Martedì, 06 Marzo 2012 20:01

Serra, caso Zaffino: nota della minoranza sull'incontro con il Prefetto

Scritto da Redazione
Letto 1991 volte

mini minoranza_serraRiceviamo e pubblichiamo: 

Ci riteniamo ampiamente soddisfatti dall’esito del colloquio avuto con S.E. il prefetto in merito all’ormai famigerato “caso Zaffino”. Gli elementi emersi nel corso dell’incontro, durato oltre un’ora, rappresentano la garanzia che desideravamo ricevere prima di  procedere alla revoca della nostra autosospensione. Possiamo, pertanto, ritornare in consiglio con la consapevolezza di non essere soli a combattere l’indispensabile battaglia per la legalità. Del resto, la tempestività con la quale siamo stati convocati in prefettura ed il tempo dedicato, nonostante gli innumerevoli impegni, da S.E. il prefetto, rappresentano la prova provata dell’allarme destato dal “caso Zaffino”.

Per senso di responsabilità e per la delicatezza del tema, riteniamo opportuno non divulgare il contenuto del lungo e proficuo colloquio. Tuttavia, giudichiamo necessario rendere noti due importantissimi elementi. Nel corso dell’incontro è, infatti, emerso con certezza che, come dichiarato in consiglio, l’assessore Zaffino ha presentato un esposto in procura e per conoscenza in prefettura. A ciò si aggiunga che, contrariamente a quanto sostenuto in campagna elettorale dall’allora coordinatore provinciale del Pdl, Valerio Grillo, la lista capeggiata da Bruno Rosi non è mai stata sottoposta al vaglio della prefettura per una verifica preventiva dei componenti. Sarebbe interessante, soprattutto, in una regione, come la nostra, dove i processi di formazione del consenso seguono, talvolta, percorsi extra politici, capire le ragioni per le quali, nel bel mezzo della campagna elettorale, sia stata divulgata ad arte una menzogna tanto clamorosa. Prendendo atto della sensibilità e dell’attenzione della prefettura, sul “caso Zaffino” non possiamo non registrare l’assordante silenzio del sindaco e della sua maggioranza. Un silenzio che sta assumendo i tratti tipici dell’omertà. Viene da chiedersi, quindi, dove sia andato a finire quel “dovere morale” di cui l’attuale maggioranza parlava durante le elezioni; è forse morale che un sindaco sbugiardato pubblicamente da un suo compagno di partito non senta la necessità di intervenire? Sull’intera vicenda va fatta chiarezza, i cittadini hanno bisogno di sapere cosa ci sia di così inquietante dietro la defenestrazione dell’ex assessore. Il sindaco ha il dovere di informare la cittadinanza, di spiegare le vere ragioni, in caso contrario sull’intera cittadina rischia di proiettarsi l’ombra sinistra del sospetto. A questo punto, la sconcertante coltre di mistero può essere dissipata solamente dagli interessati. Che il fatto sia maledettamente serio e preoccupante lo dimostra anche il distacco con il quale la vicenda è stata trattata dal Pdl sia su scala locale che provinciale, tanto più che il coordinatore provinciale è anche capogruppo nel consiglio comunale serrese. Fino a prova contraria, infatti, Zaffino è regolarmente iscritto al partito berlusconiano, pertanto, appare strano che nessuno abbia avvertito la necessità di affrontare il caso. Rivolgiamo, quindi un appello al sindaco ed al consigliere Zaffino affinché rendano pubblico il contenuto dell’esposto, mettendo, così, fine agli inquietanti sospetti avanzati dalla vox populi. Fin quando gli interessati non sentiranno il dovere morale, civile ed istituzionale di fare chiarezza, continuerà a rimbombare l’eco di quelle parole rivolte al sindaco dal consigliere Zaffino: “la verità la sai tu, la so io, la sa tutta la maggioranza”. Beh, quella verità vorrebbero saperla anche i serresi!

Mirko Tassone (Al lavoro per il cambiamento) 

Rosanna Federico (Partito democratico)

Giuseppe Raffele (La serra)

Raffele Lo Iacono (Mpa)

Articoli correlati (da tag)

  • Mongiana, il sindaco Iorfida: 'Alloggi Aterp in pessimo stato, si intervenga al più presto' Mongiana, il sindaco Iorfida: 'Alloggi Aterp in pessimo stato, si intervenga al più presto'

    Il primo cittadino di Mongiana, Bruno Iorfida, ha scritto una lettera indirizzata all'Aterp e, per conoscenza, anche alla Prefettura di Vibo Valentia, «al fine di poter risolvere un grave problema», relativo agli alloggi Aterp del comune delle Reali Ferriere.

  • L'anticonsiglio comunale/35 - Il nuovo record dell'amministrazione Rosi: 5 minuti e tutti a casa L'anticonsiglio comunale/35 - Il nuovo record dell'amministrazione Rosi: 5 minuti e tutti a casa

    SERRA SAN BRUNO - Se quella di stamane non è stata la seduta del consiglio comunale più corta in termini di durata dell'amministrazione Rosi, davvero poco ci manca. La riunione del civico consesso si è tenuta alle 9 presso i locali di palazzo Chimirri ed, in pochissimi minuti, si è proceduto all'approvazione dei punti all'ordine del giorno. 

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

  • Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera

    mini polizia_cantonaleLa Polizia cantonale ha arrestato nei giorni scorsi in Svizzera Antonio Montagnese, 35 anni di Fabrizia, ritenuto al vertice dell'omonimo clan Montagnese-Nesci, e già condannato in Cassazione ad una pena di 9 anni di reclusione con l'accusa di associazione mafiosa. Il 35enne era rimasto coinvolto nell'operazione “Domino”, scattata nel 2007. Montagnese è il genero di Bruno Nesci, anche lui al vertice della consorteria mafiosa. Subito dopo la sentenza della Cassazione, arrivata nel maggio di quest'anno che ha certificato l'esistenza di un locale di 'ndrangheta a Fabrizia, Montagnese si era dato latitante in Svizzera, ma la Polizia Cantonale dopo mesi di ricerche è riuscita a rintracciarlo. 

     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)