Lunedì, 30 Luglio 2012 14:34

Il buio oltre la targa. Serra: affissa l’effigie antimafia

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 2126 volte

mini 602632_414953511880346_500554742_n«Qui la ‘ndrangheta non entra» recita retorica la targa della Commissione Regionale Antimafia. Proposta dalla minoranza nel dicembre scorso, dopo un viaggio sofferto quanto una gravidanza, finalmente è arrivata. Ora campeggia sprezzante ed orgogliosa sull’uscio del municipio. Ma i serresi, a dire il vero, non se sono ancora accorti. Forse perché nessuno li ha informati della cerimonia di affissione. O meglio, forse perché la cerimonia non c’è mai stata.

Serra non è chiaramente il primo paese a ricevere la targa, ma è l’unico in tutta la Calabria che prima l’ha richiesta e poi l’ha snobbata. Ad esempio a Villapiana, nel cosentino, venne affissa con tanto di benedizione sacerdotale in presenza delle autorità militari. Dalla Capitaneria di Porto alla Compagnia dei Carabinieri. Dal Prefetto all’Ispettore di Polizia.

C’erano tutti. Ed il sindaco disse: “Questa è una giornata storica, contro ogni tentativo di infiltrazione malavitosa che turbi la vita civile e democratica della nostra amministrazione. Villapiana è una città sana e tale rimarrà”. Tutto il paese era in piazza ed applaudì. A San Donato di Ninea, il 4 novembre scorso, la cerimonia fu inserita come evento di apertura di una 3 giorni sulla legalità. Presenziarono il Prefetto, il Vescovo, il Presidente della Commissione Antimafia, il Questore di Cosenza, i Comandanti dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e del Corpo Forestale. Anche a Magarò, nel reggino, la targa venne affissa nel tripudio generale, in occasione del ventennale della morte di Falcone ed in presenza di tutte le scuole del paese.

Insomma ormai l’insegna domina gli ingressi di centinaia di comuni calabresi. Da Reggio a Cosenza, ovunque. Ed ovunque, quando si decide di affiggerla lo si fa in maniera solenne e partecipata soprattutto dai giovani, proprio per spiegare ai cittadini del domani, che attraverso la promozione della legalità e della convivenza civile si possono compiere passi importanti per contrastare la criminalità.

A Serra si è svolto tutto in sordina. Una situazione imbarazzante. Uno scatto e via. Come turisti in ritardo che rischiano di perdere l’aereo e si fotografano in fretta, in primo piano con alle spalle il Colosseo, la torre Eiffel o la Rambla. E poi via, di corsa. Chi si è visto si è visto. Erano solo in 4, come ad un tresette a perdere. Il sindaco, un consigliere e mezza giunta. Nessun altro. Mancavano nomi illustri, mancava ad esempio il capogruppo Salerno o l’assessore spodestato Zaffino. Mancavano in molti. Primi tra tutti i cittadini. E così quella che dovrebbe essere un’importante, seppur simbolica, iniziativa che muove dalla soglia del municipio come esortazione per l’intera collettività, si consuma nel silenzio tipico dell’indifferenza imposta. Un'asserzione che dovrebbe fungere da guida e che invece nasconde un messaggio ottativo, quello del desiderio, o peggio, esortativo, il modo della preghiera. Della speranza illusa.

Articoli correlati (da tag)

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)