Martedì, 20 Novembre 2012 21:12

Dalla campagna elettorale alla commissione d’accesso: il film dell’amministrazione Rosi

Scritto da Salvatore Albanese - Sergio Pelaia
Letto 2912 volte

mini tretreSERRA SAN BRUNO - Se l’amministrazione Rosi fosse un film, sarebbe stato sicuramente un film alla Tarantino. Popolato da bizzarri personaggi, di passaggi senza tempo, con una trama densa, fatta di avvenimenti apparentemente slegati fra di loro. Senza un filo conduttore temporale. Dove solo a qualche minuto dai titoli di coda, gli anelli ricompongono la catena richiudendola senza la minima sbavatura. È stato così per la maggioranza serrese, ma non solo.

È stato così soprattutto per il “caso Bruno Zaffino”.

PROLOGO.Venerdì 13 Maggio 2011. Siamo agli sgoccioli di un’intensa campagna elettorale in cui diversi oratori del Pdl locale, oggi amministratori, elogiano senza parsimonia dai palchi le doti del candidato Zaffino: “Abbiamo bisogno di mastro Bruno Zaffino, delle sue qualità imprenditoriali. La vecchia amministrazione ha speso oltre 20mila euro per riparare un mezzo. Zaffino, con quella stessa cifra, ne avrebbe acquistati 2 di camion!”. L’ex coordinatore provinciale Pdl Valerio Grillo, di fronte a Scopelliti e a molti serresi, annuncia: “La lista guidata da Bruno Rosi è stata sottoposta al vaglio della Prefettura”. In realtà l’elenco dei candidati del Pdl non arrivò mai sulla scrivania del Prefetto. Dopo 3 giorni, ad urne chiuse, il verdetto indiscutibile: con il 39,2% Rosi straccia le liste concorrenti. È lui il nuovo sindaco di Serra San Bruno.

LA GIUNTA. Giugno. In una Sala Chimirri gremita in ogni ordine di posto, lontana parente di quella attuale, il sindaco Rosi vara la nuova giunta. Fra gli assessori c’è Zaffino: ha contribuito alla causa con ben 224 voti. Gli spetta la delega alla gestione e manutenzione del patrimonio comunale, all’arredo urbano, alla viabilità e all’autoparco. Il Pdl, fresco di vittoria, è euforico.  

LA DEFENESTRAZIONE. Passano 6 mesi. Qualcosa è cambiato. Il 21 dicembre lo spartiacque: il sindaco revoca la delega di assessore a Zaffino “per ridare slancio all’attività amministrativa”. Nel Consiglio comunale successivo, il 3 marzo, viene ufficializzata la sostituzione in giunta. Zaffino, ridotto a semplice consigliere, rimpiazzato da Adriano Tassone, prende la parola. La tensione è palpabile, gli occhi della maggioranza si incollano al pavimento. Teste basse e tanto imbarazzo. L’assessore rimosso non le manda a dire, il tono è fermo: “Che il sindaco abbia il coraggio di sviscerare tutta la verità. Perché la verità la conosco io, la conosce lui, la conosce tutta la maggioranza”. Zaffino parla, accusa, e poi abbandona la sala. Il “Chimirri” sprofonda in un silenzio surreale. La minoranza si indigna e va dal Prefetto. Ma già prima lo stesso Zaffino aveva fatto visita alla Procura, informandola del perché della sua esclusione dalla giunta, con un esposto ben dettagliato: 7 pagine di rivelazioni scomode.

L’ESPOSTO. Zaffino dichiara sin da subito di voler rimanere nella maggioranza. Il resto del Pdl tenta di isolarlo, di rinnegarlo. Sulla questione passano mesi di astratto silenzio. Poi all’improvviso sul “Corriere della Calabria” emergono i fatti e l’esposto dell’ex assessore diventa di dominio pubblico: il sindaco Rosi ed il consigliere regionale Salerno, secondo Zaffino, ci sono dentro fino al collo, perché “per la composizione della lista – si legge nel suo esposto – mi hanno cercato con insistenza” ed entrambi “ben conoscevano, e conoscono, la mia famiglia e dunque erano perfettamente informati che all'epoca uno dei miei figli era fidanzato con la figlia di tal Salvatore Vallelunga all'epoca e ancor oggi detenuto per una pena definitiva".

IL CERTIFICATO. Dalla pubblicazione dell’esposto sul “Corriere della Calabria” emerge un altro fatto inquietante. Appena insediatasi la giunta Rosi, alcuni uomini dei carabinieri si recarono in municipio per richiedere il certificato di rito di Zaffino. Da lì si risale alle parentele dei consiglieri. A riguardo, nell’esposto, lo stesso ex assessore specifica che il sindaco avrebbe “ordinato ad una dipendente dell’ufficio anagrafe di datare i documenti  a prima del 25 agosto, data nella quale mio figlio sposava la figlia di Salvatore Vallelunga”.

SEPARATI IN CASA. Passano i mesi. Zaffino è fuori dalla giunta, ma rimane nel Pdl. Partecipa ai Consigli comunali, non prende mai la parola ma più di una volta vota a favore delle proposte della maggioranza. Si assenta giustificandosi quando in Consiglio si delibera un bilancio di previsione 2013 gonfiato da “strane” spese riconosciute come spese fuori bilancio.

SAGGEZZA. All’alba del 13 Novembre 2012, i Carabinieri del Comando di Reggio Calabria arrestano 39 persone nell’operazione “Saggezza” tra la Locride, Vibo Valentia, Cosenza e Como. Le ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dal Gip del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della Dda. Tra gli arrestati c’è anche l’ex assessore comunale, attuale consigliere di maggioranza, Bruno Zaffino. Accusato di violenza privata aggravata dal metodo mafioso.

ACCESSO ANTIMAFIA. Tuona. La maggioranza minimizza, le parole sono di facciata: la Commissione d’accesso agli atti verrà accolta con serenità, l’arresto di Zaffino non ha nulla a che vedere con l’amministrazione comunale. Si cerca di mettere al riparo l’amministrazione cancellando Zaffino con un colpo di spugna. Il “mastro Bruno Zaffino” della campagna elettorale sembra lontanissimo, adesso. Così il film Rosi, che dura da poco più di un anno e mezzo, fila via come un treno senza fermate, dritto verso l’ultima stazione. Quella dello scioglimento anticipato.

I SIGILLI. La Prefettura, dopo l’arresto di Zaffino, non ha perso tempo. Il caso Serra era già sotto osservazione, ora è diventato priorità. Pochi giorni e si materializzano in municipio i commissari che dovranno indagare sull’amministrazione. Piove sul bagnato. Il sindaco ostenta una serenità fin troppo forzata. Mentre promette collaborazione eterna alla Commissione, i carabinieri cominciano ad entrare in ogni ufficio. Ci rimarranno per 3 mesi, forse 6. Hanno tempo per investigare, ma una cosa i commissari la fanno subito. Mandano a comprare lo scotch. Mettono i sigilli all’intero ufficio del Patto Territoriale. Tutto sotto chiave. Non è un mistero che il Patto sia stato gestito per anni dall’ex sindaco Lo Iacono. E’ altrettanto noto che proprio Bruno Zaffino è stato uno dei beneficiari dei finanziamenti. Forse a tremare non è solo il Pdl. Ad ogni modo, non c’è solo il “caso Zaffino”. In Procura pare ci siano anche altre risultanze investigative sull’amministrazione comunale. Sarà un inverno caldo.

EPILOGO. Il finale del film è ancora tutto da scrivere, ma la sensazione di essere comunque vicini ai titoli di coda è forte. Dopo il periodo commissariale, verrà stilata una relazione che la Prefettura invierà al Viminale. Poi si andrà in Consiglio dei ministri, dove verrà detta l’ultima parola sulle sorti del Comune. Nel 99% dei casi, com’è noto, il finale è sempre lo stesso, e non è lieto. Scioglimento e tutti a casa. Poi il limbo del commissariamento. Così paesi già moribondi si sgretolano, sprofondano sotto il peso di una democrazia malata, di una politica imputridita che lascia pagare ai cittadini le conseguenze delle proprie scelte dissennate. E tutto questo, purtroppo, non è un film.

Salvatore Albanese
Sergio Pelaia

Articoli correlati (da tag)

  • Arresti a Gerocarne, un terreno conteso alla base delle minacce all’avvocato vibonese Arresti a Gerocarne, un terreno conteso alla base delle minacce all’avvocato vibonese

    Le minacce di morte nei confronti di un avvocato vibonese si protraevano da anni, precisamente dal 2015, alla base delle quali ci sarebbe stato un terreno conteso. A distanza di tempo, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Serra San Bruno – supportati nella fase esecutiva dai militari delle Stazioni di Soriano e Vazzano – sono riusciti a individuare i presunti responsabili: si tratta di Giuseppe Donato, di 49 anni, e dei figli Salvatore (24) e Peppino (20), ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di estorsione aggravata continuata, danneggiamento seguito da incendio, detenzione e porto abusivo di pistola.

    Il padre e i due figli sono adesso ai domiciliari.

    Le indagini sono iniziate il 15 ottobre 2017 quando nella frazione Sant’Angelo di Gerocarne, durante la nottata, è stato appiccato un incendio a un capannone di una persona del luogo.  Da lì sono subito scattate le indagini, che hanno consentito di raccogliere utili risultanze investigative in capo ai due giovani con precedenti di polizia. In quella circostanza fu incendiato l’intero immobile dove erano custoditi, oltre ad alcuni capi di bestiame, un trattore che era stato utilizzato il giorno stesso per lavorare all’interno di un fondo agricolo situato in contrada Cerasara a Gerocarne. Ed è stato proprio questo l’elemento che ha indirizzato le indagini: gli inquirenti, infatti, sono riusciti a ricostruire una vicenda che andava avanti già da tempo in relazione alla proprietà del fondo agricolo.

    Il fondo in questione, di proprietà di un avvocato vibonese, era da tempo oggetto di attenzioni da parte della famiglia Donato, che – secondo i carabinieri - cercava di impossessarsene con minacce e pressioni indirizzate al proprietario del fondo e a tutte le persone che si recavano all’interno per lavorarlo.

    I militari, quindi, hanno ricostruito le intimidazioni verso l’avvocato vibonese più volte minacciato di morte anche con l’utilizzo di una pistola indebitamente detenuta. Minacce, queste, che sono iniziate nel 2015 e si sono protratte sino ad oggi, indirizzate sia al legale che a tutte le persone che di volta in volta venivano individuate dal legittimo possessore del fondo per recarsi nel terreno conteso. L’atteggiamento intimidatorio adottato dai due figli e dal padre (quest’ultimo pregiudicato) era volto a far desistere, oltre al proprietario del fondo stesso, tutti i potenziali acquirenti del terreno e non in ultimo, il proprietario del capannone incendiato. Non è un caso, infatti, secondo gli inquirenti, che oggetto del danneggiamento seguito da incendio del 15 ottobre 2017 sia stato proprio il trattore utilizzato il giorno precedente per completare i lavori nel fondo agricolo dell’avvocato.

    Da qui l’accusa per i tre che si sarebbero procurati un ingiusto profitto consistente nel possesso ed utilizzo del fondo ai fini del pascolo con conseguente danno per il legittimo proprietario che non avrebbe potuto esercitare liberamente il suo diritto di proprietà.

    La vicenda trae origine, storicamente, già dai primi anni 2000 quando il terreno era già oggetto di contesa tra il legittimo proprietario e la famiglia Donato. La diatriba è culminata il 23 giugno 2010 in un tentativo di omicidio che sarebbe stato posto in essere da Giuseppe Donato (reato per il quale è stato condannato con pena definitiva) nei confronti dell’avvocato vibonese, legittimo proprietario del terreno agricolo in argomento.

    «La collaborazione delle vittime – ha affermato il capitano della Compagnia di Serra, Marco Di Caprio – è stata fondamentale, in quanto ci hanno fornito da subito le informazioni che hanno poi indirizzato le indagini. Il nostro lavoro è stato quello di riscontrare le informazioni raccolte, per arrivare alle fonti di prova utili a sostenere l’accusa in giudizio. In ogni caso, non emergono contatti con ambienti mafiosi».

     

  • Evade dai domiciliari, arrestato 56enne nel Vibonese Evade dai domiciliari, arrestato 56enne nel Vibonese

    I carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Tropea hanno arrestato ieri per il reato di evasione Raffaele Mileto, 56enne di Nicotera, già sottoposto al regime della detenzione domiciliare per furto aggravato.

    Durante un servizio di controllo del territorio di Joppolo, i militari – transitando per le vie del paese – hanno notato lo strano comportamento dell’uomo che, alla vista dell’auto dei carabinieri, ha cercato di sfuggire all’attenzione dei militari, allontanandosi dalla strada principale. Atteggiamento, questo, che però non è sfuggito ai carabinieri, che hanno riconosciuto il 56enne, il quale si trovava al di fuori della propria abitazione senza alcuna autorizzazione.

    Per questo motivo, Mileto è stato arrestato dai carabinieri per il reato di evasione e posto ai domiciliari su disposizione dell’autorità giudiziaria, in attesa del rito direttissimo.

  • Estorsione a un avvocato, arrestati padre e figli a Gerocarne Estorsione a un avvocato, arrestati padre e figli a Gerocarne

    È in corso, dalle prime luci dell’alba, a Sant’Angelo di Gerocarne, un’operazione dei carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno che stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di tre persone, rispettivamente padre e figli, ritenuti responsabili di estorsione aggravata continuata in danno di un avvocato vibonese, del danneggiamento seguito da incendio di un capannone avvenuto nell’ottobre 2017 e detenzione e porto di pistola.

    Le indagini sono state condotte dai carabinieri del Nucleo Operativo di Serra San Bruno e coordinate dalla Procura di Vibo Valentia.

    I dettagli dell’operazione saranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 10 presso il Comando provinciale dei carabinieri di Vibo Valentia.

  • Nascondeva mezzo chilo di marijuana in un fustino di detersivo, arrestato 37enne a Pizzo Nascondeva mezzo chilo di marijuana in un fustino di detersivo, arrestato 37enne a Pizzo

    È stato arrestato e successivamente posto ai domiciliari D.V., 37enne di Pizzo con precedenti in materia di stupefacenti.

    Durante un controllo alla circolazione stradale, i carabinieri della locale Stazione hanno intercettato l’uomo, il quale appariva da subito particolarmente agitato. Insospettiti da questo comportamento i militari hanno deciso di perquisire l’abitazione del giovane napitino scovando un involucro di cellophane trasparente contenente mezzo chilogrammo di marijuana.

    La vicenda è resa ancor più singolare dal fatto che il giovane, allo scopo di eludere i controlli dei militari, aveva occultato la sostanza all’interno di un fustino di detersivo.

    Il 37enne, dopo essere stato tratto in arresto, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

  • Controlli dei carabinieri nel Vibonese, due arresti a Ricadi Controlli dei carabinieri nel Vibonese, due arresti a Ricadi

    TROPEA – Si intensificano i controlli territoriali da parte dei Carabinieri del Vibonese. Nei giorni scorsi (22, 23 e 24 ottobre), i militari della Compagnia di Tropea hanno effettuato un servizio coordinato di controllo da Zambrone fino a Nicotera che ha portato a 2 arresti a Ricadi.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)