Zibibbo. «Ma senza Comune e senza Slow food - ha detto - non ce l'avremmo fatta a raggiungere questo traguardo».
Gli effetti concreti del riconoscimento si tradurranno nella rete economica di qualità garantita dal nuovo marchio.

Presente all'evento c'era anche il vicepresidente della Regione Calabria, Antonio Viscomi: «A molti potrà suonare strano ma la Calabria prima di essere una regione turistica è una regione agricola. Tutti i dati dicono questo. Eppure la media di terreno coltivato per ogni agricoltore è di appena 4,2 ettari, a fronte di una media europea di 24 ettari. Questo vuol dire che qui esiste ancora un'agricoltura di sussistenza. Per crescere, dunque, bisogna cambiare mentalità, mettersi insieme e fare rete, valorizzando i territori, non intesi però come soli confini comunali. Per competere sui mercati, l'agricoltura calabrese non può puntare sulla quantità, perché su questo ci batteranno sempre, ma deve scommettere sulla qualità, che richiede alta professionalità e una solida etica produttiva. E il nuovo presidio Slow food dello Zibibbo di Pizzo va proprio in questa direzione».

Articoli correlati (da tag)