Sabato, 09 Aprile 2016 18:44

Referendum, il Comitato pro Serre e il Brigante scendono in piazza per il Sì

Scritto da Redazione
Letto 1516 volte

SERRA SAN BRUNO - «Difendiamo il mare, difendiamo la salute, difendiamo il turismo, il lavoro e lo sviluppo, difendiamo la Costituzione». Il fronte del Sì scende in piazza in occasione del Referendum del prossimo 17 aprile sulle trivellazioni in mare. A partire dalle ore 10 di domani, in piazza Monumento, il Comitato civico pro Serre e l’associazione culturale Il Brigante allestiranno un banchetto al fine di distribuire materiale informativo in vista delle votazioni sul prossimo quesito referendario.

L’invito che i sodalizi fanno alla cittadinanza è di votare Sì per abrogare la norma introdotta dall’ultima legge di Stabilità. «Con la legge si Stabilità 2016 – si legge nella locandina informativa – le licenze già in essere entro le 12 miglia dalla costa sono diventate “sine die”».

«Ferma le Trivelle Al referendum del 17 Aprile VOTA SI. 7 buone ragioni per farlo:

1) Il tempo delle fonti fossili è scaduto: in Italia il nostro Governo deve investire da subito su un modello energetico pulito, rinnovabile, distribuito e democratico, già affermato nei Paesi più avanzati del nostro Pianeta.

2) Le ricerche di petrolio e gas mettono a rischio i nostri mari e non danno alcun beneficio durevole al Paese. Tutte le riserve di petrolio presenti nel mare italiano basterebbero a coprire solo 7 settimane di fabbisogno energetico, e quelle di gas appena 6 mesi.

3) L'estrazione di idrocarburi è un'attività inquinante, con un impatto rilevante sull'ambiente e sull'ecosistema marino. Anche le fasi di ricerca che utilizzano la tecnica dell'airgun (esplosioni di aria compressa), hanno effetti devastanti per l'habitat e la fauna marina.

4) In un sistema chiuso come il mar Mediterraneo un eventuale incidente sarebbe disastroso e l'intervento umano pressoché inutile. Lo conferma l'incidente del 2010 avvenuto nel Golfo del Messico alla piattaforma DeepwaterHorizon che ha provocato il più grave inquinamento da petrolio mai registrato nelle acque degli Stati Uniti.

5) Trivellare il nostro mare è un affare per i soli petrolieri, che in Italia trovano le condizioni economiche tra le più vantaggiose al mondo. Il "petrolio" degli italiani è ben altro: bellezza, turismo, pesca, produzioni alimentari di qualità, biodiversità, innovazione industriale ed energie alternative.

6) Oggi l'Italia produce più del 4o% della sua energia da fonti rinnovabili, con 6omila addetti tra diretti e indiretti, e una ricaduta economica di 6 miliardi di euro.

7) Alla Conferenza ONU sul Clima tenutasi a Parigi lo scorso dicembre, l'Italia -insieme con altri 194 paesi - ha sottoscritto uno storico impegno a contenere la febbre della Terra entro 1,5 gradi centigradi, perseguendo con chiarezza e decisione l'abbandono dell'utilizzo delle fonti fossili. Fermare le trivelle vuol dire essere coerenti con questo impegno». 

(comitato referendario No Triv Basso Jonio catanzarese - e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Articoli correlati (da tag)

  • Stop alle trivelle, a Soverato politica e musica per il Sì al referendum Stop alle trivelle, a Soverato politica e musica per il Sì al referendum

    A meno di una settimana dal voto referendario di domenica 17 aprile, continuano le manifestazioni pubbliche promosse da politica e società civile per di no alle trivelle nel mare calabrese e agli interessi delle multinazionali del gas e del petrolio. Contrariamente ai dettami dei membri del governo nazionale, già sponsor dell’astensionismo, stasera, a partire dalle 19, politica e cultura assieme diranno la loro a Soverato, in piazza Maria Ausiliatrice, a favore del Sì al prossimo quesito referendario, utile all’abrogazione della norma introdotta dall’ultima legge di Stabilità, per porre fine alle licenze di estrazione in essere entro le 12 miglia dalla costa.

  • Referendum, anche la Pro Loco di Serra scende in piazza a favore del Sì Referendum, anche la Pro Loco di Serra scende in piazza a favore del Sì

    Riceviamo e pubblichiamo

    Anche la Pro Loco di Serra San Bruno così come tutte le Pro Loco calabresi si schiera, in vista del Referendum del prossimo 17 aprile, sul fronte del SI per dire stop alle trivellazioni.

  • Sogno di un referendum di mezza estate. E’ giallo sulla consultazione anti-casta Sogno di un referendum di mezza estate. E’ giallo sulla consultazione anti-casta

    mini referendumcastaUn dilemma kafkiano che rimbalza da internet agli uffici elettorali di tutta Italia. Una proposta di referendum che c’è ma non si vede. A Genova e Milano la raccolta firme è partita. Anche a Roma. A Bologna pure ma non si trovano i moduli. A Parma, il nuovo sindaco grillino, paladino della democrazia diretta, non ne vuole parlare. Il sud latita, e non è una novità. Un noir mediatico-burocratico-istituzionale di difficile interpretazione. Una raccolta firme enigmatica proposta da un movimento di cittadini che, al di là dei nobili propositi, ce l’ha messa davvero tutta ad accrescere il caos attorno alla questione. Un polverone che non vuole spegnersi e che arriverà presto nelle stanze della Cassazione. Ma andiamo per gradi. Da qualche mese l’Unione Popolare, questo il nome del movimento promotore, sta sostenendo con una forte campagna su internet il ‘referendum anti-casta’. Anche se in realtà il quesito non andrà ad intaccare tutti i privilegi dei politici, ma solo la diaria. E non sarebbe poco: 4.500 euro, più o meno, al mese.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Bruno Greco
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)