Domenica, 17 Febbraio 2013 13:16

Alaco: la procura apre un’inchiesta sul ‘caso benzene’

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 2054 volte

 

mini Spagnuolo

Il Procuratore Mario Spagnuolo ed il sostituto Michele Sirgiovanni, la questione del benzene/non benzene - rintracciato ad inizio dicembre 2012 nelle acque dell’Alaco e poi sparito in sole 24 ore - proprio non riescono a ‘berla’. Una diffidenza legittima, condivisa dai 400mila calabresi che da quasi 7 anni, pagano e subiscono l’erogazione di un liquido giallastro e maleodorante direttamente dai rubinetti delle proprie case. Il 6 dicembre scorso l’Arpacal aveva eseguito nell’impianto dell’Alaco – posto sotto sequestro dal maggio 2012 – due prelievi di campioni d’acqua in punti diversi dell’invaso. In entrambi i casi era stata riscontrata una presenza massiccia di benzene e, assai stranamente, i dati erano stati resi pubblici soltanto due mesi dopo: il 29 gennaio successivo.
 
L’allarme aveva spinto il Prefetto Michele Di Bari a convocare in fretta e furia un tavolo tecnico e solo nello stesso pomeriggio, era spuntato un fax ‘ambiguo’, firmato dalla stessa Arpacal, in cui si sosteneva che non si trattava più di benzene, ma piuttosto di “composti aromatici alogenati derivanti dal benzene” (sostanze comunque tossiche) e che il disguido era stato causato da un mero “errore di trascrizione”. Quindi circa 60 giorni per pubblicare le analisi e sole 24 ore per contraddirle, tra l’altro, attraverso una smentita davvero poco attendibile.
 
I confini della vicenda si fanno così sempre più sfumati, anche perché nelle stesse analisi era stato riscontrato un livello di cloriti, anche stavolta, ben superiore alla norma. 
Allora proprio Spagnuolo, ha deciso nei giorni scorsi di nominare due consulenti allo scopo di fare chiarezza  sulla questione, in modo da capire di quali composti si parli (esiste una scala di 170 sottoprodotti diversi del benzene), come abbiano fatto a finire nelle acque già annose dell’Alaco, quali siano gli effetti sulla salute umana e, soprattutto, perché si è registrato un vuoto di ben 2 mesi fra il prelievo delle acque e la pubblicizzazione delle analisi. Lo stesso Procuratore vibonese si era reso autore dell’inchiesta ‘Acqua sporca’ che nel maggio scorso oltre a determinare il sequestro dell’invaso e di altri 56 apparati idrici dislocati su tutta la provincia, aveva emesso 26 avvisi di garanzia indirizzati ai vertici Sorical, Asp, Arpacal e a qualche amministratore comunale. Due settimane fa a finire sotto inchiesta, nel secondo filone delle indagini, ulteriori 20 sindaci ed ex sindaci dei paesi serviti dall’Alaco. Fra questi anche il primo cittadino serrese in carica Bruno Rosi ed il suo predecessore Raffaele Lo Iacono.

Articoli correlati (da tag)

  • Vibo, sequestrato il sistema fognario della zona ovest e centro della città Vibo, sequestrato il sistema fognario della zona ovest e centro della città

    È in corso un’attività di sequestro preventivo della rete fognaria di Vibo Valentia ovest e di parte della rete di Vibo centro disposta dalla locale Procura della Repubblica nell’ambito di indagini avviate a seguito dell’apertura, nel mese di gennaio 2016, di una voragine in pieno centro abitato, determinata dal cedimento di un cunicolo utilizzato, in modo incontrollato, come canale di scolo delle acque reflue urbane. 

  • Serra, sotto sequestro una stazione carburanti in via di realizzazione. Due gli indagati Serra, sotto sequestro una stazione carburanti in via di realizzazione. Due gli indagati

    Nella mattinata odierna, gli agenti del Corpo forestale dello Stato (Sezione di polizia giudiziaria della Procura della Repubblica di Vibo Valentia-Aliquota Cfs tutela ambiente e territorio) hanno proceduto al sequestro di un'area situata in viale della Pace, a Serra San Bruno, nella quale erano in corso i lavori di realizzazione di una stazione di carburanti.

  • Strada del mare, sequestro da 5 milioni a imprenditori, funzionari ed ex dirigenti della Provincia Strada del mare, sequestro da 5 milioni a imprenditori, funzionari ed ex dirigenti della Provincia

    VIBO VALENTIA - Gli uomini del Comando provinciale della Guardia di finanza di Vibo Valentia stanno dando esecuzione in queste ore ad un provvedimento di sequestro di beni nell'ambito dell'indagine avviata da tempo dalla Procura della Repubblica di Vibo in merito ai lavori di quella che è stata denominata come "la strada del mare", ovvero l'arteria provinciale (ex statale 522) che si snoda lungo il litorale tirrenico e che avrebbe dovuto collegare Pizzo a Rosarno. 

  • L'Arpacal avvia la campagna di misurazione del gas radon, ma il Comune di Serra non aderisce L'Arpacal avvia la campagna di misurazione del gas radon, ma il Comune di Serra non aderisce

    L'obiettivo è quello di stimare, in tutta la Calabria, la concentrazione di radon - gas proveniente dal sottosuolo e considerato radioattivo oltre che cancerogeno - presente negli ambienti di vita. Nel farlo, l'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente aveva inviato una lettera anche a tutti i Comuni del Vibonese, ai quali in sostanza l'Arpacal ha chiesto una fattiva collaborazione al fine di installare, a titolo gratuito, in diverse abitazioni residenziali, scuole o uffici pubblici, un numero sufficiente di esposimetri o misuratori assolutamente innocui, ma comunque indispensabili per stimare la concentrazione di gas presente negli ambienti di vita.

  • Serra, crollo vertiginoso della raccolta differenziata: dal 38% al 2% in un solo anno Serra, crollo vertiginoso della raccolta differenziata: dal 38% al 2% in un solo anno

    L’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente ha offerto una lettura che definire drammatica sembra davvero poco, rispetto alle modalità di gestione del comparto dei rifiuti solidi urbani nel territorio di Serra San Bruno. La cittadina della Certosa, infatti, nella comparazione fra il rapporto Arpacal sui rifiuti 2014 e quello dell’anno precedente, il 2013, emerge come la città - nell’intero territorio regionale - in cui si è registrato il decremento maggiore, in termini percentuali, di rifiuti differenziati conferiti.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno