Venerdì, 04 Luglio 2014 12:34

Arrestato in Germania 41enne serrese. È accusato dell’omicidio della moglie

Scritto da Redazione
Letto 3970 volte

giovanni pupoIl cadavere di Nicole Pupo, 29 anni, infermiera, madre di due bambini, è stato rinvenuto, alcuni giorni fa, in un bosco in Germania alla periferia di Nünschweiler, piccolo comune di poco più di 750 abitanti del landkreis della Renania-Palatinato a pochi chilometri dal confine con la Francia. Uccisa e seppellita secondo un piano diabolico su cui ora gli agenti della polizei stanno cercando di fare luce.

Il marito, un quarantunenne originario di Serra San Bruno, Giovanni Pupo, risulta essere, al momento, il principale sospettato. L’uomo sposato con la vittima da qualche anno, sarebbe stato fermato e tratto in arresto dopo il ritrovamento del cadavere della donna con la quale, pare, il rapporto sentimentale si fosse incrinato di recente, tanto che i due non convivevano più sotto lo stesso tetto già dall’ottobre scorso.

Il 41enne, di origine serresi, immigrato in Germania ormai da diversi anni, sarebbe stato arrestato alcune ore dopo il funerale della moglie, il 27 giugno scorso. La giovane, era stata avvistata per l'ultima volta alle 4.30 della mattina del lunedì di Pentecoste, in una discoteca di Kaiserslautern. Da allora della donna non ci sarebbe stata più alcuna traccia.

Già dal giorno successivo la polizia avrebbe avviato le operazioni di ricerca, anche attraverso un monitoraggio aereo, effettuato con l’ausilio di un elicottero, in particolare sulla vegetazione fitta dei boschi che circondano Nünschweiler. Il marito, già dalle prime ore, sarebbe finito sotto la lente di ingrandimento degli inquirenti, anche perché - secondo quanto riferito alla stampa locale dal procuratore Eberhard Bayer - si era più volte reso autore di atti di stalking e di minacce nei confronti della madre dei suoi figli. Dopo qualche giorno, il tragico ritrovamento, effettuato proprio in un bosco dove la polizia tedesca stava conducendo ricerche ancora più approfondite. Le operazioni sarebbero state agevolate soprattutto dagli ultimi spostamenti del cellulare della donna, che poco prima della scomparsa avrebbe agganciato le celle telefoniche del luogo.

Il successivo esame del Dna, così come riportato dai quotidiani tedeschi, avrebbe confermato che il cadavere appartiene proprio a Nicole Pupo. I test - effettuati presso l’istituto di medicina legale della University Hospital Homburg - avrebbero anche confermato che la donna sarebbe morta per soffocamento, poco prima di venire seppellita.

Le indagini, però, non sono da ritenersi affatto chiuse. La magistratura teutonica continua, infatti, ad indagare per omicidio e occultamento di cadavere, in modo, soprattutto, da definire i particolari della dinamica dell’omicidio oltreché il movente. Giovanni Pupo avrebbe fatto scena muta davanti agli investigatori tedeschi nell’interrogatorio di sabato scorso.

 

Articoli correlati (da tag)

  • Vibo dice 'no' alla violenza sulle donne, si rinnova l’evento organizzato dalla Pro Loco Vibo dice 'no' alla violenza sulle donne, si rinnova l’evento organizzato dalla Pro Loco

    VIBO VALENTIA - La città di Vibo Valentia dice "no" alla violenza sulle donne attraverso una serie di iniziative promosse dalla Pro Loco in collaborazione con l’associazione "L’eccellenza Turistica Mediterranea" e la "Leone Produzioni".

  • Vibo, spacciava marijuana in casa: in manette un 23enne Vibo, spacciava marijuana in casa: in manette un 23enne

    Nella serata di ieri, il personale della Squadra mobile ha tratto in arresto Saverio Ramondino, 23enne pregiudicato di Vibo Valentia, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale. 

  • Truffa online, denunciato un 46enne di Vibo Truffa online, denunciato un 46enne di Vibo

    Nella serata di ieri, gli agenti della polizia di Stato di Avellino hanno deferito in stato di libertà un 46enne di Vibo Valentia, residente a Lucca, in quanto ritenuto responsabile del reato di truffa online ai danni di un 36enne irpino. 

  • Vibo, rapina a mano armata a un supermercato: bottino da 10mila euro Vibo, rapina a mano armata a un supermercato: bottino da 10mila euro

    Il fatto è accaduto nella serata di ieri, intorno alle 21.15, quando quattro uomini armati e dal volto travisato, poco dopo l'orario di chiusura, hanno fatto irruzione nel noto supermercato di Vibo Valentia "La Latteria del Sole", situato sulla centralissima viale Affaccio, facendosi consegnare dal titolare la somma di 10mila euro in contanti. 

  • Ladri in azione ad Acquaro: rubati 5 fucili e monili in oro Ladri in azione ad Acquaro: rubati 5 fucili e monili in oro

    A metà mattinata di ieri, forzando una finestra, ignoti hanno fatto irruzione nella casa di A. C., un 65enne, pensionato residente nella frazione di Piani di Acquaro, e sono riusciti a portare via cinque fucili ed un modesto quantitativo d’oro. 

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno