Stampa questa pagina
Martedì, 05 Febbraio 2013 13:42

Milano: Berlusconi boccia la sanità di Scopelliti

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 1783 volte
 

mini scopelliti_berlusconiSono tempi duri per il governatore calabrese Giuseppe Scopelliti, sempre più inquilino bistrattato del Pdl nazionale. Dopo la muta rassegnazione alla candidatura di Domenico Scilipoti – calata direttamente da Roma – al sesto posto nel listino calabrese per il Senato, arrivano ancora da Silvio Berlusconi parole e numeri, che non assomigliano neanche lontanamente ad un attestato di stima nei confronti del plenipotenziario presidente/commissario ad acta della sanità regionale, Giuseppe Scopelliti. Un attacco, questa volta ancora più diretto, che rimarca l’inconsistenza politica del governatore calabrese nell’ambito del partito nazionale. 

Infatti, proprio nel giorno della ‘proposta scioccante’ arrivata dalla bocca dello stesso ex premier - che sproloquia di una fantomatica restituzione dell’Imu versata dai contribuenti nell’anno 2012 (ben 3,7 miliardi di euro) – Berlusconi, in una conferenza stampa tenuta ieri a Milano, ha tirato in ballo i conti della Sanità calabrese. Il leader del centro-destra, a conclusione del suo intervento, parlando della riduzione dei costi pubblici statali, ha sottolineato la stretta necessità di “applicare i costi standard nel comparto sanità, perché non è assolutamente corretto che in Calabria si paghi una siringa 10 volte in più rispetto ad una regione del nord Italia”. Poi, non soddisfatto, ha parlato dell’esigenza “di pagare i fornitori in tempi appropriati, cosa che non avviene in Calabria in cui il versamento dei pagamenti avviene in media dopo 870 giorni, mentre in Lombardia in 320 giorni”, quindi quasi il triplo dei tempi. Insomma, vere e proprie strali che, da sempre, dominano il cuore delle campagne elettorale berlusconiane, ma che assai stranamente questa volta vanno a colpire, poco velatamente, un proprio adepto. Perché, come è noto, alla guida della Regione Calabria, nonché della Commissione per l’attuazione del Piano di Rientro dal disavanzo Sanitario regionale, vi è proprio Peppe Scopelliti, giovane governatore rampante in quota Pdl, sponsorizzato alla vigilia della sua elezione del 2010 proprio da Silvio Berlusconi in persona. Parole che hanno quindi eloquenti ripercussioni politiche e che suonano come un’ulteriore bocciatura senza appello per il sempre più strapazzato Peppe Scopelliti.

Articoli correlati (da tag)