Mercoledì, 13 Febbraio 2019 14:45

Serra, il sentiero Frassati adesso è anche un ricettacolo di rifiuti

Scritto da Redazione
Letto 716 volte

Avete mai sentito parlare della teoria della finestra rotta? Ogni tanto in qualche articolo di giornale come quello che state leggendo rispunta fuori questa vecchia “teoria” che trae spunto da uno studio pubblicato da due criminologi statunitensi nel 1982, Wilson e Kelling, abili nell’osservare – per farla breve – come il trasgredire le regole anche con gesti apparentemente piccoli porti ad un effetto domino che origina conseguenze di gravità via via maggiore. Cosi, per i due criminologi americani, se nessuno ripara una finestra rotta in un edificio presto si diffonde l’idea che la struttura sia abbandonata o lasciata all’incuria e questo la rende più esposta a crimini e vandalizzazioni di ogni genere. Insomma se vi trovate in un posto dal prato curato, cestini in ordine, strade pulite, difficilmente butterete il vostro chewing-gum a terra, di contro una condizione di abbandono favorirà il pullulare di atteggiamenti poco ispirati al vivere civile.

Nella casistica rientra probabilmente il bistrattato sentiero Frassati di Serra San Bruno. Un percorso naturalistico di alto pregio ambientale, caratterizzato però ormai da un’incuria sempre più dilagante. Ne avevamo dato notizia alcuni giorni fa grazie alle foto inviateci da un nostro lettore che nel corso di quella che avrebbe dovuto essere una piacevole passeggiata si era imbattuto, per l’ennesima volta, in un vero e proprio pantano.

Il percorso, che partendo dall’area della Certosa di Serra San Bruno si snoda verso la montagna del Santuario di Santa Maria per raggiungere Mongiana, è ormai da tempo impraticabile con la ghiaia sul fondo drenata dalla pioggia verso l’esterno, pozzanghere e chiazze di fango che interessano in più tratti l’intera larghezza del cammino. Questo, sicuramente, per via delle negligenze degli enti territoriali preposti alla sua manutenzione ordinaria e straordinaria. Ma all’indolenza delle istituzioni adesso si sta aggiungendo anche il malcostume praticato da qualche incivile che ha pensato bene di utilizzare il Frassati come punto di deposito di rifiuti di ogni genere. 

Lungo il tracciato sono infatti apparsi due cumuli di immondizia, collocati uno a distanza dall’altro. Materassi, cartoni, plastica, stracci, pezzi di legno e vetro e altri rifiuti indifferenziati che qualche barbaro ha pensato bene di abbandonare in uno di quei luoghi che dovrebbe rappresentare la nostra vetrina migliore in tema di attrazione turistica. Uno spettacolo indecoroso che indispettisce chiaramente anche i molti residenti della città di Serra San Bruno (per fortuna la maggior parte degli abitanti prende con forza le distanze da queste condotte). È stato infatti un altro nostro lettore a segnalarci il caso grazie alle fote che tramite questo articolo giriamo a voi e, ancora una volta, alle istituzioni competenti. Con la speranza che possa servire a combattere e punire questi comportamenti e che si possa finalmente mettere mano al sentiero per sottrarlo a questa concanetazione di eventi caratterizzata da degrado che porta ad ulteriore degrado.

 

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno