Domenica, 05 Maggio 2013 19:52

Filippo e i suoi vent'anni mai compiuti: l'abbraccio di Soriano alla famiglia

Scritto da Alessandro De Padova
Letto 2274 volte
mini filippo_ceravoloSORIANO CALABRO - È uno dei tanti giovani morti ammazzati. Un figlio strappato dall’affetto dei suoi cari. Filippo Ceravolo era un giovane innocente. Il destino, però, ha voluto che quella sera si trovasse nel posto sbagliato, con la persona sbagliata. Perchè l’obiettivo dei sicari non era Filippo, bensì il 27enne Domenico Tassone. Non si può morire a 19 anni. Soprattutto quando ancora hai una vita davanti. Una vita che, però, si interrompe tutta d’un tratto. Quando meno te l’aspetti. È una mattanza di innocenti quella che, negli ultimi anni, sta interessando il Vibonese. Vittime innocenti come Filippo Ceravolo. O, ancora, come Pasquale Andreacchi. Vittime della barbarie umana, che non conosce ostacoli e non si ferma di fronte a niente ed a nessuno. La Calabria, però, continua a pianger i propri figli. In molti casi poco più che maggiorenni. Soriano, però, non ha mai dimenticato Filippo. Non l’ha fatto il giorno delle esequie. E neppure la settimana dopo, quando il Movimento spontaneo sorianese scese in piazza in una silenziosa fiaccolata.
Filippo lo ricordano tutti come un ragazzo dolce e semplice. Lo hanno ricordato anche i giocatori dell’ Ags Soriano, squadra neo promossa in Promozione, che hanno appunto dedicato la vittoria del torneo al giovane scomparso nell’ottobre scorso. Insomma: Filippo rimarrà, comunque, nel cuore di tutti. Lavorava con il padre Martino in giro per i mercati della zona. Si alzava presto al mattino, per racimolare quei pochi soldi che servivano per mandare avanti una famiglia. Filippo, però, non lo vedremo più ai mercati. Non è più con noi. E dimenticarlo non sarà semplice. Non solo per i familiari e gli amici, ma anche per i semplici conoscenti. Perchè quel ragazzo di 19 anni era amato da tutti. Come dimenticare i festeggiamenti per conquista dello scudetto della sua amata Juve. Filippo quel giorno era lì, in piazza con i suoi compaesani. Anche i tifosi bianconeri lo hanno ricordato qualche giorno dopo la tragica morte, durante l’incontro tra il Catania e la squadra di Antonio Conte, esponendo uno striscione con su scritto: «Filippo Ceravolo per sempre uno di noi».
 
Ieri è stato un giorno particolarmente significativo per la famiglia Ceravolo, in quanto Filippo avrebbe compiuto 20 anni. Per l’occasione, i familiari hanno organizzato una Santa Messa, tenutasi presso il Santuario di San Domenico e celebrata da padre Remigio Romano, domenicano, rettore del Santuario. I sorianesi, ancora una volta, hanno voluto ricordare Filippo, testimoniando allo stesso tempo la propria vicinanza a papà Martino, alla mamma Anna ed alle sorelle Giusy e Maria Teresa, tant’è che nemmeno la chiesa di San Domenico riusciva a contenerli tutti. Presenti, tra gli altri, anche il testimone di giustizia Rocco Mangiardi, originario proprio di Soriano e l’ ex primo cittadino del paese dell’ Alto Mesima, Francesco Bartone. Durante la messa, padre Romano ha sottolineato che «la paura più grande di ognuno di noi è quella di non essere amati da Dio. È come, cioè - ha affermato il rettore - se ci sentissimo dimenticati da Gesù. Dio, invece, è innamorato di noi. È molto ristretto. Si intromette nella nostra vita e vorrebbe che noi seguissimo la sua parola. Solo così risponde alle nostre paure ed ai nostri turbamenti. Se stiamo in pace con Gesù Cristo, allora riusciremo a superare i nostri timori. Diamo spazio alla fede nella nostra vita». Al termine della cerimonia, Martino Ceravolo ha lanciato un messaggio diretto agli assassini dalle colonne de ‘Il Quotidiano della Calabria’: «A chi ha avuto il coraggio di fare del male a mio figlio, pagherà per quello che ha fatto. Io e la mia famiglia combatteremo con tutte le forze necessarie per dare giustizia a Filippo. Cercherò i responsabili per tutta la vita. Auguro a loro - ha concluso Martino - la stessa sorte che è toccata a mio figlio». Subito dopo, ci è spostati al cimitero per un momento di preghiera e riflessione. Una famiglia affranta dal dolore. Che da mesi lotta contro un male incurabile che affligge la Calabria ed in particolar modo il Vibonese. Un male che negli ultimi tempi ha provocato una vera e propria carneficina. E le vittime quasi sempre sono giovani poco più che maggiorenni. Da Filippo a Pasquale Andreacchi passando per il piccolo Dodò, a Crotone. Commovente anche il messaggio che la famiglia ha voluto dedicare al 20enne: «Nel giorno del tuo ventesimo compleanno - si legge in un manifesto affisso tra le vie del paese - vibri più vivo nei nostri cuori. Sei ancora in questi occhi, in ogni parola, in ogni respiro; benché ti abbiano strappato via, come si strappa un tenero cuore da salde radici, ingiustamente, barbaramente, crudelmente. Nel nostro dolore, in questo giorno che avrebbe dovuto essere di festa, sei l’abbraccio eterno che non può avvolgerti, nostro piccolo sole, nostra gioia, nostro infinito amore, nostro vuoto incolmabile. Sei ogni nostro battito. Oggi, ieri e domani. Sempre». Buon compleanno Filippo. 
 
(articolo pubblicato su Il Quotidiano della Calabria)

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • Metano nelle Preserre, Bartone: «Un ritardo che sarà presto colmato» Metano nelle Preserre, Bartone: «Un ritardo che sarà presto colmato»

    SORIANO CALABRO I comuni dell’Alto Mesima potranno usufruire presto del gas metano. Un ritardo, quello della metanizzazione delle Preserre che potrebbe essere colmato a breve per mettere le famiglie del luogo in condizione di usufruire dei nuovi e tanto attesi contratti. «Sono in fase avanzata – ha dichiarato il sindaco Bartone – i lavori della rete di distribuzione del gas metano nel comune di Soriano Calabro». A quasi due mesi dall’avvio dei lavori e di seguito al sopralluogo effettuato sui diversi cantieri operativi, il primo cittadino tranquillizza la cittadinanza sullo stato di avanzamento degli impianti. Diversi tratti di rete, soprattutto nella parte del nuovo centro abitato, sono già stati realizzati, risultando oltre il cronoprogramma dei lavori.

  • Soriano tra i luoghi scelti per ospitare la “FAImarathon 2016” Soriano tra i luoghi scelti per ospitare la “FAImarathon 2016”

    Soriano Calabro sarà teatro, domenica 16 ottobre, della “FAImarathon 2016” evento creato con lo scopo di valorizzare e far conoscere le città a vocazione turistica. «Per la Calabria – si legge nella nota dell’amministrazione comunale – tra i cinque centri scelti dal FAI figura Soriano Calabro, ormai riconosciuta meta indispensabile da quanti amano l’arte e il bello».

  • Soriano, stilato il programma degli eventi estivi Soriano, stilato il programma degli eventi estivi

    Dalla cultura allo svago, passando per l'intrattenimento.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno